Il 2019 è l’anno delle articolazioni

Innovet lancia una nuova campagna di comunicazione dedicata alle articolazioni del cane, preziosi organi di movimento da cui dipende la salute e il benessere dei nostri amici animali.

Perché ideare e promuovere una campagna di comunicazione interamente incentrata sulle articolazioni del cane e sui sistemi per tutelarle e mantenerle il più possibile in salute?

A rispondere a questa domanda è stato Renato della Valle(CEO di Innovet) in occasione del press day organizzato il 23 gennaio a Milano per le più importanti testate giornalistiche specializzate (settore pet) e generaliste.

“Da più di un ventennio – ha esordito della Valle – siamo impegnati nel settore della salute articolare del cane… e proprio in questo settore abbiamo concentrato il nostro impegno di Ricerca e Innovazione, sviluppando strategie in grado di potenziare le naturali risposte protettive dell’organismo e garantire ai nostri amici a quattro zampe la miglior qualità di vita possibile.”


“Il movimento – ha proseguito – è un bisogno primario per i nostri cani… E la possibilità di vivere pienamente questa gioia dipende soprattutto dalla salute delle loro articolazioni: efficienti, quanto sofisticati ingranaggi, il cui corretto funzionamento è però minacciato dall’osteoartrite, una grave malattia causa di dolore e di importanti limitazioni del movimento.”

Testimonial della campagna Innovet 2019 sarà Adrian Stoica, campione mondiale di Disc Dog, insieme alle sue atlete a quattro zampe, emblema di un’energia e di una vitalità che solo un costante programma di protezione articolare, espressamente dedicato a cani impegnati in attività sportive, può garantire.

Il 2019 sarà dunque costellato da un fervore di iniziative Innovet tutte dedicate alla salute articolare del cane: articoli di informazione sia nel web che sulla carta stampata; eventi ed incontri; ed il lancio delle due nuovissime formule di Condrogen®e Condrostress®, ancora più completi ed efficienti per la salute articolare dei nostri amici a quattro zampe.

© Riproduzione riservata