Un giardino a misura del cane

Un giardino a misura del cane

Alcune piante da giardino possono risultare tossiche, se
accidentalmente ingerite dai nostri animali domestici. 
Tra queste, l’elleboro, l’azalea, l’oleandro, il bosso,
l’ortensia, l’edera, il mughetto, il tasso, il ciclamino, l’agrifoglio.

A cura di ANGELICA D’AGLIANO
Ecco qualche consiglio utile per vivere al meglio questo
spazio insieme al nostro
migliore amico.
A ognuno il suo
Ogni razza ha il proprio particolare percorso di selezione
alle spalle e di conseguenza le proprie attitudini, che ovviamente hanno un
riflesso anche nel comportamento del nostro amico a quattro zampe (si pensi ad
esempio all’amore per l’acqua dei Terranova, o all’indole vivace e
intraprendente dei Beagle). 
Conoscere a fondo le caratteristiche della razza alla quale
appartiene il nostro beniamino, ci sarà quindi di grande aiuto per comprendere
meglio il suo comportamento. 
Volendo fare un discorso ancora più generale, consideriamo
inoltre che, al di là dell'appartenenza a una razza, ciascun cane ha poi la
propria personalità e le proprie caratteristiche, che ovviamente lo renderanno
più o meno propenso a passare del tempo all’aria aperta o magari a scavare
buche nel nostro prato appena messo a dimora.
Un recinto “a prova di cane”
La recinzione è ciò che separa il nostro giardino
dall’ambiente esterno e che quindi impedisce a Fido di fuggire o, peggio,
cacciarsi nei guai. 
Nel momento in cui progettiamo il nostro angolo verde,
dedichiamo quindi una attenzione speciale al recinto che lo delimiterà, che
dovrà essere “a prova di cane” proprio per garantire la sicurezza del nostro
migliore amico. Scegliamo quindi materiali solidi e resistenti, che non possano
essere distrutti dall’impeto del nostro compagno a quattro zampe. 
Se Fido è uno “scavatore”, facciamo in modo che la
recinzione abbia anche una parte ben interrata, in modo che sia difficile per
lui scavare tunnel a scopo “evasione”.


 

Con l’arrivo della bella stagione torna la voglia di passare
del tempo all’aria aperta e, perché no, 
anche in giardino.

Aree protette
Non sottovalutiamo l’utilità dei recinti. Oltre a impedire
fughe, possono aiutarci anche a delimitare porzioni di giardino che desideriamo
tutelare. 
Una aiuola con piante particolarmente pregiate o delicate,
un angolo roccioso o magari un fazzoletto coltivato a orto possono essere
facilmente protetti con una adeguata recinzione. 
Scegliendo i materiali giusti, otterremo non solo delle aree
“off limits”, ma potremo anche dare bellezza e movimento al nostro giardino,
distribuendo al meglio forme e volumi.
Viva il verde
Chi condivide la propria vita con un cane può ritrovarsi a
temere di non poter avere in nessun caso un prato curato e in salute. 
In realtà le cose non stanno propriamente così. Magari un
prato impeccabile come quelli che si vedono nei campi da golf sarà un obiettivo
un tantino ambizioso da raggiungere, ma è certo che con i giusti accorgimenti
potremo fare in modo che Fido rispetti le aree verdi del nostro giardino. 
Se poi avremo cura di tenere il nostro prato il più
possibile pulito e irrigato avremo più possibilità di scongiurare la formazione
di antiestetiche aree giallastre e prive di copertura erbosa. Non dimentichiamo
poi che gli spazi verdi non sono solo belli, ma anche funzionali. La
consistenza soffice e la freschezza dell’erba sono infatti caratteristiche
molto gradite anche ai nostri compagni a quattro zampe.

Uno spazio verde come un giardino non deve sostituire
certamente le passeggiate all’aria aperta col nostro compagno peloso!

Relax condiviso
Uno spazio verde come un giardino non sostituisce certamente
le passeggiate all’aria aperta col nostro compagno peloso, che restano uno dei
momenti più belli che possa offrire la vita con un amico a quattro zampe. 
Il giardino, tuttavia, può essere un bellissimo spazio dove
condividere giochi e momenti di piacevole dolce far niente, soprattutto durante
la bella stagione. 
Perché quindi non creare un vero e proprio angolo di relax
condiviso, magari con un ombrellone e delle comode sedute per noi, e un bel
giaciglio per Fido? 

Gli attrezzi da giardino dovrebbero essere sempre custoditi
al sicuro, a maggior ragione se in casa nostra vive anche un amico a
quattrozampe.

Piante pericolose
Attenzione alle piante che sceglieremo per il nostro
giardino. Alcune specie possono risultare tossiche, se accidentalmente ingerite
dai nostri animali domestici.
Per fare alcuni esempi di piante che comunemente troviamo
nei nostri giardini ma che possono rappresentare un pericolo per i nostri pet,
si possono citare l’elleboro, l’azalea, l’oleandro, il bosso, l’ortensia,
l’edera, il mughetto, il tasso, il ciclamino, l’agrifoglio. Ma ovviamente
l’elenco completo è molto più lungo. Meglio quindi chiedere informazioni al
Medico Veterinario di fiducia, in caso di dubbi. 
Ricordiamoci che maggiormente a rischio sono i soggetti
giovani, in special modo quelli che attraversano la delicata fase della
dentizione, in cui i cuccioli sono particolarmente propensi a masticare tutto
quello che trovano “a portata di zampa”.
 Occhio agli attrezzi
Una speciale attenzione la meritano anche gli attrezzi da
giardino, che dovrebbero essere sempre custoditi al sicuro, e che a maggior
ragione non possono essere lasciati in giro se in casa nostra vive anche un
amico a quattrozampe, specialmente se cucciolo. 
Non è raro, infatti, che giocando o semplicemente
curiosando, un cane possa ferirsi con gli elementi taglienti degli attrezzi per
la cura del giardino.

Oltre a impedire fughe, le recinzioni possono aiutarci anche
a delimitare porzioni di 
giardino che desideriamo tutelare.