Si, viaggiare!

In auto, tram, bus, metrò, aereo: ogni mezzo è buono per passare una vacanza indimenticabile col proprio compagno a quattro zampe. Nelle righe che seguono abbiamo raccolto per voi alcune informazioni sui principali mezzi di trasporto: troverete le regole più importanti, le cose da sapere, suggerimenti pratici, iniziative, approfondimenti e tanto altro materiale utile per partire senza preoccupazioni.

In particolare, la nostra redazione ha curato ben cinque sezioni, dedicate rispettivamente al trasporto animali domestici in auto; aereo; bici e moto; traghetto; bus, tram e metro.

Viaggiare in Auto

Le quattro ruote sono forse il mezzo preferito dei padroni per viaggiare col proprio quattrozampe. Tuttavia prima di partire sono necessari alcuni accorgimenti importanti…

Prima di tutto le regole del trasporto cambiano, a seconda che si decida di partire con uno o più animali. Secondo il Codice della strada, infatti, se si viaggia con un solo cane, esso può essere tenuto libero a patto però che resti sul sedile posteriore (non deve costituire impedimento o pericolo per la guida).


I gatti, per loro natura, sono sempre più difficili da “contenere” rispetto ai cani. Pertanto, se vogliamo portarli in vacanza con noi, sarebbe sempre bene usare un trasportino. Diverso il discorso nel caso in cui i quadrupedi al seguito siano più di uno: in quel caso, infatti, ci vogliono gabbie o reti che separino il vano posteriore dal resto della vettura.

Non dimentichiamo che il viaggio resta pur sempre un evento stressante e impegnativo per i nostri amici animali. Assicuriamoci quindi che Fido e Micia stiano bene, prima di partire, e cerchiamo di non dar loro da mangiare. Il mal d’auto, purtroppo, è molto frequente fra i pet!

Al contrario, invece, l’acqua non deve mai mancare. Altro punto importante sono le fermate, che dovranno essere frequenti, per permettere ai nostri amici di bere, sgranchirsi le zampe e fare i loro bisogni. Durante i viaggi in macchina attenzione all’aria condizionata: può essere dannosa per la salute dei nostri amici.

Su due ruote

Quando l’estate si fa sentire è sempre bello godersi il fresco di una sana passeggiata in bicicletta o in moto. Ma se vogliamo portare con noi il nostro amico peloso dobbiamo fare molta attenzione alle regole…

Tra i tanti modi di fare vacanza coi propri amici a quattro zampe sono sempre più diffusi gli sport cinofili, tanto che i cani accompagnano i loro padroni praticamente dappertutto: perfino nei lanci col paracadute! Per quanto riguarda le passeggiate in bicicletta, però, c’è da fare qualche doverosa precisazione. 

Evitiamo di viaggiare in scooter o in moto con Micio: si spaventerebbe a morte. Per quanto sia diffuso, infatti, vedere nei parchi pubblici e nei luoghi di campagna bipedi in bici con quadrupedi al seguito, bisogna sapere che il codice della strada vieta ai ciclisti di condurre animali. (lo dice l’articolo 182 del codice della strada: “ai ciclisti è vietato trainare veicoli, salvo nei casi consentiti dalle presenti norme, condurre animali e farsi trainare da altro veicolo”). 

Se si ha un animale di piccola taglia la soluzione più sicura è quella di trasportare con sé il proprio amico. Se sono tollerati, occhiali e protezioni per le orecchie sono davvero preziosi per i nostri amici pelosi! Per il trasporto di animali su veicoli a due ruote, le regole sono le stesse sia per le bici sia per moto scooter e affini. 

E cioè: è possibile portare con sé animali purché siano custoditi in uno spazio tutto per loro, ad esempio una gabbia o un contenitore, “che sia solidamente assicurato, che non sporga lateralmente rispetto all’asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso oltre i cinquanta centimetri e che non limiti la visibilità al conducente”. Possiamo permetterci una traversata in moto con Fido solo se siamo certi che non si spaventerà, ad esempio a causa di rumori improvvisi. Questo modo di viaggiare, oltre a scongiurare multe anche salate, è il solo che garantisca la massima sicurezza ai nostri amici!

In Autobus

Se volete viaggiare in autobus, pullman, tram o metrò coi vostri beniamini, dunque, il consiglio è di stare molto attenti e informarvi bene delle regole che sono in vigore nel posto un cui intendete andare.

Nonostante ogni compagnia sia un caso a sé, per quanto riguarda l’accoglienza dei nostri amici a quattro zampe ci sono alcune indicazioni generali. Per esempio, la taglia. In molti casi i cani di taglia media o grande non sono ammessi su pullman, tram, metrò e simili. Molto più facile la vita per i pet di piccole dimensioni, che dopo aver pagato il biglietto possono salire a bordo quasi sempre.

Ovviamente, purché siano al guinzaglio (o portati in braccio), e non arrechino disturbo agli altri passeggeri. I passeggeri che accompagnano animali sono responsabili dei danni, se i pet si comportano male. Anche per quanto riguarda il numero di “pelosi al seguito” ci sono per lo più dei limiti, che di solito impongono ai padroni di non viaggiare con più di un animale per volta. Diverso è il caso dei cani guida per ciechi, che sono ammessi a bordo praticamente sempre, e gratis.

