Pesce Molly e Platy, una gioia per gli occhi

Originaria delle regioni tropicali e subtropicali americane, la famiglia dei Pelicidi comprende specie di forma ed aspetto variabilissimi e addirittura inusuali. Il pesce Molly e il pesce Platy sono originari di questa famiglia bellissima, scopriamo tutto ciò che c’è da sapere.

A cura della Dott.ssa FEDERICA MICANTI – Medico Veterinario

Quali sono le caratteristiche del pesce Platy e Molly?

La bocca dei Pelicidi di solito è rivolta verso l’alto poiché si cibano di larve e piccoli insetti. Sono pesci di dimensioni abbastanza ridotte ma dalla livrea decisamente variopinta, specialmente nei maschi, con variegature e striature che contrastano con la tinta di fondo. Le femmine vengono fecondate mediante una particolare pinna anale trasformata in un organo copulatore, detto “gonopodio”. Dopo una gestazione variabile da tre settimane ad alcuni mesi partoriscono numerosi avannotti vivi, molto piccoli, che sono fin da subito in grado di procurarsi il cibo da soli.

 Lotta alla malaria

La bocca dei Pelicidi di solito è rivolta verso l’alto poiché si cibano di larve e piccoli insetti. Numerose specie si nutrono delle larve di zanzara e per questo vengono utilizzate in alcuni Paesi nella lotta biologica contro l’Anofele responsabile della diffusione della malaria. A tal proposito in Italia sono state sfruttate le doti predatorie della Gambusia affinis, originaria del sud degli Stati Uniti, per la bonifica di numerose zone palustri.

Il pesce Platy è molto di compagnia


Sono pesci che prediligono stare riuniti in piccoli gruppi, al punto che se vengono tenuti isolati si intristiscono fino a morire. I maschi spesso litigano tra di loro per avere la supremazia sul branco ma le loro non sono assolutamente delle battaglie, bensì delle scaramucce.

Alcuni dei pesci più diffusi sia nei negozi di acquariofilia sia nelle vasche di molti appassionati appartengono proprio a questa importante famiglia: i Molly, i Platy, i Portaspada e molti altri sono pesci dai colori gradevoli, abbastanza semplici da allevare, prolifici, affatto timidi, adatti ai neofiti e perfetti negli acquari non eccessivamente grandi.

I Pelicidi sono pesci abbastanza piccoli ma dalla livrea variopinta, specialmente nei maschi, con variegature e striature che contrastano con la tinta di fondo.

Parenti stretti: i Molly

Diffusa dagli Stati Uniti fino al Messico, in fiumi, laghi e spesso in acque salmastre e perfino marine, questa specie si ritrova sul mercato in parecchie varietà, selezionate per ottenere le livree più variopinte. La presenza del Molly (Poecilia lapinna) è assai comune in molte tipologie di acquario.

Il corpo di questo pesce è abbastanza allungato e compresso lateralmente, la testa è piccola e rivolta verso l’alto. La femmina è più grossa e più “panciuta” rispetto al maschio. Sono pesci onnivori, che si possono nutrire con cibi freschi, secchi e vivi. È tuttavia indispensabile integrare la dieta con alimenti vegetali come verdure disidratate o fresche. Molto apprezzate sono le larve di zanzara.

I Molly, i Platy e i Portaspada sono pesci dai colori gradevoli, abbastanza semplici da allevare e molto prolifici.

I pesce pacifici

È una specie pacifica, che si adatta bene alla convivenza con altri pesci, anche se i maschi adulti sono spesso aggressivi tra di loro. La vasca dovrebbe essere abbastanza ampia, con vegetazione abbondante, per offrire riparo ai piccoli nei loro primi momenti di vita. Essendo indispensabile l’aggiunta di sale marino nell’acqua, bisogna scegliere delle piante e dei pesci in grado di tollerare questa salinità. La temperatura dell’acqua nella vasca va dai 25 ai 27°C, mentre la durezza, va intorno ai 10° dGH ed il pH neutro.

Il pesce Platy: tutto ciò che c’è da sapere

I Platy (Xiphophorus maculatus) sono originari del Messico e del Guatemala. Sono considerati tra gli ospiti più apprezzati degli acquari di comunità. Sono di taglia contenuta (raggiungono infatti i 6-7 centimetri di lunghezza). Hanno una morfologia assai variabile, alcuni individui sono snelli, altri sono leggermente appiattiti sui fianchi. A partire dalla colorazione originaria sono state selezionate varietà dalla livrea assai più vivace: rossa, gialla, nera ecc.

Si tratta di una specie onnivora, che accetta cibi secchi e mangimi composti. Per evitare che danneggino le piante presenti in acquario, è necessario somministrare loro anche dei vegetali freschi, come insalata e spinaci. Sono pesci molto adatti ai neofiti, ossia a coloro che si cimentano per la prima volta nell’allestimento di un acquario, in quanto non hanno particolari esigenze per quanto riguarda la grandezza della vasca e i parametri
chimico-fisici dell’acqua, che sono molto simili a quelli dei Molly: temperatura 22-26°C, pH neutro, durezza tra i 10 e i 20° dGH.

© Riproduzione riservata