Viaggiare in estate con cane e gatto

gatto-in-aereo

L’estate, per molti, è sinonimo di vacanze e viaggi, ma cosa fare se ci si vuole spostare con i propri animali da compagnia? In questo articolo parliamo di come viaggiare in estate con cane o gatto in tutta sicurezza

 A cura di Elena Braghin Giornalista e copywriter freelance

La prima cosa è informarsi con molta attenzione, sia riguardo alla destinazione che riguardo al mezzo di trasposto. Le regole possono variare molto ed è meglio partire preparati per evitare brutte sorprese.

Viaggiare in estate con il cane o il gatto in Italia o all’estero?

Quando ci si sposta con cane e gatto all’interno del territorio italiano sarebbe buona norma portare sempre con sé il loro libretto delle vaccinazioni. I viaggi all’estero, invece, richiedono documentazioni più specifiche.

Per viaggiare all’interno del territorio europeo è necessario essere in possesso del passaporto per animali in corso di validità, al cui interno siano riportati i dati del proprietario e i dati dell’animale, compreso numero di microchip (o del tatuaggio se applicato prima del 3 luglio 2011), l’avvenuta vaccinazione antirabbica e il trattamento contro la Tenia Echinococcus Multilocularis, così come stabilito dal Regolamento UE n. 576/2013.

Se siete diretti verso territori extraeuropei, il consiglio è di leggere attentamente le norme d’ingresso dello Stato di destinazione. Prestate molta attenzione a queste regole, perché, oltre alle vaccinazioni, potrebbe essere richiesto un periodo di quarantena per gli animali in arrivo, da effettuarsi presso strutture indicate dal Governo locale. In certi Paesi non è consentito introdurre alcuni animali, per cui al vostro arrivo in aeroporto potrebbe esservi richiesto di tornare indietro, oppure, nei casi peggiori, potrebbe essere previsto anche l’abbattimento dell’animale.

Attenzione, anche in Europa ci sono paesi che non ammettono l’ingresso ad alcune razze di cane. Ad esempio, in Germania è vietato introdurre Pitbull-Terrier, American Staffordshire Terrier, Staffordshire Bullterrier, Bullterrier ed anche incroci tra queste.

Viaggiare in estate con cane o gatto in auto

Ogni mezzo di trasporto ha le sue regole per viaggiare in compagnia degli animali.

La macchina è una delle scelte preferite da chi si sposta con cane e gatto, ma anche in questo caso è necessario rispettare delle norme. Il Codice della strada regola il trasporto di animali da compagnia con l’art. 169, comma 6, stabilendo che «[…] è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida.

È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo».

Gli animali a bordo della macchina devono viaggiare in condizioni di sicurezza per sé e per gli altri. I trasgressori rischiano una sanzione amministrativa, cioè il pagamento di una multa da 87€ a 344€.

Cane in auto sul sedile posteriore

Viaggiare con cane e gatto in altri mezzi di trasporto

Le regole per viaggiare in treno, nave o aereo con i propri animali domestici cambiano da vettore a vettore; pertanto è fondamentale informarsi sulle regole di ogni singola compagnia prima di intraprendere il viaggio.

Viaggiare in Treno

In treno, solitamente, è consentito il trasporto di animali di piccola taglia senza alcun sovrapprezzo, mentre per i cani di media e grossa taglia è previsto il pagamento di un posto a sedere al 50% del suo prezzo.

Per gli animali di piccola taglia come gatti e furetti è richiesto il trasportino, mentre per i cani è obbligatorio l’utilizzo del guinzaglio (non più lungo di un metro e cinquanta) e potrebbe essere richiesto l’uso della museruola in caso di necessità. L’accesso gli animali è solitamente vietato nel vagone ristorante, ad eccezione dei cani guida.

In Nave

In nave è vietato lasciare gli animali all’interno delle vetture. Per i viaggi lunghi è possibile prenotare, con anticipo, delle cabine pet-friendly. Gatti, conigli e furetti sono solitamente ammessi se viaggiano nel trasportino.

I cani di grossa taglia possono viaggiare sui ponti esterni o, se presenti, nei canili di bordo. Normalmente le compagnie richiedono certificato di buona salute dell’animale, microchip e vaccinazioni.

La documentazione richiesta potrebbe variare in base alla destinazione, pertanto verificate bene le regole prima di ogni partenza. Nelle aree comuni i cani vanno sempre tenuti al guinzaglio.

o in Aereo

In aereo non è semplice viaggiare con i propri animali da compagnia. Se decidiamo per questo mezzo di trasporto è fondamentale leggere attentamente i regolamenti di viaggio delle diverse compagnie aeree.

I viaggi in cabina con i passeggeri sono solitamente riservati ad animali di piccola taglia, che possano stare comodamente all’interno di trasportini dalle dimensioni idonee ad essere inseriti sotto il sedile del passeggero.

Inoltre, raramente viene consentito l’accesso a più di uno o due animali sul totale di passeggeri a bordo, pertanto è essenziale informarsi attentamente se non si vuole rischiare di far viaggiare il proprio animale in stiva.

La stiva degli aerei solitamente è organizzata con una parte di spazio dedicata all’uso di gabbie per il trasporto di animali. Il viaggio in stiva è spesso stressante e traumatico per gli animali, per cui valutate bene questa opzione prima di mettervi in viaggio con loro.

Anche in questo caso la documentazione richiesta può variare a seconda della destinazione; in generale, tutte le compagnie aree richiedono almeno il certificato di buona salute dell’animale e il libretto delle vaccinazioni.

Hotel e case vacanze

Quando si prenota una camera d’albergo o una casa vacanze è necessario rendere noto che si intende viaggiare con il proprio animale. Non tutte le strutture ammettono gli animali al loro interno. Alcune richiedono un sovrapprezzo. Esistono anche strutture pet-friendly dove gli animali sono ben accetti gratuitamente e dove sono previsti anche appositi spazi per il loro svago e divertimento.

Cane mentre fa il bagno al mare

La spiaggia

In Italia le spiagge non mancano, ma è bene sapere che non tutte sono aperte agli animali. Anzi, diversi comuni non accettano animali sul litorale. Di nuovo, è importante informarsi sulla destinazione prescelta al fine di evitare spiacevoli sorprese e multe salate. Esistono, comunque, spiagge dedicate dove è possibile godere del sole e del mare in compagnia dei propri quattrozampe.

L’abbandono di animale

Purtroppo, con le vacanze e i viaggi estivi si assiste ancora troppo spesso al fenomeno dell’abbandono di animali.

L’abbandono di animali è reato, punito con l’arresto fino ad un anno e l’ammenda da 1.000€ a 10.000€, come previsto dall’art. 127 del Codice Penale.

Se doveste assistere ad un episodio di abbandono o di maltrattamento di animale non esitate a contattare le Forze dell’Ordine, chiamando il numero unico delle emergenze 112. In caso di abbandono, per poter perseguire il colpevole, è necessario effettuare denuncia, depositabile presso qualsiasi Procura o Autorità di pubblica sicurezza.

Altri articoli su come viaggiare

© Riproduzione riservata