Weimaraner bracco Tedesco

Delle origini del Weimaraner sappiamo poco o nulla, anche perché, come voleva la tradizione tedesca, intorno alla nascita di questo cane è stata fatta terra bruciata  in modo da mantenere il segreto su come si sia formata la razza.

a cura di Angelica D’Agliano

Indietro nel tempo con il Weimaraner

Una cosa però è certa: il bracco tedesco è sempre stato un grande cacciatore. Se avessimo la macchina del tempo e potessimo risalire alle epoche più remote, alle tracce primissime della sua presenza, finiremmo di certo nella Weimar del XVIII secolo alla corte del Granduca Carl August, personaggio di temperamento energico e sanguigno, gran bevitore e sportivo d’eccezione, amante della vita all’aria aperta e dei piaceri della tavola.


Si racconta che fu proprio il Granduca a selezionare questi cani. Lo scopo, le battute di caccia nelle sconfinate foreste della Turingia. Il Leithund, antenato del Weimaraner, viveva al fianco del suo conduttore.

Questa era una grossa novità rispetto agli altri cani della muta. Tale caratteristica si è conservata oggi anche nel nostro Bracco Tedesco, che vive spesso in famiglia e sviluppa un attaccamento fortissimo nei confronti del proprio padrone.

Definito Cane grigio

Ma se questo non bastasse potremmo spingerci ancora più indietro, ad esempio nella Francia del XIII secolo. E proprio là, vedremmo Luigi IX, detto “il ragno universale” per l’insopportabile cinismo, al ritorno da una crociata nel Nord Africa. 

Con sé portava un cane strano, che cacciava al fianco del suo conduttore. Per il colore del manto fu chiamato il Cane Grigio di Saint Luis.  Era “il nonno” del nostro Weimaraner.

Una testa preziosa

Oggi in Italia, paese non molto propenso alle attività venatorie, il Bracco Tedesco conosce una diffusione di tutto rispetto come cane da compagnia, amico insostituibile in centinaia e centinaia di famiglie. Quello che fa innamorare cinofili e appassionati di razza è l’intelligenza quasi prodigiosa di questi cani, che sembra avvicinarsi a quella umana.

  •  Il boom della razza negli USA risale agli anni 50. Alcuni esemplari appartennero a personaggi del calibro di Eisenhower, Grace Kelly, Roy Rogers.
  •  Il bracco tedesco è un ottimo cane da guardia perché è diffidente con gli estranei e al tempo stesso equilibrato nelle proprie reazioni
  •  Il Weimaraner è un vero atleta e come tale ha bisogno di un’attività fisica intensa e costante
  •  Il Cane Grigio venne chiamato anche Leithund poiché era usato nella traccia al guinzaglio, che era un antico metodo di caccia.
  • Lo standard:
  • Altezza al garrese: Maschio 59-70 cm Femmina 57-65 cm
  • Peso ideale: Maschio 30-40 kg Femmina 25-35 kg
© Riproduzione riservata