Cani da bicicletta

Cani in bicicletta

 

A cura di ANGELICA D’AGLIANO

 

Anche se la vita di oggi è più sedentaria e comoda rispetto al passato, i cani sono e restano animali atletici, che necessitano di un adeguato esercizio fisico per potersi mantenere sani e in forma. Le due ruote possono essere una risposta per venire incontro, in un modo originale e divertente, ai bisogni dei nostri amici a quattro zampe.

 

Quando diciamo che i cani hanno bisogno
di fare movimento non stiamo parlando delle normali uscite per i
bisogni o della mezz’ora quotidiana di sgambamento al parco. Quelle uscite ovviamente sono
necessarie perché danno modo al nostro amici di “liberarsi” e di
passare qualche momento insieme ai loro simili, ma da sole non
bastano a soddisfare le esigenze dei nostri pet, soprattutto se si
tratta di animali giovani e sani. Un cane ha un vitale bisogno di
muoversi. Le sue caratteristiche etologiche
rendono irrinunciabile per lui una sana dose di attività fisica, sia
perché possa mantenersi in forma sia perché possa essere veramente
appagato e sereno. “Un cane stanco è un cane felice”,
recita un’apprezzata massima cinofila.

Sportivi nati

Ma all’incirca quanto dovrebbe
muoversi un cane ogni giorno? Molto dipende dalla razza, dallo stato
di salute e dalla costituzione del nostro amico. Se, ad esempio, parliamo di un cane di
media taglia, giovane e sano il suo bisogno di movimento sarà molto
alto, anche dieci-venti chilometri di trotto al giorno. Ovviamente se il nostro amico è
anziano, oppure se il suo stato di salute non è ottimale il suo
bisogno di muoversi sarà molto diverso, dobbiamo essere consapevoli
del fatto che ogni soggetto è unico e ogni situazione va valutata
singolarmente.

 

Quanto dovrebbe muoversi un cane ogni giorno? Molto dipende dalla razza, dallo stato di salute e dalla costituzione del nostro amico. Se, ad esempio, parliamo di un cane di media taglia, giovane e sano il suo bisogno di movimento sarà molto alto, anche dieci-venti chilometri di trotto al giorno. 

Le condizioni giuste

Se il fabbisogno di movimento del
nostro amico è particolarmente alto perché non prendere in
considerazione l’idea di fare delle belle passeggiate in bicicletta
con lui? Bastano pochissime, semplici precauzioni e la bicicletta può
essere davvero un’attività divertente e alla portata di bipedi e
quadrupedi. Da evitare ovviamente in caso di cani
che non sono nelle giuste condizioni fisiche (una visita dal nostro
veterinario di fiducia potrà aiutarci a fugare ogni dubbio) oppure
se nelle vicinanze non abbiamo strade adatte (in generale non vanno
bene le vie troppo trafficate, i tratti di asfalto troppo lunghi,
soprattutto in estate, e le forti pendenze).

 

La bicicletta è un’attività divertente e alla portata di bipedi e quadrupedi, soprattutto se abbiamo la possibilità di praticarla in un percorso in campagna, su strada sterrata. Il nostro amico potrà cominciare questo tipo di attività solo quando avrà completato il suo sviluppo fisico. All’inizio sarà libero e passeggerà con noi che condurremo la bici a mano. Poi, con i dovuti tempi, “fisseremo” il cane alla bici e saliremo in sella.

Passo dopo passo
L’ideale sarebbe dunque trovare un
buon percorso in campagna, su strada sterrata. Il nostro amico potrà
cominciare questo tipo di attività solo quando avrà completato il
suo sviluppo fisico e in ogni caso l’avvicinamento alla bicicletta
dovrà avvenire per gradi. All’inizio sarà libero e passeggerà
con noi che condurremo la bici a mano. Poi, con i dovuti tempi,
“fisseremo” il cane alla bici e saliremo in sella. Per agganciare il cane al mezzo ci sono
in commercio degli accessori molto utili, ma ovviamente possono andar
bene anche il normale collare e guinzaglio, purché si abbia la
giusta padronanza della bici e non si perda l’equilibrio.

 

I cani sono animali atletici che hanno bisogno di un adeguato esercizio fisico per potersi mantenere sani e in forma. Le normali uscite per i bisogni o la mezz’ora quotidiana di sgambamento al parco sono necessarie ma da sole non bastano a soddisfare le esigenze del nostro pet, soprattutto se si tratta di un animale giovane e sano.

Dog bike

Nella maggior parte dei casi durante
questi allenamenti il cane trotta accanto alla bicicletta. L’attività cambia, invece, nel caso
in cui sia necessario preparare i cani alle gare di sleddog: in
questo caso il cane corre davanti alla bicicletta, alla quale è
agganciato tramite una specifica linea di traino che è simile in
tutto e per tutto a quella che avrà quando sarà agganciato alla
slitta. In questo caso si
parla di Dog bike: i cani galoppano (non trottano, se non per brevi
periodi) e sono guidati a voce dal loro compagno umano che indica
loro la direzione da seguire attraverso specifici comandi. In Italia
il Dog bike si sta diffondendo sempre di più, soprattutto nelle zone
montane, bisogna ricordarsi però che si tratta di uno sport che
necessita di una preparazione specifica, per questo sarebbe
consigliabile seguire un buon corso prima di cimentarsi in percorsi
lunghi e impegnativi col nostro amico a quatto zampe.