Lunetta sedici anni di amore

Addio Lunetta. Ci sei stata accanto sedici anni: tanti per te, certo. Ma tanti anche per noi.

Se anche tu vuoi raccontare la tua storia e quella del tuo pet, scrivici a info@petfamily.it. La pubblicheremo nel primo numero disponibile

Ti abbiamo amata come si può amare solo una figlia.

Non avrebbe potuto essere altrimenti. Sempre presente nei momenti del dolore, ci hai saputo sostenere con prove di matura saggezza, senza mai privarci del tuo profondo, compassionevole sguardo di conforto col quale hai generosamente elargito, pur senza parlare, ciò che nessun “umano” può e sa dare.

Ora ripetiamo inconsolabili le tante strade percorse assieme arrestandoci, però, sulla soglia di quella villa dove a lungo hai giocato spensierata rincorrendo la palla nel libero sfogo della tua giovanile esuberanza. Non osiamo entrare e rivedere quei luoghi. Sarebbe troppo lacerante adesso così come, a casa, lo è il posare lo sguardo sul tappeto, il tuo tappeto, divenuto di colpo una vuota, insignificante macchia di colore.

Col passare degli anni quei tragitti hanno iniziato a farsi sempre più brevi, i tuoi passi sempre più incerti.


Avremmo voluto condividere con te la decadenza senile alla quale la natura ci sottopone. Non è stato possibile. Ci hai preceduti. Non ti abbiamo mai amata intensamente come in quei momenti di fragilità quando, pur consapevoli dell’ormai imminente distacco, ti abbiamo sostenuta e, trattenendo a stento le lacrime, ci siamo concentrati soltanto, con caparbia ostinazione, nello sforzo di preservare integra sino alla fine la tua dignità dagli sguardi indiscreti, dai pietosi commenti di circostanza.

Nel ripercorrere quelle vie senza di te, immaginiamo di averti comunque vicina, ti vediamo ancora assorta nelle ingenue strategie di inseguimento di irraggiungibili gatti e sogniamo di incontrarti nuovamente – chissà dove, chissà come – lungo cammini invisibili agli occhi di tutti, non ai cuori di chi ha tanto amato.

Una sola certezza oggi ci conforta, giunti alle soglie della cosiddetta “terza età” di noi umani, non avremo abbastanza tempo per lenire il dolore né, tantomeno, per consentire che il ricordo di ogni singolo istante della tua vita possa sbiadirsi. Per noi non è poco. Grazie per essere nata, averci amati incondizionatamente e scelti per essere riamata.
Chica

© Riproduzione riservata