Professione Digital Pet Sitter

Ti spiego come lavorare con gli animali e usare web e social per promuovere la tua attività

È possibile affrontare un brusco licenziamento dal giornale per cui si lavora e trovarsi costretta a reinventare da zero la propria vita professionale?
L’esperienza di Daniela Larivei, contenuta nel suo libro “Professione digital pet sitter” (Dario Flaccovio Editore), dimostra di sì.

Siamo immersi in un periodo storico molto particolare, dove tante professioni sono morte, altre ancora sono nate e persone over 40 si trovano costrette a reinventarsi. È questa la storia dell’autrice, che ha messo a frutto le sue competenze accumulate nell’ambito della comunicazione e del mondo digitale coniugandole con l’amore per gli animali. Un binomio vincente che la ha permesso di rendere la sua più grande passione un lavoro a tutti gli effetti e sempre più richiesto.

Il libro spiega come guadagnare accudendo animali sfruttando al contempo i canali digitali, soprattutto blog e siti ma anche social network come Facebook e Instagram per fare pet personal branding ed avviare collaborazioni redditizie. Senza contare l’aspetto benefico di un lavoro a stretto contatto con gli animali: sempre più studi e ricerche scientifiche dimostrano la loro azione terapeutica nei confronti dell’essere umano, veri e propri esseri senzienti che riescono a migliorare la vita fisica e psichica di chi se ne circonda. Un ulteriore aspetto da non sottovalutare, se si desidera intraprendere una carriera come digital pet sitter.

“Questo libro non è mio – spiega l’autrice – ma di tutti i miei clienti.


Che mi hanno dato fiducia quando sono partita da zero, capendo semplicemente che le mie mani sapevano di tata buona. Il pet sitting oggi è un lavoro a tutti gli effetti e anche una professione e ha dato vita anche alla figura del pet blogger. Ma è un lavoro impegnativo e anche faticoso, e richiede molti requisiti, tra cui responsabilità, serietà e puntualità. Gli animali mi hanno salvato la vita, influendo positivamente sul mio modo di essere in seguito ad un brutto licenziamento. Sono rinata lavorativamente, e ho scoperto che facendo la pet sitter si diventa felici e liberi”.

Anno 1974, torinese di nascita, milanese di adozione, ex expat, Daniela Larivei è giornalista professionista, travel pet blogger, top pet sitter. A causa della forte crisi che ha coinvolto il settore giornalistico, nel 2013 viene licenziata in tronco dal suo editore. Non si perde d’animo, anzi. Trasforma la perdita del lavoro come una occasione per ritrovare la felicità e la libertà. Che ritrova con gli animali.

© Riproduzione riservata