Cane e cambio di stagione: 10 consigli utili

Come affrontare insieme ai nostri amici a quattro zampe il cambio di stagione? Di seguito, 10 consigli utili

a cura di Raffaella Gallo, istruttrice cinofila, per Ultima Petfood.

L’autunno è ormai arrivato: le giornate iniziano a essere più corte, l’aria è più fresca. Cambiano le abitudini quotidiane nostre e del nostro cane, ed è molto importante prestare massima attenzione alla sua alimentazione, alla cura del pelo, all’attività fisica e ai parassiti.

1. Esercizio fisico a casa

Con l’abbassarsi delle temperature le passeggiate diminuiscono e, per questo motivo, le articolazioni del cane vanno tenute calde con qualche esercizio di stretching. I muscoli possono essere scaldati giocando al gioco della corda o al riporto della pallina per circa venti minuti al giorno. Questi esercizi possono essere fatti comodamente al chiuso, possibilmente anche come riscaldamento prima di uscire in passeggiata.

2. Alimentazione


Durante l’autunno le temperature cambiano e il cane ha bisogno di assumere più proteine e grassi, in previsione del freddo invernale. Per un cane che vive all’aperto, in giardino, è importante aumentare la razione giornaliera ed eventualmente chiedere al veterinario se è opportuno somministrare un integratore vitaminico; per tutti i cani che vivono in casa, in particolare quelli di taglia piccola, sarà sufficiente assicurarsi che la quantità di grassi e proteine sia sufficiente. Nei prodotti Ultima Mini, per esempio, si trovano tutti i nutrienti e le vitamine che occorrono per sostenere al meglio il cambio di stagione.  

3. Rischio di congestione

Se siamo soliti dare da mangiare al nostro cane poco prima della passeggiata facciamo molta attenzione che non prenda freddo; possiamo evitare una brutta congestione fornendo al cane cibo a temperatura ambiente, attendendo qualche minuto fuori dalla porta principale di casa e cercando di uscire in maniera graduale sostando nelle varie zone di uscita del condominio. Sarebbe ideale preferire passeggiate nelle ore più tiepide e centrali della giornata. 

4. Cura del pelo

In questo periodo potreste notare che il cane si gratta spesso, specialmente dove ha il pelo più folto.  Ebbene, la famosa muta si palesa anche in questo momento dell’anno. Si può favorire il rinnovo del pelo con una spazzolata al giorno e un bagno, a casa oppure in toelettatura. Esiste un nuovo modo di lavare il cane, il bagno con ozonoterapia. Riempite la vasca d’acqua fino alle spalle dell’animale e rilasciate nell’acqua tiepida bolle di ozono: l’idromassaggio favorisce la caduta del pelo vecchio e stimola la crescita di pelo nuovo. L’uso del phon e di una spazzola a setole morbide oppure un cardatore in metallo (meglio se con copri punte) contribuiranno a ridurre la durata del periodo della muta.

5. Dolori articolari e raffreddori

Con i primi freddi i cani più delicati possono provare dei dolori articolari, dovuti ai forti sbalzi da dentro a fuori casa oppure rispetto alle varie ore della giornata. Di solito chi esce molto presto al mattino e molto tardi di sera è più a rischio. Per scongiurare raffreddori e altri dolori sarà sufficiente favorire le ore più tiepide e mantenere la temperatura di casa non troppo elevata, considerando che 19-20 gradi sono ideali per un cane.  

6. Asciugare sempre pancia e zampe

Nella stagione fredda la brina del mattino e le piogge repentine bagnano l’erba, per questo il cane torna a casa sempre umido. È importante asciugare pancia e zampe quando si rientra a casa o portarsi un asciugamano al parco se ci si trattiene.  Se si ha un cane a pelo medio/lungo si può chiedere al toelettatore un taglio corto, che favorisca un’asciugatura veloce. Rimanere bagnati, a lungo termine, porta a fenomeni di artrosi e raffreddamenti.

7. Parassiti

La lotta ai parassiti continua anche in autunno. Il rischio di contrarli è dietro l’angolo, a causa di piogge e forte umidità. Zecche e pulci si nascondono sotto le foglie cadute e nell’erba bagnata. In particolare, per i cani che amano le pozzanghere, è importante chiedere un consulto al veterinario su quali precauzioni prendere. 

8. Abituare il cane al cappottino

Non è scontato che un cane accetti di farsi mettere un impermeabile, pertanto conviene abituarlo a piccole dosi fin da cucciolo o comunque appena lo si adotta. Si può far indossare il cappottino in casa, nei momenti di gioco o della pappa, e farglielo indossare anche in passeggiata solo quando è perfettamente a suo agio. Attenzione alla misura, un impermeabile troppo stretto o troppo largo può infastidire un cane al punto da non volere più uscire di casa.

9. Piante autunnali

Chi ama passeggiare nei grandi parchi sa che in autunno si può trovare di tutto. Funghi e muschi, castagne nascoste sotto le foglie, ghiande, lumache. I cani più curiosi tenteranno di assaggiare il tesoro che hanno trovato, attenzione però a tutto ciò che è velenoso. 

10. Cibi dannosi

L’autunno è anche la stagione in cui iniziano a susseguirsi festività ed è probabile che il nostro cucciolo possa entrare in contatto con cibi particolarmente lavorati: attenzione a non lasciare dolcetti a portata di cane! Anche i pomeriggi trascorsi a casa, al caldo, a sorseggiare the e biscotti rappresentano lo stesso rischio, perciò occhio a non abituare il cane ad assumere alimenti nocivi per lui. 

© Riproduzione riservata