Cavalier King Charles Spanier

Il Cavalier King Charles Spaniel è un adorabile cane da compagnia originario della Gran Bretagna, oggi diffuso in moltissimi Paesi e apprezzato da un numero sempre crescente di cinofili.

A cura di ANGELICA D’AGLIANO 

Gli antenati dei Cavalier King Charles Spaniel

Questa razza fa parte della famiglia degli spaniel inglesi da compagnia. Il Cavalier King Charles Spaniel nasce in Inghilterra nel XX secolo dal meno famoso ma più antico Toy spaniel, esistente già nel 1700. Il Cavalier King Charles Spaniel, infatti, deve il suo nome ad uno spaniel di tipo Blenheim, il cane di compagnia di re Carlo I.

I Toy Spaniel avevano guadagnato molta popolarità, diventando i cani più amati dalle dame di corte. Possono essere ritrovati in numerosi dipinti del XVI, XVII e XVIII secolo di artisti come Van Dyck, Nicolas de Largilliere e Nicholas Maes. In seguito, la loro popolarità fu messa in ombra dai carlini, una razza diffusasi dal lontano Oriente.


Fu durante il regno della regina Vittoria, il secondo più lungo della storia, superato solo da quello dell’attuale regina Elisabetta II, che Carlini e Toy spaniel furono incrociati dando vita al Cavalier King Charles come lo conosciamo, con muso più corto rispetto ai loro predecessori e orecchie allungate.

Da qui, gli allevatori iniziarono a ricercare i migliori standard e a organizzare per la prima volta delle esposizioni canine. Un allevatore americano, il signor Roswell Eldridge, comprò proprio ad una di queste esposizioni i due esemplari che poi portò con sé negli Stati Uniti per continuare l’allevamento oltreoceano; è a lui che si devono gli attuali standard di razza. Il primo club di razza fu fondato nel 1928.

Il Cavalier King Charles Spaniel è attualmente ben diffuso a livello mondiale, e ben allevato anche in Italia.

Triste ed interrogativo io? Sono un concentrato di amore!

Il Cavalier è un cane di taglia tendenzialmente piccola, il cui peso medio è compreso fra i 5,4 e gli 8,2 kg. A dispetto della sua tipica espressione, interrogativa e quasi triste, dovuta alle sopracciglia molto espressive, il Cavalier ha una sola missione: amare!

Questa razza ha un carattere dolce ed entusiasta, mai aggressivo, né con le persone né con gli altri cani. Sono versatili e si adattano facilmente alla vita di appartamento: passano con agilità dal riposino sul loro cuscino preferito ad accompagnarvi nelle passeggiate al parco o nei boschi. Sono caratterizzati da una vivace intelligenza che li rende predisposti all’apprendimento: i Cavalier possono diventare campioni di obedience e perfino di agility!.

  • Il pelo si presenta come medio – lungo, senza riccioli ma leggermente mosso.
  • Numerose invece sono le frange, che non vanno tagliate.
  • Sono riconosciuti quattro colori: black and tan (nero corvino con focature), ruby (rosso-biondo), blenheim (macchie castane su fondo bianco) e tricolore (nero, bianco e marrone).
  • La testa risulta quasi piatta fra le orecchie, con il viso tendenzialmente schiacciato ma prominente nella porzione fra gli occhi.
  • Le labbra sono ben sviluppate e mai pendule.
  • Gli occhi sono di norma grandi, tondi, ben distanziati e di colore scuro, estremamente espressivi.
  • Le orecchie pendule sono sicuramente uno dei tratti distintivi di questa razza e, come per i Cocker Spaniel, è importante tenerle sempre ben pulite e areate: l’uso di un paraorecchie può aiutare a tenerle pulite anche durante i pasti; è importante confrontarsi su questo con il proprio Medico Veterinario di fiducia.

Un grande cuore da monitorare con attenzione

I Cavalier King Charles Spaniel sono particolarmente sensibili dal punto di vista delle patologie neurologiche e cardiache. I Cavalier sono predisposti per lo sviluppo della Malattia Degenerativa Valvolare Cronica, una condizione che colpisce tutti i cani di piccola taglia di età adulta – anziana, ma che in questi soggetti può svilupparsi prima e con un andamento più rapido.


È importante che i cani vengano sottoposti ad ecocardiografia, una procedura diagnostica indolore e di veloce esecuzione, per identificare i soggetti portatori. La siringomielia è invece una patologia neurologica in cui la struttura del cranio è troppo piccola rispetto al cervello; può svilupparsi a partire dall’anno di età, quando termina la crescita, ma anche in età avanzata.

I Cavalier King tendono a mantenere il peso forma con difficoltà: è importante che l’alimentazione sia adattata ai loro fabbisogni e che il cane faccia regolare esercizio fisico. Qualora si desiderasse un Cavalier, sarà fondamentale affidarsi ad allevatori di comprovata serietà, attivi negli screening di razza per queste patologie; in questo modo, escluderanno dalla riproduzione soggetti portatori ed eviteranno il propagarsi di queste malattie.

