Il Pesce farfalla: caratteristiche e habitat

I Pesci Farfalla appartengono alla famiglia Chaetodontidae.

A cura della Dott.ssa FEDERICA MICANTI Medico Veterinario

Possiedono una livrea dai colori vistosi e dai disegni del tutto particolari, che ricorda un po’ quella dei Pesci Angelo.

Sono a loro agio in acquario, tuttavia tendono facilmente a nascondersi. Essendo pesci molto timidi possono anche alimentarsi di meno lasciando il cibo alle altre specie, per questo motivo è bene prestare molta attenzione quando distribuiamo cibo secco, vermi e alghe. Vediamo insieme le specie più comuni di Pesci farfalla.

Chaetodon auriga

Tipico delle scogliere dell’ Indo – Pacifico, ha il corpo quasi completamente bianco e ricoperto da due zone di linee scure diagonali opposte. La parte più alta e posteriore del corpo è più scura nel punto in cui le bande diagonali sembrano fondersi. Una banda verticale più scura attraversa la testa passando sopra all’occhio e linee gialle attraversano il muso. La zona posteriore del corpo è gialla con una macchia a forma di occhio nell’angolo superiore. I giovani possiedono già questa macchia, ma di colore meno intenso. Dall’indole abbastanza pacifica, questo pesce raggiunge circa i 20 cm di lunghezza.

Chaetodon unimaculatus


Diffuso dal Mar Rosso alle Hawaii, ha il corpo giallo con una zona leggermente più chiara tra l’occhio e il centro dei fianchi. In mezzo
al corpo si trova una macchia a forma di goccia che, man mano che l’individuo cresce, diventa più sfumata e spesso arriva a essere grande come un punto. Una striscia scura verticale attraversa l’occhio. 

I giovani sono più chiari e, come già detto, presentano la macchia scura molto più distinta. Come Chaetodon auriga, anche Chaetodon unimaculatus
raggiunge la taglia massima di circa 20 cm. Questa specie dal temperamento piuttosto pacifico si adatta bene alla vita in cattività, a patto che gli venga somministrato abbondante cibo vivo (vermi) oppure cibo per pesci surgelato di ottima qualità.

Chaetodon decussatus

Diffuso nell’Indo – pacifico, è molto comune in acquariofilia ed è ideale per gli acquariofili neofiti e principianti. Il corpo è color crema pallido formato da due zone percorse da linee diagonali scure. Nella prima zona le linee vanno da dietro alla testa a fino a sopra la regione dorsale, nella seconda zona invece vanno dal primo gruppo di linee fino verso la parte posteriore della pinna anale.

Una striscia scura verticale attraversa la testa e l’occhio. La parte terminale del corpo, la pinna anale e quella dorsale a base lunga, sono principalmente nere. La pinna caudale è gialla con una striscia nera in mezzo e il contorno bianco. Le pinne pettorali sono bianche. Anche questo pesce ha un’indole abbastanza pacifica e può raggiungere una lunghezza di circa 20 centimetri.

Chelmon rostratus

Questo esemplare molto particolare detto anche Pesce pinzetta oppure Pesce farfalla dal rostro è tipico in tutto l’Indo – pacifico e nelle acque basse del Mar Rosso. Sebbene sia molto diffuso in acquariofilia, non si adatta
facilmente alla vita in cattività e non è molto resistente. Per farlo ambientare possono essere utili nascondigli e luoghi appartati da creare all’interno della vasca.

Il corpo come colore di fondo è argento chiaro, livrea decisamente insolita per la famiglia dei Pesci farfalla, ma la mancanza di una colorazione intensa è compensata dalla presenza di quattro bande arancioni vivo bordate di nero che attraversano verticalmente il corpo. 

La prima banda copre l’occhio, mentre nella quarta vi è una macchia nera bordata di bianco a forma di occhio, che offre ai possibili predatori un falso bersaglio. Un quinta banda attraversa la parte posteriore della pinna dorsale e anale e precede una striscia nera bordata di bianco. Un’ulteriore striscia arancione si estende dalla fronte al muso. Le pinne pelviche sono di colore arancione e bianco. Questo pesce utilizza il muso estremamente allungato per estrarre il cibo dai coralli. È necessario alimentarlo con molti vermi.

© Riproduzione riservata