Il ginepro in ornitologia

Le bacche giungono a maturazione nel giro di 2 anni, cambiando colore da verde ad un viola scuro.

A cura diPasquale Quitadamo (CARGILL® Srl)

Il ginepro è una specie dioica, con i frutti (bacche)

Presenti solamente nelle piante femminili. Le bacche giungono a maturazione nel giro di 2 anni, cambiando colore da verde ad un viola scuro. Restano appese all’ albero da due e tre anni, per questo motivo ogni cespo presenta contemporaneamente bacche mature e bacche acerbe ancora verdi. Hanno un’aroma inconfondibile. Il nome in latino Juniperus significa infatti acre. Vengono raccolte in autunno, tra settembre e ottobre, e vengono poi fatte essiccare all’ ombra. In ornitologia si utilizza in particolar modo la specie di ginepro comune (Juniperus communis).

L’importanza del gusto

Il gusto pungente del ginepro è noto dal primo contatto con la bacca. In passato le bacche di ginepro venivano utilizzate per il trattamento di condizioni di stasi come l’artrite. Non si trattava di una funzione direttamente esercitata dalla bacca però.


Nello stesso momento in cui il gusto pungente della bacca viene rilasciato in bocca e nei condotti nasali, un’onda di “calore lubrificante” associato ad un aumento del flusso sanguigno periferico si diffonde attraverso il corpo fino alle braccia e gambe. L’aumento del flusso sanguigno è vantaggioso per infiammazioni croniche e condizioni di stasi.

Gusto forte, effetto forte!

Immaginiamo un individuo di centinaia o migliaia di anni fa colpito da una condizione artritica o di stasi.Assaggia delle bacche di ginepro e ne ricava una sensazione di sollievo.Si crea in tal modo una correlazione tra bacche di ginepro e il trattamento muscolo-scheletrico. Ancora più importante l’associazione tra gusto pungente e alleviamento del dolore. Questo esempio può essere applicato anche ad altre piante (le radici di aconito, Corydalis, resina di Boswellia). Tutte le piante con un forte gusto sono associate ad un forte effetto chimico.

Le proprietà del ginepro

Secondo alcuni studi il ginepro aumenta il volume delle urine senza perdita di elettroliti (quali il potassio ad esempio). (Blumenthal, 2000) Responsabile di questo il terpinene-4- olo, un olio essenziale. Altri importanti composti utilizzati per funzioni differenti e presenti nel ginepro sono i flavonoidi, resina, tannini, zuccheri, principi amari. Le indicazioni di utilizzo sono cistite, flatulenza colica, reumatismi, dolore reumatico in articolazioni e muscoli.

Utilizzi in ornitologia

Le bacche essiccate di ginepro sono utilizzate in alimenti quali pastoncini per uccelli frugivori che mostrano uno spiccato interesse per questa bacca (beccofrusoni, capinere, rigogoli etc.) e più in generale insettivori ed onnivori in particolare durante il periodo della muta (tordo sassello, cesena etc.), pastoncini per parrocchetti e pappagalli con basso contenuto grasso (secchi), mix di semi per uccelli indigeni quali verdoni, ciuffolotti, frosoni, crocieri. Wacholderdrossel è il nome con cui si indica la Cesena in
tedesco, significa letteralmente tordo ginepro.

Il ginepro nel menu

In un grammo di polvere troviamo circa 10 bacche; il consumo giornaliero consigliato in cattività è di circa 3/5 bacche al giorno per soggetto in funzione della specie. Possiamo ridurre i frutti a polvere utilizzando un macinacaffè, quindi polverizzare su frutta fresca per facilitarne l’attecchimento e l’ingestione.

La polvere può anche essere utilizzata per la creazione di un infuso dalle proprietà fitoterapiche (1/2 grammi per bicchiere d’acqua). Infine possiamo creare una marmellata di ginepro per i nostri pappagalli. Uniamo, come da consuetudine, il gusto acre della polvere di bacche di ginepro con quello dolce del succo di mela fino al raggiungimento di una consistenza tipica; 1 cucchiaio di polvere con 2-3 di succo di mela. Lasciamo riposare per 5 minuti ed aggiungiamo altro succo di mela se occorre. Tal quale oppure su pane come snack salutare per i nostri amici.

Il pastoncino alla frutta per uccelli insettivori e frugivori

Tutti frutti di Cargill Raggio di Sole Fly è un bastoncino specifico per il periodo di mantenimento, riproduzione e muta degli uccelli frugivori (beccofrusoni, rigogoli, capinere etc.). Si consiglia l’utilizzo nelle fasi del canto e della muta per gli uccelli insettivori ed onnivori (cesene, merli, tordi bottacci, tordi sasselli, usignoli del Giappone, ed altri insettivori ornamentali) come integratore energetico dell’alimentazione quotidiana. Contiene 12% di frutta tra cui bacche di ginepro e di sorbo dell’uccellatore, fichi, uva. Confezione disponibile: secchiello 1,5kg.

© Riproduzione riservata