Rane in acquario: tutto quello che c’è da sapere

Sbirciando nelle vasche dei negozi di animali ci s’imbatte oltre che in un vasto assortimento di pesci tropicali dai colori sgargianti anche nelle simpaticissime ranocchie acquatiche e la tentazione di inserirle nel proprio acquario è generalmente molto forte… Bisogna però prendere in considerazione l’ambienta più adatto alle rane da acquario.

a cura di Carlo Speranza www.aipaonline.it
AIPA – Associazione Italiana Pesci ed Acquari

Le più comuni rane da acquario

Le varietà di rane acquatiche più comuni sono Xenopus laevis – nella selezione naturale di un classico color marrone e nella varietà albina di un bel colore rosa – e le Hymenochirus sp. generalmente vendute nella colorazione bruna marroncina.

Entrambe vivono benissimo all’interno di un acquario ,l’importante è che la vasca sia chiusa da un coperchio vista la loro grande capacità di saltare, comune con le altre rane anfibie.


L’ideale per questi animali è però una vasca monospecifica, in quanto la loro convivenza con i pesci non è sempre fortunata: le Hymenochirus sono molto piccole e di indole timida quindi finirebbero per non riuscire a procurarsi cibo. Le Xenopus invece, raggiungono dimensioni ragguardevoli e diventeranno ben presto, predatrici dei piccoli pesci ospitati in acquario.

Le Xenopus sono rane molto voraci e predatrici: anche se talvolta certi
commercianti (con pochi scrupoli o non preparati) cercano di venderle
a proprietari di acquari in cui sono ospitati altri pesci.

Questi animali dovrebbero vivere in vasche dedicate esclusivamente a loro.

Rane Notturne

Le Hymenochirus sono originarie dell’Africa centro-occidentale.

Da adulte raggiungono dimensioni non superiori ai 3-3,5 cm, sono dotate di zampe anteriori palmate, vivono perennemente sott’acqua e per questo possono essere tranquillamente ospitate nei comuni acquari.

Hanno abitudini notturne, difficilmente si adattano a mangiare cibi liofilizzati mentre accettano di buon grado cibo vivo o surgelato come le larve di zanzara.

La quantità di cibo deve essere consumata nell’arco di pochi minuti e la frequenza non deve essere giornaliera, dal momento che una delle prime cause di morte di questi piccoli animali in acquario è proprio la sovralimentazione.

Le rane Hymenochirus hanno movenze molto particolari e buffe: quando capiscono di essere osservate o si sentono in pericolo si
immobilizzano assumendo posizioni molto divertenti.

La convivenza tra rane è consigliata?

La convivenza di queste rane con i pesci tropicali è sconsigliata perché farebbero fatica a recuperare cibo, andrebbero quindi alimentate di notte sempre che in acquario non ci siano anche altri ospiti notturni.

La vasca ideale per l’allevamento delle Hymenochirus, allevamento che andrebbe fatto in piccoli gruppetti, è un acquario di circa 30 litri, con uno strato di sabbia non tagliente sul fondo, molte piante e nascondigli.

L’acquario può anche non essere dotato di luce e filtraggio per l’acqua, anzi, la formazione di uno strato di melma sul fondo è molto gradita a questi animaletti perché in natura vivono in zone paludose.

Come cibo le Xenopus gradiscono praticamente di tutto, occorre pertanto riservare loro un buon assortimento di alimenti di qualità.

Quanto cresce una rana da acquario?

Le altre rane comunemente commercializzate sono le Xenopusche contrariamente alle Hymenochirus diventano molto grandi, anche 15 cm in taglia adulta. Si riconoscono facilmente perché hanno un aspetto molto più paffuto e cicciottello, quelle più comuni sono le Xenopus in varietà albina di un bel colore bianco rosato.

Rispetto alle Hymenochirus hanno palmate solo le zampe posteriori. L’acquario in cui vanno ospitate deve essere almeno di 60 litri visto le dimensioni da adulte. Queste rane vivono in gruppo ma occorre prestare attenzione alla taglia, che deve essere similare per tutti gli ospiti dal momento che le Xenopusnon disdegnano il cannibalismo.

La vasca va arredata allo stesso modo che per le Hymenochirus, il fondo deve essere o molto fine oppure molto grossolano, tipo ciottoli, per evitare che grani di sabbia vengano ingeriti insieme al cibo, visto il modo famelico in cui queste rane si nutrono.

Il filtraggio deve essere un po’ più curato perché, essendo molto voraci e diventando parecchio grandi; le Xenopus sporcano molto di più l’acqua.

In conclusione possiamo affermare che l’acquisto di una rana deve essere fatto consapevolmente e con coscienza, solo in questo modo questi simpatici animaletti sapranno ripagarci con momenti divertenti e tante soddisfazioni.

© Riproduzione riservata