Intervista a Federico Santaiti

federico-santaiti-presentazione-del-suo-libro-fatti-i-gatti-tuoi

Una piacevole e scorrevole lettura tra ricordi, comandamenti, regole e preziosi consigli utili sia per chi possiede già un gatto sia per chi desidera averlo.

a cura della redazione Petfamily

È uscito da poco il tuo nuovo libro. Vuoi spiegarci il perché del titolo “Fatti i gatti tuoi?”

Fatti i gatti tuoi è un simpatico omaggio al mondo dei gatti  Il titolo rende l’idea di come inevitabilmente ogni gattaro irrecuperabile debba imparare a farsi i gatti propri nel momento in cui convive con uno o più gatti in casa. Come molti sanno avere un gatto significa non essere più propriamente padroni della propria abitazione, in casa comandano loro e di fatto noi umani ci adeguiamo alle loro abitudini.

Io ho imparato a farmi i fatti dei miei gatti da subito esaminando i loro comportamenti giorno dopo giorno. Non potrei fare a meno del vivere senza i miei gatti , questo libro seppur parte dalla mia storia è un libro adatto a tutti coloro che si vogliono avvicinare al mondo felino sfatando falsi miti e leggende.


Una piacevole e scorrevole lettura tra ricordi, comandamenti, regole e preziosi consigli utili sia a chi possiede già un gatto sia a chi desidera averlo o a chi semplicemente vuole introdursi al mondo felino per semplice passione o curiosità

Da cosa è nato il tuo amore per i gatti?

E’ nato tutto spontaneamente da quando anni fa mentre ero in vacanza in valle d’aosta una gatta nera Blacky miagola davanti alla porta mi entra letteralmente  in casa e mi partorisce i cuccioli in una scarpiera. E’ stato amore a prima vista, anche se io non avevo mai avuto un gatto prima d’ora ora non posso proprio farne a meno.

Che rapporto hai con Blacky?

Blacky è la gatta che ha dato inizio a tutto e da quando è entrata prepotentemente della mia vita mi ha anche portato grande fortuna. E’ la gatta padrona di casa, abbiamo un rapporto molto sincero in cui ci scambiamo coccole e fusa reciproche (come dire).

Oltre all’amore per la tua gatta nera, c’è anche un interesse per il mondo social. Cosa ti ha spinto in questo mondo?

E’ stato tutto molto spontaneo e naturale. Il mondo social e la popolarità da gattaro del web sono stati conseguenziali all’entrata di blacky e di Thorin nella mia vita. Io da sempre sono un videomaker, regista di videoclip musicali e spot, sempre con la telecamera in mano, infatti anche i miei gatti sono abituati a vedere in casa attrezzature, luci e camere. Un giorno questa mia passione mi ha spinto a dire per gioco, ora provo a fare un video con i miei gatti.

Posto questo video su facebbok e sulla mia pagina social e l’indomani vedo che questo video ha avuto un milione di views  constatando che era piaciuto molto. Progressivamente ho iniziato a fare altri video con una cadenza mensile e i miei followers aumentavano sempre di più, nei commenti dei miei video su facebbok  molti si riconoscevano nelle storie dei miei gatti e questo mi faceva molto piacere.

Oltre alla pagina facebbok e a instagram ho poi attivato il gruppo  “Amici gattari” dove ci scambiamo consigli, foto e molto altro.

Cosa pensi di chi è diffidente verso i gatti neri? Cosa dicono i tuoi followers?

Il tema della superstizione e della diffidenza del gatto nero è anche affrontata in uno dei capitoli del libro, è una tematica a cui tengo molto. Assolutamente mi sento di dire che il gatto nero non è per nulla vero che porta sfortuna, anzi!

Nel mio caso è stato proprio il contrario. In più è utile sapere che questa vecchia diceria arriva da una leggenda del medioevo che non ha fondamento. Pensate che questo fatto del gatto nero che porta sfortuna in realtà è una cosa di pochi paesi, in altri è considerato come un gatto che porta fortuna! Mi spiace molto quando c’è ignoranza di questo tipo e molto spesso mi sono battuto a favore dei gatti neri.

Grazie a Dio la maggior parte delle persone che mi seguono la pensano come me e negli anni speriamo sempre di più di abbattere  questo pregiudizio per far si che vengano adottati sempre più gatti neri.

Vista la giovane età, quali sono i tuoi sogni nel cassetto?

Sono una persona tutto sommato molto semplice e con dei valoro genuini. Per quanto riguarda la mia vita lavorativa mi auguro di continuare a lavorare come videomaker nell’ambito dello spettacolo che apprezzo particolarmente, da “gattaro del web” voglio continuare a raccontare storie sui gatti continuando a diffondere l’immagine positiva di questo animale a quattro zampe  molto dolce, dalle mille doti e risorse e che non ha nulla da invidiare ad altri amici animali.

© Riproduzione riservata