IN PRIMO PIANO

Pet Word incontri informativi

Pet word Un ciclo di incontri per saperne di più sui nostri animali domestici L'arrivo di un cucciolo di cane in famiglia è sempre un momento di festa, ma richiede anche nuove responsabilità e consapevolezza della diversità animale. ...
Continua..
WWF libera cardellino tenuto illegalmente in gabbia

WWF libera cardellino tenuto illegalmente in gabbia L’uccellino era stato catturato e illecitamente detenuto presso l’ufficio dei custodi del cimitero comunale. Adesso è stata avviata un’indagine penale, poiché il cardellino è ...
Continua..
A Milano inaugurata la nuova area cani

Inaugurata la nuova area cani di P.le Accursio seMiniAmo è il progetto di Corporate Social Responsibility, ideato dall’agenzia di comunicazioneZack Goodmanin collaborazione con ilComune di Milano, che attraverso la partnership con la ...
Continua..
Chiusa con enorme successo la prima edizione di Pets In The City

Grande successo per Pets In The City il nuovo evento per tutti gli amanti dei pet! La manifestazione è stata accolta con entusiasmo da chi possiede "pet” o chi vorrebbe adottarli,in un contesto piacevole e ricco di proposte coinvolgenti. T ...
Continua..
Poldo, cane maltrattato e percosso, diventa mascotte di QuattroZampeinFiera

Il cagnolino, maltrattato e incatenato per quattro anni, è stato salvato dalla ‘Leidaa Como e provincia’ (Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente). Ca’ Zampa ha subito deciso di prenderlo in cura e porre fine alle sue sofferenze. Pold ...
Continua..
PURINA E "PETS IN THE CITY” PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA VITA DEI PET E DI CHI LI AMA

Milano Pets in the City 4 - 6 ottobre 2019 PURINA E "PETS IN THE CITY” PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA VITA DEI PET E DI CHI LI AMA  In occasione della manifestazione fieristica, Purina presenta attività educative e ludiche per sensibiliz ...
Continua..

ADOTTARE un cane
dal canile

ANGELICA D’AGLIANO

Adottare un cane da un canile è un gesto d’amore e di civiltà perché permette di regalare "una nuova vita” a un amico peloso meno fortunato.

La situazione del randagismo in Italia vede purtroppo un numero piuttosto alto di quattrozampe abbandonati. I dati più recenti del Ministero della Salute, che risalgono al 2011, parlano di più di centomila cani vaganti catturati sul territorio e che hanno fatto il loro ingresso nei canili sanitari su tutto il territorio nazionale.

Siamo davvero pronti?

Anche se i dati non sono aggiornatissimi danno un’idea delle dimensioni del fenomeno del randagismo in Italia e senz’altro spingono a riflettere sull’opportunità o meno di adottare un cane da un canile. Se pensiamo che l’adozione sia la strada che fa per noi, prima di "passare all’azione” ci sono diverse domande che è necessario farsi a priori, per capire se siamo veramente pronti ad affrontare un passo del genere.

L’amore prima di tutto

Un cane è un animale sociale che ha delle precise esigenze etologiche e un’aspettativa di vita intorno ai dieci anni (ma molti soggetti possono vivere anche più di quindici anni). Saremo disposti ad amare e prenderci cura di un animale tutto questo tempo? Se decideremo di fare questo passo dovremo essere certi che il nostro sia "vero amore” e che una volta preso l’impegno di occuparci di un peloso non torneremo indietro sulle nostre decisioni.

Un cane, molte spese

Il lato affettivo è forse uno degli aspetti più importanti che dovrebbe stare alla base di un’adozione ma naturalmente ce ne sono anche altri.Ad esempio quello economico: non bisogna pensare che un cane preso da un canile sia un investimento "a costo zero”. Certo, adottarlo economicamente parlando non ci costerà nulla, ma se anche avessimo dovuto pagare qualcosa quel "qualcosa” sarebbe stato una goccia nel mare rispetto ai soldi che ci vogliono per mantenere un cane tutta una vita: ci sono le spese veterinarie, quelle per il cibo che deve essere di ottima qualità, gli accessori che comunque sono necessari per una buona convivenza, le spese da sostenere per istruire, educare o addestrare il nostro nuovo amico. Se non si hanno le possibilità economiche per mantenere un cane forse è il caso di pensare a un percorso di volontariato in un canile o presso qualche associazione animalista (ce n’è sempre bisogno) o, eventualmente, a un’adozione a distanza che è molto utile e allo stesso tempo meno impegnativa per chi sceglie di sostenerla.

L’adozione a distanza è la risposta giusta per chi magari ha poco tempo o non dispone degli spazi adeguati per tenere con sé un cane, ma voglia comunque far del bene ad un quattrozampe meno fortunato. Molti canili offrono la possibilità di adottare a distanza un cane o anche di regalare un’adozione a una persona cara, magari per un regalo speciale.
La formula è quella di un contributo mensile, ma naturalmente c’è anche la possibilità di fare donazioni occasionali.

Tempo al tempo

Passiamo all’azione!

Se abbiamo fugato ogni dubbio e siamo sicuri della nostra scelta non resta che rivolgerci a una struttura, che può essere un canile sanitario o anche un canile privato, di solito gestito da associazioni di volontari. Ci verranno poste delle domande sulla nostra routine giornaliera, sul luogo dove abitiamo, sulle nostre intenzioni e necessità: tutto questo è normale, il personale del canile ha bisogno di conoscerci per capire prima di tutto se siamo davvero pronti ad adottare uno dei loro ospiti e inoltre per consigliarci un possibile compagno. Se siamo persone sportive e dinamiche probabilmente ci indirizzeranno verso la scelta di un soggetto giovane e pieno di energie. Al contrario se siamo persone più pacate o poco "atletiche”, forse potrebbe andare bene per noi anche un soggetto più anziano e che non necessita di svolgere un’attività fisica intensa.

Niente paura

L’adozione implica alcuni passaggi burocratici che faranno sì che il cane diventi nostro a tutti gli effetti, con tutti i diritti e i doveri che ciò comporta. Quando il nostro nuovo amico varcherà per la prima volta la soglia di casa dovremo essere molto calmi e pazienti e lasciargli del tempo per ambientarsi, soprattutto se si tratta di un cane adulto. Molto probabilmente il personale del canile ci avrà dato qualche indicazione riguardo gli accessori di cui è bene dotarsi, come le ciotole per l’acqua e per il cibo, il collare e il guinzaglio per le passeggiate e magari un trasportino per i viaggi in macchina. All’inizio il nostro beniamino sarà spaesato, quindi non dobbiamo aspettarci di vederlo subito giocare o mangiare con appetito, è normale così. Soprattutto se siamo alle prime armi, per gestire la convivenza col nostro nuovo amico possiamo pensare di farci seguire da un professionista in ambito cinofilo, che saprà guidarci per il meglio.

La registrazione all’anagrafe canina è un obbligo di legge e deve avvenire entro il secondo mese di età del cane, contestualmente all’inoculazione di un microchip identificativo. Quest’ultima è un’operazione innocua per il nostro amico e che porta molti vantaggi: ad esempio l’individuazione univoca del soggetto e del suo proprietario e una maggiore facilità nel ritrovarlo in caso di smarrimento. Una volta fatta la registrazione, il certificato di iscrizione all’anagrafe canina accompagnerà il nostro beniamino in tutti i trasferimenti di proprietà.


Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!