Sospette allergie e intolleranze primi sintomi nei pet domestici

Sospette allergie e intolleranze

primi sintomi nei pet domestici

Quando pensiamo alle allergie le prime cose che ci vengono in mente sono le fioriture di alcune piante stagionali, gli acari della polvere o magari qualche particolare alimento.
Rubrica a cura di ANMVI 

Articolo del Dott. Alessio Arbuatti Medico Veterinario

Di certo non tutti sanno che anche i nostri pet possono
essere colpiti da numerose allergie che necessitano sempre di tempestivi e
rapidi interventi veterinari per riconoscerne la causa e trovare la terapia
corretta che possa garantire il loro benessere.

Cos’è l’allergia
L’allergia può essere considerata una risposta eccessiva che
il sistema immunitario di un organismo mette in atto quando alcune specifiche
molecole “not self” (allergeni), si ripresentano dopo una prima esposizione
avvenuta in precedenza. 
Alla base di questa risposta esagerata vi possono essere
molte cause, spesso genetiche o ambientali. Rispondendo eccessivamente, gli
stessi sistemi deputati alla difesa corporea divengono causa di sintomatologia
(allergica) nell’organismo del pet.
DAP
Le pulci sono tra i parassiti più comuni del cane e del
gatto. Cosmopolite e diffuse attraverso numerose specie, questi insetti si
nutrono di sangue pungendo la cute dei mammiferi. La dermatite allergica da
pulci (DAP) è una delle forme allergiche più comuni nel cane e nel gatto e
consegue proprio all’attività di questi parassiti. 
La condizione è nota nel mondo anglosassone come
“ipersensibilità da morso di pulce”, proprio perché gli allergeni, ossia le
molecole alla base della reazione allergica, sono presenti nella saliva della
pulce.
Sintomi
I sintomi visibili sul pet derivano da una serie di fenomeni
a cascata che, partendo dall’infiammazione e dal prurito, stimolano il cane e
il gatto a lambirsi e grattarsi nella zona lombosacrale, dorsale, caudale,
inguinale e ombelicale irritandosi e ferendosi ulteriormente. 
Queste zone appaiono dunque infiammate, prive di pelo, con
lesioni crostose, squamose e quando il problema persiste da tempo, la cute può
apparire iperpigmentata e ipercheratosica. Non da ultimo, la continua attività
sulle lesioni da parte del pet può favorire l’insorgenza di infezioni
batteriche secondarie e/o contaminazioni da lieviti del genere Malassezia. Nei
gatti si apprezza anche dermatite miliare, granulomi eosinofilici e piaghe.

I sintomi della “ipersensibilità da morso di pulce” visibili
sul pet sono la conseguenza di due forme di ipersensibilità. 
La prima, di tipo 1 (allergica), conduce alla degranulazione
dei mastociti che rilasciano sostanze pro-infiammatorie, mentre la seconda è di
tipo 4 ossia cellulo mediata con l’entrata in azione di linfociti sensibilizzati.

Trattamento mirato
Il trattamento deve essere tempestivo, svolto solo previa
visita veterinaria e finalizzato ad eliminare il contatto pulce-pet. Sarà
fondamentale sterminare i parassiti che vivono sia sul pet, utilizzando
specifici antiparassitari, sia nell’ambiente procedendo a una sanificazione
domestica. Gli adulti infatti possono vivere sia nel pelo sia, in numero ben
maggiore, nell’ambiente dove il pet trascorre il suo tempo. 
In caso di DAP, ogni trattamento che non preveda anche una
sanificazione ambientale è destinato all’insuccesso. In base ai singoli casi
potranno poi essere prescritti dal veterinario ulteriori farmaci per il
trattamento delle lesioni e per ottenere la guarigione dei tessuti nel più
breve tempo possibile.
Attenti alla ciotola
L’ipersensibilità dietetica canina è suddivisibile in due
grandi gruppi, in relazione o meno al coinvolgimento immunologico. All’interno
del primo, ricadono le allergie alimentari propriamente dette, le quali sono
conseguenza di reazioni mediate da specifici anticorpi (IgE). Nel cane gli
allergeni più spesso coinvolti sono proteine presenti nel manzo, nel pollo, nel
latte, nelle uova, nel mais, nel grano e nella soia.
Sfregamento eccessivo
Negli esemplari allergici è possibile osservare
principalmente una sintomatologia gastrointestinale e cutanea. Aree prive di
pelo e lesioni a livello periauricolare, delle zampe, dell’inguine, del collo,
della testa e del perineo sono tra i sintomi più comuni. 
L’infiammazione comporta spesso un eccessivo sfregamento con
seguenti auto traumatismi secondari che possono divenire apripista per
infezioni batteriche e da lieviti (Malassezia).
Cambio di menù
Il veterinario effettuerà prima un’approfondita visita
clinica, cercando di escludere altre possibili cause di lesioni simili
(parassiti, allergia da pulci), avvalendosi, se necessario, anche di test
specifici. 
Il cambio dell’alimentazione e l’eliminazione della fonte
proteica/allergene alla base della patologia, comporta un lento e progressivo
miglioramento della situazione. Anche in questo caso il veterinario può
prescrivere ulteriori farmaci in base a eventuali lesioni o esigenze del
singolo caso clinico.
Cibi speciali
In commercio sono disponibili numerose linee alimentari
dedicate a cani e gatti allergici; tutte contengono fonti proteiche poco
comuni: cervo, bisonte, aringa, pecora, insetti e molti altri, proprio perché è
importante non utilizzare quelle proteine con cui l’organismo ha già avuto un
precedente contatto. Sono inoltre disponibili sia alimenti completi
monoproteici, ossia contenenti solo un’unica fonte proteica animale o vegetale,
sia con proteine idrolizzate specifiche per gli esemplari allergici. 
Le intolleranze alimentari, invece, non sono frutto di
reazioni del sistema immunitario verso un antigene riconosciuto come
“pericoloso”, bensì il risultato della mancanza di enzimi endogeni che
consentono la corretta digestione o assorbimento del principio nutritivo.
Allergeni ambientali e da contatto
Gli allergeni inalatori più comuni che possono essere causa
di allergie e di conseguente dermatite atopica nei pet sono i pollini di
alberi, di erbacee in fioritura, muffe, acari della polvere e persino cellule
epiteliali umane o di gatto (nel cane). 
Allo stesso modo forme allergiche da contatto sono segnalate
a causa di lettiere, cucce, giochi e persino lana utilizzata per le
imbottiture. In entrambi i casi, nei soggetti allergici, ne consegue una
dermatite atopica che è più comune nei cani tra uno e cinque anni di età,
mentre nei gatti si può osservare durante tutta la vita.
Opzioni terapeutiche
Le opzioni terapeutiche sono numerose e comprendono, dove
possibile, il risanamento ambientale da associare a specifiche terapie per combattere
il prurito e favorire la ricrescita del pelo. 
Esistono poi vaccini mirati a diminuire la sensibilità
dell’organismo nei confronti degli antigeni che scatenano la sintomatologia
allergica. 
In genere questa terapia è efficace in circa il 50% dei cani
e i primi risultati possono vedersi dai 3 mesi a un anno dall’inizio del
trattamento la cui successiva frequenza o sospensione sarà decisa dal
veterinario di fiducia.