ATTENTI ai BOTTI di fine anno!

BOTTI? NO, GRAZIE!

 Come ogni anno, il Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela degli animali, mette in guardia contro i pericoli dei botti di fine anno, e lo fa attraverso la “voce” del cagnolino che ha ricevuto il testimone dal compianto Paco.

 


“Cari amici, anche quest’anno tocca a me appellarmi alla vostra sensibilità
per far sì che l’ultimo dell’anno non sia un momento di terrore per tanti cani.
Come sapete noi cani siamo dotati di un udito estremamente sensibile, e per
molti di noi la notte di Capodanno rappresenta un vero e proprio incubo. Il
rumore dei “botti” ci terrorizza, con conseguenze che possono essere gravissime
per la nostra salute fisica o psichica. Mi appello perciò a voi che amate i
vostri cani: da quest’anno, rinunciate a sparare i botti. Un fugace attimo di
divertimento può provocare tantissimo dolore. Alcuni cani, terrorizzati dai
botti, muoiono di crepacuore, altri fuggono da casa. E poi, visto che purtroppo
sarà difficile debellare tutta in una volta questa barbara usanza, fate di
tutto perché i vostri cani non soffrano per i botti sparati da chi non ci ama:
custoditeli in luoghi in cui si sentano protetti e dai quali non possano
fuggire per lo spavento
, come riescono a fare tanti cani ogni anno la notte del
31 dicembre. A volte scappano così lontano che non ritrovano la via di casa…
per non dire dei pericoli che ogni cane lasciato da solo può incontrare per la
strada. Sono piccole attenzioni, quelle che vi chiedo, che fanno parte del
normale senso di responsabilità e di rispetto che tutti dovrebbero nutrire nei
riguardi degli animali di casa. Metterle in pratica sarà il miglior modo per
iniziare un anno sereno in compagnia dei vostri migliori amici. Conto su di voi
e sul vostro affetto verso coloro che ogni giorno vi fanno compagnia e meritano
un pensiero speciale anche l’ultimo dell’anno. Un gioioso bau e tanti cari
auguri, senza botti, ma con tanta gioia (e rispetto) nel cuore…
Tommi

Da quando vent'anni fa lanciammo per primi questo appello si sono fatti molti progressi, ma c'è ancora molto da fare”, osserva Diana Lanciottiche ventun anni fa, insieme al marito, ha fondato l'associazione no-profit
intitolandola al cagnolino adottato al canile di Verona, dove conobbe l'amara
realtà del randagismo sentendo impellente la voglia di fare qualcosa di
concreto per i cani e i gatti meno fortunati di Paco. “Sono sempre di più i
sindaci che emettono ordinanze per vietare l'uso dei botti, e i media dedicano
sempre più spazio ai pericoli sia per gli umani che per gli animali. Sparare i
botti è qualcosa di totalmente inutile, effimero e anche costoso. Tanto che
abbiamo realizzato l'adesivo, richiestissimo, “BOTTI? NO GRAZIE!” in
cui invitiamo a utilizzare per una causa benefica, come sostenere il Fondo
Amici di Paco, il denaro risparmiato non comprando i botti. Molte persone che
non avevano mai riflettuto sulla pericolosità e sull'inutilità dei botti
aderiscono volentieri al nostro invito”.

Oltre che fondatrice del Fondo Amici di Paco, Diana Lanciotti è
pubblicitaria, giornalista e autrice di 18 libri di grande successo, in buona
parte dedicati a storie di animali. Famosa la trilogia di Paco (inaugurata col
famosissimo Paco, il Re della strada, un vero cult per gli amanti degli
animali, adottato in molte scuole per i suoi contenuti educativi), che ha fatto
conoscere al mondo le tribolazioni di Paco, da lei adottato al canile e
diventato testimonial dell'associazione e simbolo di tutti gli animali vittime
della crudeltà umana.

Al Fondo Amici di Paco potete richiedere l’adesivo “BOTTI? NO,
GRAZIE!”
, da esporre ovunque per invitare tutti a festeggiamenti senza
botti, a salvaguardia dell’incolumità di persone e animali. Lo trovate sul sito www.amicidipaco.it o potete telefonare per richiederlo allo 030 9900732.
Con la modica spesa di 2€ aiuterete così l’associazione che tanto si
prodiga per aiutare gli animali più indifesi e bisognosi.

Per informazioni, acquisti, contributi o adesioni al Fondo Amici di
Paco: tel. 030 9900732, fax 0305109170 – paco@amicidipaco.it – www.amicidipaco.it

 

 

© Riproduzione riservata