Piccoli roditori da compagnia

Molti desiderano la compagnia di un animale ma a volte non sono in grado di tenere pet più “impegnativi” come cani e gatti. In questo caso, un’ottima alternativa può essere un piccolo roditore che, con la sua simpatia e la sua vitalità, può offrire compagnia, divertimento e affetto. Vediamo le caratteristiche delle principali specie.

A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI – Medico Veterinario

La Cavia

È la specie più sociale: poiché ha bisogno di compagnia e di contatti sociali, la cavia andrebbe sempre tenuta in coppia (dello stesso sesso, o sterilizzando il maschio).

Le cavie si affezionano molto ai proprietari e comunicano con un ricco vocabolario di versi, soprattutto per richiedere cibo e attenzioni. Sono molto docili, anche se timide, e per nulla amanti delle novità e dell’avventura.


La vita media è di circa 5-8 anni; se ben tenute, hanno pochi problemi di salute, ma devono ricevere un’alimentazione adeguata. Le cavie sono erbivore e si alimentano con fieno, erba e verdure fresche, soprattutto quelle più ricche di vitamina C (che è essenziale per questi roditori) quali peperoni, cavoli, broccoli e verze.

Il Cincillà

È un concentrato di simpatia ed energia. Ama correre, saltare ed arrampicarsi e necessita quindi di spazi particolarmente ampi, come una voliera con più ripiani, ma va preferibilmente lasciato libero per almeno qualche ora al giorno.

È piuttosto longevo, potendo superare i quindici anni di vita. È timido e non ama farsi maneggiare, ma sa intrattenere i suoi compagni umani con il suo carattere curioso e vivace. È erbivoro e va nutrito con fieno e una piccola quantità di pellet specifico.

Il suo apparato digerente e la dentatura sono molto delicati e non tollerano un’alimentazione scorretta; sono banditi dalla sua dieta semi, cereali, frutta secca e grandi quantità di vegetali freschi.

I Criceti

Sono roditori di piccola taglia, molto attivi, curiosi e alla perenne ricerca di cibo da accumulare. Ne esistono diverse specie, le più comuni delle quali sono il criceto dorato (o siriano) e il criceto russo. Vanno tenuti singolarmente in quanto sono piuttosto litigiosi, soprattutto il criceto dorato.

I criceti sono prevalentemente notturni, quindi adatti a chi lavora fuori casa di giorno e può goderne la compagnia di sera quando rientra. Non amano particolarmente essere maneggiati e non si affezionano particolarmente alle persone, dalle quali si aspettano solo di ricevere il cibo. Vivono in media 2-3 anni.

Sono onnivori e hanno bisogno di una dieta variata e non solo di miscele di semi: possiamo offrire loro cereali integrali (come ad esempio il muesli per la colazione) e pezzetti di pane o fette biscottate integrali, con l’aggiunta di vegetali freschi (frutta di stagione, radicchio, carote, ecc). Una o due volte alla settimana offriremo anche dell’uovo sodo, utile integrazione di proteine.

Il Ratto

È forse il roditore da compagnia più sottovalutato, ma è in realtà un animale intelligente, socievole e molto pulito; ha purtroppo un’aspettativa di vita di soli 2-3 anni.

I ratti sono animali sociali e hanno bisogno di molta compagnia. Necessitano di più attenzioni di quanto in genere richiedano i piccoli roditori ed è opportuno che il proprietario interagisca con loro almeno un’ora al giorno, permettendo anche l’uscita dalla gabbia.

Raramente questi roditori mordono, a meno che non siano maneggiati in modo rude. I ratti sono onnivori e hanno bisogno di una dieta variata basata su riso cotto, vegetali, uovo sodo, carboidrati integrali.

Le necessità

La cosa più importante di cui hanno bisogno i piccoli roditori è lo spazio: più ne avranno a disposizione meglio staranno. Non devono quindi essere confinati in gabbiette minuscole: dobbiamo offrire loro la gabbia più spaziosa che possiamo ospitare in casa. Il fondo della gabbia deve essere morbido, assorbente e confortevole.

Si possono utilizzare diversi materiali, come segatura, trucioli, pellet di carta riciclata o di paglia e, al di sopra, un bello strato di fieno morbido. Un accessorio indispensabile per tutti è una casetta in cui possano rifugiarsi per sentirsi al sicuro, dove non andranno mai disturbati. Questi animaletti sono molto attivi e per poter sfogare le loro energie è necessario che la gabbia ospiti una ruota per l’esercizio di dimensioni adeguate alla specie. Fa eccezione la cavia, che non utilizza la ruota.

In libertà

Il cincillà e il ratto, se abituati al contatto umano e non inclini alla fuga, possono a tutto vantaggio della loro salute essere lasciati liberi in una stanza sicura qualche ora al giorno. Sfrutteranno questo tempo per esplorare, fare esercizio e interagire con il proprietario.

Igiene

L’impegno maggiore nella gestione di questi animaletti consiste nel curare molto l’igiene della gabbia. Il fondo va cambiato spesso in modo che resti sempre pulito e asciutto e il beverino va lavato con cura e disinfettato almeno una volta alla settimana. Il cibo deperibile va asportato quotidianamente e occorre controllare che abbiano cibo fresco sempre a disposizione.

Attenzioni e compagnia

A parte i criceti, gli altri roditori sono animali molto sociali e hanno bisogno di compagnia e di contatto fisico: dovremo quindi essere disposti a trascorrere con loro del tempo tutti i giorni.
Tutti vanno sempre osservati con cura per assicurarci che si comportino normalmente e che mangino con appetito, in modo da cogliere prontamente eventuali segni di malattia o malessere.

© Riproduzione riservata