SCOMPARSO IL CAPODOGLIO INTRAPPOLATO ALLE EOLIE

DOPPIO APPELLO DELL’OIPA: «SE L’AVVISTATE, CHIAMATE SUBITO LA GUARDIA COSTIERA LOCALE E CHIUNQUE VEDA RETI ABBANDONATE LE SEGNALI AL NUMERO BLU 1530»

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «E’ ora che il Governo e il Parlamento ripensino la politica della pesca regolamentando seriamente queste trappole»

Non si trova più la femmina di capodoglio rimasta impigliata nelle reti abbandonate a largo di Salina. Ne dà notizia Carmelo Isgrò, il biologo marino che lavorato fino a ieri per la sua liberazione insieme a una squadra formata dalla Guardia Costiera e dai sommozzatori della Capitaneria di Porto di Napoli.

«In meno di un mese due capodogli sono rimasti intrappolati in reti abbandonate nell’arcipelago delle Eolie. Il primo è stato liberato e ora Furia, una femmina di oltre 10 metri, è scomparsa con la coda ancora imprigionata nella rete da pesca illegale usata per catturare tonni e pescispada. E’ ora che il Governo e il Parlamento ripensino la politica della pesca regolamentando seriamente queste trappole. Le ‘reti fantasma’ e altre attrezzature, come i palangari, sono spesso i killer invisibili di tartarughe, grandi pesci e cetacei», commenta il presidente dell’Oipa Italia, Massimo Comparotto».

L’Oipa lancia un doppio appello: chiunque avvisti il capodoglio chiami immediatamente la Guardia Costiera di Lipari al numero 090 988 0819. Inoltre, chiunque veda reti o altre attrezzature da pesca abbandonate al largo delle coste italiane chiami il numero blu 1530 della Guarda Costiera, gratuito attivo 24 ore su 24 per tutto l’anno.

© Riproduzione riservata