Irresistibili

È un cane di piccola taglia, dai movimenti aggraziati e dall’espressione tipica e dolce. Il Cavalier King Charles Spaniel, oltre che per il suo aspetto, tenero e indifeso, è anche famoso fra gli estimatori della razza per il suo carattere, che è straordinario. 

Si tratta infatti di uno dei cani più sensibili e dolci che esistano. Un Cavalier King Charles Spaniel nutre una fiducia incrollabile nei confronti degli animali e degli umani che lo circondano: per questo non gli è difficile conquistarsi nuovi amici e naturalmente un posto d’onore nella sua famiglia umana d’adozione.

Contatto costante

Se decidiamo quindi di accogliere in casa nostra uno di questi simpatici cagnolini dovremo dedicargli molto affetto e molto tempo. Questi animali infatti non vivono bene in solitudine ma, anzi, hanno bisogno di un contatto costante con i loro compagni a due zampe, dai quali non si separerebbero mai. 

Non è difficile educare bene un Cavalier King Charles Spaniel perché il suo animo è dolce e delicato. Basterà quindi seguire poche semplici regole di buona convivenza, intraprendendo magari un percorso di educazione cinofila di base che, oltre a divertire cane e padrone, potrà gettare le basi per un rapporto profondo e ricco di soddisfazioni.

Spesso i Cavalier King Charles Spaniel tendono all’obesità.
La maggior parte delle volte la colpa è dei loro compagni a due zampe, che non resistono alla tentazione di elargire bocconcini e snack a sproposito. In certi casi può bastare il ritorno a una dieta più sana e un piccolo aumento dell’attività fisica per risolvere la situazione. 

Obeso a chi?

I Cavalier King Charles Spaniel hanno una salute piuttosto buona e se correttamente seguiti da un buon medico veterinario si ammalano raramente. 

A volte possono avere qualche problema agli occhi, grandi e delicati, oppure alle orecchie, che necessitano di essere pulite periodicamente e con cura.

Spesso si dice che i Cavalier King Charles Spaniel tendano all’obesità ma per prevenire questa condizione patologica basterebbe seguire alcune regole molto semplici come evitare gli snack fuori pasto e praticare una corretta attività fisica (che fa bene, oltre al cane, anche al padrone).

Fammi vedere…

Ad ogni modo esiste un metodo molto semplice per valutare se il nostro amico sta prendendo troppo peso. Per prima cosa dobbiamo osservarlo: visto di profilo, il nostro Cavalier King Charles Spaniel dovrebbe avere un ventre leggermente rientrato rispetto alla linea del torace; allo stesso modo se lo guardiamo dall’alto dovrebbe esserci una certa differenza tra la gabbia toracica, il punto vita e il ventre. 

Se non notiamo queste differenze oppure se, ancora peggio, il nostro amico a quattro zampe presenta una preoccupante forma “cilindrica”, probabilmente vuol dire che c’è del peso di troppo da smaltire. 

Nei casi meno gravi può bastare un piccolo aumento dell’attività fisica, tuttavia se il problema non si risolve la cosa migliore da fare è consultare il proprio medico veterinario di fiducia. I Cavalier King Charles Spaniel hanno un bel pelo lungo e senza ricci, con frange abbondanti.

Questo mantello è uno dei vanti della razza e non dovrebbe mai essere toilettato. Per mantenerlo setoso e lucente ci vogliono spazzolature frequenti (l’ideale sarebbe una volta al giorno) con spazzole specifiche per rimuovere lo sporco e la polvere. 

In questo modo faremo risplendere tutte le meravigliose tonalità che può assumere il mantello del Cavalier King Charles Spaniel, che va dal nero e focato al rubino, dal blenheim al tricolore che scatena sempre un’overdose di coccole.

Standard in pillole

Il Cavalier King Charles Spaniel è un cane di taglia piccola, il cui peso può andare dai 5,4 agli 8,2 kg, e che deve sempre avere una costruzione aggraziata e armonica.

Il cranio risulta sempre quasi piatto fra le orecchie e lo stop non è marcato.
Il musetto, mai conico, ha un aspetto dolce , così come lo sguardo, che è vivo e intelligente. Le labbra non sono pendenti e le orecchie, che sono lunghe e dall’attaccatura alta, sono abbellite da abbondanti frange di pelo.

Gli occhi sono grandi, rotondi, scuri e non sporgono mai. Anche se è un cane piccolo, il Cavalier King Charles Spaniel è comunque muscoloso e abbastanza forte.

La sua andatura è disinvolta e aggraziata. Il pelo, lungo ma senza ricci, può presentarsi talvolta leggermente ondulato, nei colori rubino, tricolore, blenheim oppure nero e focato.

© Riproduzione riservata