Anche loro, però, devono essere condotti al guinzaglio e non infastidire i viaggiatori. Per tutti i pet che non siano cani, in genere le compagnie di trasporti chiedono che il padrone, oltre a pagare il biglietto, custodisca i propri amici all’interno di contenitori che impediscano agli animali qualsiasi contatto con l’esterno.

Anche in questo caso, possono viaggiare solo pet di piccola taglia come uccellini, gatti, pulcini e simili. Fatte salve tutte queste regole, comunque, le compagnie si riservano sempre l’ultima parola nei confronti dei nostri amici. In particolari condizioni di affollamento delle vetture, a seconda delle richieste degli altri viaggiatori, o perfino per motivi non specificati, il conducente o il personale a bordo, infatti, può arrogarsi il diritto di negare l’accesso ai pet. 

 In Nave

Andare per mare è forse una delle esperienze più belle e ricche di fasciano che si possano fare, sia che si tratti di brevi tragitti nelle acque del Mediterraneo, sia che si parli di traversate transoceaniche. Molte compagnie sono organizzate per ospitare animali a bordo delle loro navi, ma a condizioni precise che devono essere rispettate..

Prima di tutto, è bene informarsi se la presenza di un animale domestico comporti degli allungamenti dei tempi di check in. Ad esempio per percorrere certe tratte dei mari francesi è richiesto di presentarsi in porto almeno 45 minuti o addirittura un’ora prima della partenza, se si vuole essere accettati a bordo. Altro capitolo importante, è capire dove viaggerà il nostro amico. 

Molte navi dispongono di gabbie sistemate all’aperto sul ponte, oppure nella stiva. Considerate che la stiva di una nave può raggiungere e superare i 50 gradi, se non è climatizzata: si tratta di temperature capaci di uccidere un animale. Inoltre la stiva è un locale rumoroso, che potrebbe causare un vero e proprio trauma al vostro amico, soprattutto se si tratta di un animale molto timido. Per questi motivi, il luogo migliore per alloggiare i nostri amici a quattro zampe in caso di viaggi per mare sono senz’altro il ponte e le cabine. Come detto, alcune compagnie sono attrezzate per ospitare pet sul ponte delle loro navi (basta informarsi bene), o comunque dentro gabbie-canili. 

Alcune compagnie hanno pensato di arricchire la loro offerta con delle cabine attrezzate per ospitare anche animali: pagando un supplemento è possibile regalare un viaggio comodo e senza intoppi al proprio amico peloso. Alimentazione: il consiglio è quello di far viaggiare a stomaco vuoto il proprio pet (potrebbe soffrire il mal di mare!), è comunque necessario attrezzarsi con una ciotola per non far mai mancare acqua fresca e pulita al nostro amico.

In Aereo

Contrariamente a quanto si possa pensare, l’aereo è un modo di spostarsi piuttosto semplice e agevole anche per i nostri amici. Basta che siano educati, puliti… e che prenotino il loro biglietto per tempo!

Per quanto riguarda il trasporto aereo, dobbiamo tenere presente che ogni compagnia ha le proprie tariffe e modalità di prenotazione e imbarco per i nostri amici a quattro zampe. Per questo prima di intraprendere un viaggio coi nostri beniamini (a maggior ragione se si tratta di uno spostamento importante), è sempre bene informarsi presso la propria compagnia aerea delle regole da seguire se si ha un “peloso al seguito”. 

In aereo, i cani guida possono essere imbarcati in cabina senza il trasportino. Naturalmente dovranno essere muniti di museruola e guinzaglio. Ad ogni modo ci sono delle indicazioni generali che valgono più o meno per tutti, e che sono enunciate dalla IATA (Associazione Internazionale Trasporto Aereo). Prima di tutto la prenotazione, che è necessaria per qualsiasi animale domestico.

I nostri amici, ovviamente, devono viaggiare nel loro trasportino, le cui dimensioni e il cui peso sono decisi dalle singole compagnie, ma che ad ogni modo non devono superare i 46x25x31 cm di dimensioni, e, una volta “pieni”, gli 8 kg di peso. Gli animali oversize, che superano gli 8 kg trasportino compreso, dovranno viaggiare nella stiva.

Attenzione anche alla pulizia e all’educazione dei nostri amici: il comandante ha la facoltà di far trasferire gli animali nella stiva o addirittura sbarcarli al primo scalo, se questi risultano maleodoranti oppure infastidiscono in qualche modo i passeggeri.

Sempre per evitare brutte sorprese, e soprattutto per non vedere il nostro amico costretto a viaggiare in stiva, si tenga presente che a volte i voli possono avvenire in cosharing. In altre parole: si compra il biglietto della compagnia A, ma si viaggia in realtà su un aereo della compagnia B. In questo caso valgono le regole della compagnia che detiene il mezzo di trasporto!

Un’ultima nota: sono molte compagnie che nel loro regolamento menzionano il capitolo cibo, dicendo che l’alimentazione dell’animale che viaggia in aereo è completamente a carico del padrone. Sebbene questa osservazione sia più che sensata, il consiglio è comunque quello di non alimentare il proprio amico prima di mettersi in viaggio, a maggior ragione se sappiamo già che per motivi di taglia il nostro beniamino sarà trasportato in stiva. 

Non sedate il vostro cane per farlo viaggiare in aereo: alcune compagnie potrebbero rifiutare l’imbarco! Sono molti gli animali che soffrono di mal d’aria. Se non vogliamo che una trasvolata diventi una sofferenza per i nostri pet, è bene evitare pappa o snack prima della partenza!

© Riproduzione riservata