Bouledogue Francese

bouledogue-frenc-buldog-begie

I French Bulldog sono dei cani che possiedono una conformazione anatomica del cranio che esita in un muso molto corto e schiacciato

A cura della Dott.ssa Grazia Franco Medico Veterinario di Royal Canin

Dalle umili origini all’acclamazione internazionale

Dalle stalle alle stelle, così potrebbe essere sintetizzata la storia del French Bulldog (o Bouledogue Francese), un mini molosso la cui popolarità ha subito un’ascesa inarrestabile.

Il French Bulldog nasce come cane dei “forts des Halles” ovvero scaricatori dei mercati generali parigini, macellai e cocchieri. Nonostante le sue origini umili seppe conquistare l’alta società e il mondo degli artisti grazie al suo aspetto fisico particolare e al suo carattere. Le sue radici nelle epoche più lontane invece sono incerte.


Come tutti i mastini, probabilmente anche gli appartenenti a questa razza derivano dai molossi d’Epiro e dell’Impero Romano, per poi differenziarsi dalla stirpe dei Bulldog Inglesi e dei piccoli cani tipo mastino (doguins) della Francia.

Il French Bulldog che oggi conosciamo è il risultato dei diversi incroci compiuti da appassionati allevatori nei quartieri popolari di Parigi alla fine del XIX secolo. Il primo Club di razza fu fondato nel 1880 a Parigi, ma si dovette aspettare altri diciotto anni prima che venisse stilato lo standard di razza ufficiale.

La forza dei molossi in una taglia ridotta

I French Bulldog sono tipicamente dei molossoidi di piccolo formato, possenti nello loro taglia ridotta, muscolosi, dall’ossatura solida, brevilinei, a pelo raso, orecchie erette e coda naturalmente corta.

Le mascelle sono larghe e potenti, quella inferiore si proietta in avanti rispetto alla superiore e descrive una curva verso l’alto, caratteristica che conferisce un’espressione simile al sorriso. Gli occhi sono scuri, il tartufo è nero, corto e rivolto all’insù con narici ben aperte. I soggetti di sesso maschile pesano dai 9 ai 14 Kg, le femmine dagli 8 ai 13 Kg.

Osservando un French Bulldog di lato, si nota una caratteristica peculiare del profilo superiore del tronco che dal garrese rimonta progressivamente fino a livello del fianco. Questa conformazione detta anche roach back è una caratteristica di razza.

Gli arti posteriori sono leggermente più lunghi di quelli anteriori, in modo da rendere il fondoschiena più prorompente. La lunghezza del tronco (dalla punta della spalla alla punta della natica) supera di poco l’altezza al garrese. La pelle è ben distesa su tutto il corpo, ad eccezione della testa dove forma delle rughe concentriche e simmetriche. I colori del mantello ammessi sono il fulvo, tigrato o meno, con o senza macchie bianche.
La varietà fulva tigrata prende il nome di bringè, mentre quella fulva tigrata con macchie bianche prende il nome di caille.

Medaglia d’oro in giocosità

I French Bulldog sviluppano un rapporto speciale ed esclusivo col proprietario, verso il quale possono manifestare addirittura possessività. Questi cani sono particolarmente affettuosi con i bambini e con loro sfoderano tutta la giocosità di cui sono capaci. I membri della razza si distinguono per essere attivi, intelligenti, dal temperamento sveglio, allegro, giocherellone e sportivo.

I French Bulldog sono dei cani brachicefali ovvero possiedono una conformazione anatomica del cranio che esita in un muso molto corto e schiacciato. Le razze con questa caratteristica possono essere soggette a respiro rumoroso e problematiche respiratorie. Nella razza French Bulldog sono inoltre comuni alcune patologie gastroenteriche e patologie ortopediche come la lussazione della rotula.