Come allestire la casa per il furetto

Come allestire
la casa per il Furetto

Piccolo mammifero appartenente all’Ordine dei Carnivori e
alla famiglia dei Mustelidi, il furetto è un temibile cacciatore di serpenti e
roditori. Ma è anche un ottimo animale da compagnia, capace di adattarsi
velocemente e perfettamente alla vita domestica e alla presenza di altri
animali.

A cura della Dott.ssa Emanuela Tetta
Medico Veterinario – Adelfia (BA) Emanuela.tetta@virgilio.it
Ha un carattere allegro, vivace e giocoso; è intelligente,
socievole, silenzioso e dormiglione. Infatti, a differenza dalla maggior parte
dei Mustelidi che sono attivi nelle ore notturne, il furetto è un animale
diurno, per cui la notte per lui è dedicata al riposo. 
La caratteristica che contraddistingue questo simpatico
animale è la sua curiosità che lo induce a esplorare minuziosamente tutto il
territorio che gli viene messo a disposizione. Per questo motivo, una volta
presa la decisione di adottare un furetto è bene preoccuparsi della sua
incolumità nell’ambiente domestico, adottando dei piccoli accorgimenti che
potrebbero salvargli la vita.
Come rendere la casa un luogo sicuro

I furetti, essendo considerati animali da compagnia a tutti
gli effetti, vengono trattati come cani e gatti e lasciati liberi di muoversi
in casa. Tuttavia, questa tendenza deve essere scoraggiata perché i furetti
possono essere vittime di incidenti domestici anche fatali. 
Prima di acquistare un furetto, è bene procurarsi una gabbia
capiente, robusta, facile da pulire e sufficientemente alta per posizionare una
piccola tana che può essere un cestino, alcune scatole di cartone e accessori
per il gioco. 
Nella gabbia non deve mai mancare una piccola amaca nella
quale il furetto potrà dondolarsi, assumere posizioni buffe e acrobatiche, e
soprattutto dormire. 
Sul pavimento della gabbia verranno predisposte le ciotole
per il cibo e per l’acqua e una cassetta igienica tipo quella utilizzata per i
gatti. In alternativa, si possono acquistare anche quelle specifiche per
furetti, di forma triangolare, che si posizionano in un angolo della gabbia. La
lettiera sarà costituita da materiali assorbenti come i pellet di carta
riciclata o trucioli di abete frammisti a tutolo di mais.
 
Il furetto è stato addomesticato nel IV secolo a.C in Europa, al fine di cacciare
serpenti e roditori.

Libera uscita
Il furetto non può trascorrere tutta la giornata in gabbia. Questo
animale ha infatti bisogno di fare esercizio, di giocare, di curiosare e di
interagire con i suoi proprietari. 
Per questo, gli dovranno essere concesse alcune ore al giorno da trascorrere fuori dalla gabbia,
sempre sotto stretta sorveglianza. 
Lo spazio che verrà dedicato al furetto deve essere sgombro
da qualsiasi oggetto e da cose che possono essere danneggiate dalla sua
irruenza e ingordigia. Il pericolo principale, infatti, è proprio l’ingestione
di materiali di uso quotidiano, che possono essere causa di ostruzioni
intestinali che quasi sempre comportano un intervento drastico. 
Attenzione quindi ai prodotti di cancelleria come matite,
gomme per cancellare, astucci di gomma morbida, spugnette, elastici, lacci
delle scarpe, solette, imbottiture dei cuscini. Ma attenzione anche ai divani,
nei quali il nostro amico si rifugia correndo il rischio di essere schiacciato.
Consigli pratici
Se ospitiamo un furetto in casa nostra, è bene tenere sotto
chiave i prodotti per l’igiene della casa, le medicine, ma anche le sigarette:
il furetto infatti è in grado di aprire le ante dei mobili e degli armadi. Ma
non è tutto. 
Ricordiamoci di controllare sempre il frigorifero prima di
chiuderlo e teniamo presente che anche i fili elettrici rappresentano un serio
pericolo, se rosicchiati. Dopo i primi mesi di adattamento, il furetto imparerà
a convivere con i componenti della famiglia e con gli arredi e le sue
incursioni saranno facilmente prevedibili!
Il furetto si lascia addestrare con molta facilità e un furetto adeguatamente addomesticato morde di rado.
Potrebbe interessarti: il furetto in famiglia
                                        il furetto
                                        alimenti consentiti e vietati per il furetto
                                        alimentazione del furetto
© Riproduzione riservata