La febbre dello sharpei

Salve dottore, domenica la mia sharpei è stata male presentando però solo un sintomo di febbre e, una clinica veterinaria (dove siamo capitati per urgenza in quanto il nostro veterinario non era disponibile), ci ha praticamente diagnosticato con un emocromo e un’ecografia la Febbre dello Sharpei. Lei ha mai avuto a che fare con casi simili? Per ipotizzare che il cane abbia questa patologia per la quale non esiste un test, quali esami bisognerebbe fare?

La febbre dello Sharpei, o febbre ereditaria ricorrente, è legata alla variazione genetica che conferisce a questa razza le tipiche pieghe della pelle ma è anche responsabile di continui attacchi di febbre. Oltre quest’ultima si possono riscontrare gonfiori a muso ed arti, dermatiti ed otiti. Purtroppo non si può guarire da questa condizione, ma possono essere controllati i sintomi con integratori e farmaci che stimolano il sistema immunitario. Col tempo si può andare incontro a insufficienza renale cronica, quindi consiglio di monitorare il cane annualmente con esami del sangue e delle urine.

Dott.ssa Valeria Dori Medico Veterinario Vet in rete

Note dalla redazione

Vi ricordiamo che il nostro primo consiglio è sempre quello di contattare immediatamente il vostro Medico Veterinario di fiducia per una visita accurata, soprattutto in casi urgenti o che necessitano di una risposta immediata! I nostri esperti, infatti, non visitando personalmente il vostro pet, non possono una diagnosi precisa e di conseguenza non possono proporre terapie.

Inoltre, informiamo i lettori che per il gran numero di domande inviate, non riusciremo a rispondere a tutti.

Vuoi fare una domanda anche tu? Clicca qui!

Si consiglia di effettuare una ricerca nella sezione veterinario risponde prima di inviare la vostra domanda. Nel corso dei nostri 20 anni di servizio abbiamo pubblicato tantissime domande e tra queste potrebbe già essere presente la risposta al vostro quesito. Questo vi permetterà di ricevere una risposta immediata e ti poter intervenire per risolvere il possibile problema che affligge voi e il vostro miglior amico.

© Riproduzione riservata