Adattare il gatto ed un nuovo ambiente

Gatto-nascosto-dentro-una-scatola

Ricordi il tuo primo giorno di scuola? O come ci si sente ad iniziare un nuovo lavoro? Ricordi quanto era difficile sapere dove fosse tutto? È così che si sente un gatto si deve adattare ad un nuovo ambiente.

A cura della Dott.ssa EWA PRINCI Consulente esperta in comportamento ed etologia del gatto Centro di Cultura Felina

Come far adattare il gatto ad un nuovo ambiente

I gatti sono animali molto territoriali e il passaggio dal luogo a cui sono abituati ad uno nuovo può causare un po’ di stress. Il livello di stress dipenderà molto dalla personalità del gatto e dalle sue prime esperienze di vita.

I gatti sono anche molto abitudinari e qualsiasi cambiamento nel loro stile di vita può rendere molto difficile il loro adattamento, che, se gestito in modo improprio, può portare ad episodi di fuga o allo sviluppo di comportamenti indesiderati. Per i gatti, trasferirsi in un nuovo ambiente è simile al primo giorno dell’arrivo a casa. Nuovi mobili e odori e una mancanza di familiarità significano certamente che c’è molto da esplorare, ma anche molto di cui stancarsi, almeno all’inizio. Ambientarsi in un ambiente nuovo è difficile, anche per noi umani.

Quanto tempo gli occorre per adattare il gatto al nuovo ambiente?


Sfortunatamente, la risposta varierà per ogni gatto. Alcuni gatti sono abbastanza sicuri e si adatteranno rapidamente a un nuovo ambiente. Altri gatti potrebbero impiegare settimane. Il tempo necessario al tuo gatto per adattarsi al nuovo ambiente dipende in gran parte dal suo temperamento.

La cosa migliore è lasciare adattare il gatto al nuovo ambiente al proprio ritmo. Dagli tutto il tempo di cui ha bisogno per adattarsi alla sua nuova casa e non cercare di affrettare il processo.

Solitamente non necessitano di un tempo molto lungo ma un supporto umano adeguato è necessario per rendere tutto il più rapdio e meno stressante possibile. Vediamo qualche espediente che possiamo utillizzare per facilitare questa transizione.

FASE 1: prepara l’ambiente

La prima cosa che puoi fare è allestire la tua casa prima che arrivi il gatto. Sia che tu stia traslocando o che tu stia per accogliere il pet dove già vivi, ricordati che tutto deve essere a posto prima che arrivi il gatto.
Oltre alle risorse importanti come lettiera, ciotole, assicurati che ci sia un punto in cui il gatto possa rilassarsi, possibilmente in alto, e un posto dove possa nascondersi.

FASE 2: scegli una stanza base

Invece di lasciare che il tuo gatto perlustri immediatamente la nuova casa, scegli una stanza in cui può iniziare a sistemarsi. Va bene una qualsiasi che abbia una porta; riempi la lettiera e ponila vicina ad una parete, quindi metti cibo fresco e acqua accanto alla parete opposta.

Colloca anche un tiragraffi e dei giocattoli. Tenendo chiusa la porta, apri il trasportino e lascialo uscire quando vorrà. La chiave è farlo abituare prima a una piccola area della casa in modo che inizi a sentirsi a proprio agio con i nuovi odori, per poi andare ad esplorare tutto il resto.

Durante questo tempo, che può durare qualche giorno come qualche settimana, fagli visita regolarmente e dagli molta attenzione con coccole e gioco. Mantieni anche la stessa routine alimentare; ciò porterà un senso di familiarità in una situazione non familiare.

FASE 3: espandi il territorio

Una volta che il tuo gatto si è abituato a una stanza della casa, puoi lasciarlo vagare più liberamente. Meglio lasciare inizialmente la lettiera nello stesso spazio, ma puoi spostare la ciotola del cibo e la ciotola/fontana dell’acqua nei punti permanenti. Potresti vederlo muoversi molto lentamente, con la pancia bassa fino a terra e passi lunghi e lenti, quasi strisciando lungo le pareti. È normale.

Accompagnalo mentre si approccia ai nuovi oggetti e mentre si muove da una stanza all’altra. Non tenerlo in braccio ma lascialo esplorare liberamente secondo i suoi tempi e modi. Se noti però segni di stress fai un passo indietro e limita il territorio invece che espanderlo. Se invece il tuo gatto sembra adattarsi bene, puoi scegliere il posto permanente anche per la lettiera. Mostragli dove l’hai spostata in modo che al primo bisogno possa trovarla facilmente.

Gatto nascosto sulle scale dopo un trasloco di casa

Segni che il tuo gatto e stressato dopo un trasloco

  • Vocalizzazione eccessiva
  • Graffiature eccessivi
  • Toelettatura eccessiva
  • Nascondersi e/o ritirarsi evitando le interazioni
  • Ansimare e/o sbavare
  • Occhi che colano e/o naso che cola
  • Dissentieria
  • Mancanza di appetito
  • Letargia
  • Incidenti di minzione fuori dalla lettiera
  • Spruzzi di urina (verticali)
  • Aggressività

A seconda dello stile di vita che il gatto ha condotto in precedenza, potrebbe avere alcune reazioni al cambiamento ambientale che potresti non aspettarti. È utile essere preparati. Un gatto abituato precedenetemente all’esterno potrebbe grattare porte e finestre, vocalizzare; se invece ha sempre vissuto all’interno potrebbe essere più portato a nascondersi per periodi prolungati.

Cose da non fare

  • Regola numero uno: se il tuo gatto si nasconde, non trascinarlo MAI fuori dal nascondiglio. Questo lo aiuterà a sentirsi al sicuro.
  • Regola numero due: sebbene sia naturale per gli umani incoraggiarsi a vicenda con parole incoraggianti o contatti tattili per dimostrare che non c’è nulla di cui aver paura, questa è purtroppo la cosa peggiore che puoi fare con un gatto! È come se tu confermassi il suo stato d’animo! “Fai bene ad avere paura”. Esattamente il contrario di ciò che vogliamo comunicargli!
  • Regola numero tre: non avere fretta. Alcuni gatti impiegano molto tempo prima di sentirsi sicuri. Non affrettare il processo: se corri troppo lo riporterai indietro e renderai il processo ancora più lungo. Lascia che rimanga nella sua “stanza base” per tutto il tempo necessario a sentirsi più sicuro e, quando sarà pronto, lascialo uscire.

Assicurati che ci siano molti nascondigli accoglienti nel caso in cui si senta minaccciato dai nuovi oggeti, odori e rumori. Ricorda che non dovresti mai avvicinarti, toccare, parlare o persino guardare direttamente un gatto mentre è nascosto e ha paura. Si sentirà più al sicuro se pensa che nessuno possa vederlo.

Finalmente pronto!

Aiutare il tuo gatto a sentirsi a suo agio in una nuova casa è importante ed è meglio procedere con calma piuttosto che precipitarlo in una situazione in cui non si sente al sicuro. Saprai che il tuo gatto è pronto ad afrontare tutto il resto dell’ambiente quando verrà a salutarti mentre entri nella stanza e quando sembra nascondersi meno frequentemente.

Molto presto, il tuo gatto tornerà a comportarsi normalmente e probabilmente sarà persino entusiasta di esplorare il suo “nuovo regno”. Se il Micio era abituato ad uscire prima del cambiamento, attendere almeno 1-2 mesi per essere certi che l’ambientamento interno sia effettvamente concluso.

© Riproduzione riservata