Con il progetto FoodStock tanto cibo donato ai pet meno fortunati

ARCAPLANET: nel 2018 donate 160 tonnellate di cibo per pet.

Cifra record quest’anno per FoodStock, il progetto nazionale di Arcaplanet che combatte lo spreco alimentare con donazioni di cibo a favore
di associazioni benefiche.

Arcaplanet, la catena leader nella distribuzione specializzata del pet care in Italia, da anni mette in atto la legge contro lo spreco alimentare favorendo la donazione delle eccedenze di pet food ai fini di solidarietà sociale.

Lasciando spazio in scaffale a prodotti freschi e nuovi, l’insegna si impegna ogni anno a donare prodotti in scadenza alle Associazioni Certificate che si occupano di animali domestici bisognosi. L’iniziativa è estesa a tutte le associazioni presenti nel territorio nazionale. Il ritiro della merce è a carico delle associazioni presso gli oltre 300 punti vendita distribuiti nelle 17 Regioni italiane in cui è presente.

Nel 2018 attraverso il progetto FoodStock, Arcaplanet ha donato un totale di 160 tonnellate di cibo per cani e gatti e piccoli animali. Nei primi sei mesi dell’anno in corso sono già state donate 110 tonnellate.


Una volta ogni mese i punti vendita di Arcaplanet donano alle associazioni coinvolte i prodotti alimentari in scadenza, con la garanzia che questi vengano destinati agli animali in difficoltà. Il progetto negli anni ha potuto coinvolgere circa 370 associazioni italiane diffuse su tutta la penisola.

Con questa iniziativa Arcaplanet vuole sconfiggere gli sprechi di pet food donando gli alimenti che viceversa sarebbero destinati ad essere smaltiti come rifiuti. Tali prodotti alimentari mantengono comunque dei requisiti di igiene e sicurezza e sono pertanto idonei ad essere consumati e donati per il sostegno di animali. Per agevolare la distribuzione dei prodotti sono invitate tutte quelle associazioni che siano per statuto di costituzione riconosciute e iscritte negli albi di competenza. Ogni soggetto candidato viene attentamente valutato dall’azienda prima di essere selezionato a far parte del progetto.

© Riproduzione riservata