La risposta di Valpharma Group a Covid-19

Avviata la produzione interna di Gel Igienizzante donati i primi lotti agli Ospedali di Rimini e San Marino, ambulatori dell’Alta Valmarecchia e strutture assistenziali.

Donati anche dispositivi di protezione di altissima tecnologia ai medici e infermieri di Terapia Intensiva dell’Ospedale di Stato di San Marino.

Per rispondere concretamente all’emergenza nazionale causata dall’epidemia Covid-19 Valpharma Group, da quarant’anni impegnato a tutelare la salute e il benessere di milioni di persone nel mondo producendo farmaci altamente tecnologici, nutraceutici e integratori alimentari, in sole due settimane ha avviato la produzione di un nuovo gel mani igienizzante, prodotto ancora difficile da reperire da strutture sanitarie, attività commerciali di prima necessità, strutture pubbliche e dalla popolazione. L’utilizzo del gel mani igienizzante è suggerito anche dal Ministero della Salute tra le raccomandazioni per contrastare la trasmissione dell’infezione da Coronavirus.

Grazie all’elevata percentuale di Alcool pari al 65% il Gel Mani deterge senza necessità di risciacquo, mentre gli ingredienti aggiunti come olio essenziale di limone e glicerina vegetale aiutano a pulire e profumare le mani mantenendole morbide, senza ungere e garantendone il rapido assorbimento. Sono stati realizzati due pratici formati, pensati appositamente per veloci utilizzi: un flacone da 250 ml con tappo dosatore e una confezione tascabile richiudibile da 50 ml. Sono stati realizzati anche formati extra large in tanica per strutture sanitarie, pubbliche e aziende. Il gel è già disponibile sul mercato italiano da questa settimana.

Consapevoli che l’emergenza possa essere superata solo unendo le forze di tutti, Valpharma Group da sempre sensibile alle esigenze del territorio, ha donato le prime taniche di gel igienizzante agli operatori sanitari in prima linea contro Covid-19, in segno di ringraziamento e stima per il grande impegno messo al servizio dell’intera popolazione. Le prime taniche sono state donate all’Ospedale Infermi di Rimini e all’Ospedale di Stato di San Marino, alla Casa di Riposo residenza sanitaria La Fiorina di San Marino e agli ambulatori di Medicina di base e pediatria di Pennabilli, che sono presidi sanitari di riferimento nell’alta Valmarecchia per circa 3.000 pazienti in un raggio di almeno 70 chilometri quadrati: da San Leo a Novafeltria, da Casteldelci a Badia Tedalda in Toscana. Ai medici di medicina di base sono state donate anche le utilissime mascherine per la protezione delle vie respiratorie di tipo ffp3.

In poche ore dall’arrivo della richiesta d’aiuto si sono attivati i magazzini delle due sedi produttive di Valpharma International di Pennabilli e Valpharma San Marino da cui sono stati messi a disposizione 4 respiratori elettroventilati ad aria compressa di altissima protezione. Da Pennabilli sono stati inviati 2 dispositivi completi TR302, filtri di ricambio, 14 caschi di diverse taglie e 4 batterie dalla durata di 9 ore ciascuna, affinché sia garantito l’utilizzo del ventilatore h24. Da Valpharma San Marino sono stati messi a disposizione altri 2 dispositivi di ventilazione assistita a batteria 3 M ‘Jupiter’. Si tratta di apparecchiature altamente tecnologiche in uso nei reparti produttivi delle due aziende farmaceutiche, capaci di garantire la massima protezione verso l’esterno grazie al continuo approvvigionamento di aria pulita inviata all’interno di un casco morbido collegato da un tubo al sistema ventilante che, grazie a una batteria, pompa l’aria esterna attraverso due sistemi di filtraggio racchiusi in un piccolo contenitore posto su una cintura da legare ai fianchi dell’operatore.


I dispositivi sono leggeri e compatti, permettendo un’alta mobilità. Sono inoltre dotati di visiera a protezione dell’intero viso. Nonostante le grandi difficoltà del momento, Valpharma Group garantisce la produzione di farmaci e integratori alimentari necessari alle esigenze sanitarie di persone in tutto il mondo. Per questo motivo sono state avviate iniziative a tutela della sicurezza e della salute di tutti i 400 dipendenti, presenti nei tre stabilimenti produttivi. Prima ancora dell’attivazione delle normative governative, dove possibile è stato incentivato il lavoro da remoto consentendo a 120 dipendenti di lavorare da casa, sia per ridurre le probabilità di contagio, sia per accudire più agevolmente i propri famigliari. In tempi da record sono state attivate reti VPN e acquisti nuovi Pc per garantire sicurezza informatica e la piena operatività.

Negli uffici e nei reparti produttivi dove è indispensabile la presenza di personale, sono stati distribuiti sistemi di protezione e adottati turni flessibili per garantire adeguata distanza tra i lavoratori. “In Valpharma Group mettiamo la persona al centro, dentro e fuori l’azienda – ha affermato Alessia Valducci, CEO Valpharma Group – dobbiamo restare uniti, specialmente in questo momento difficile. In poco tempo ci siamo riorganizzati e abbiamo avviato nuovi progetti industriali per dare risposte alle emergenze di questo tempo. Le aziende farmaceutiche devono offrire un contributo concreto ai bisogni della popolazione.

Per questo motivo abbiamo voluto porgere il nostro aiuto al personale sanitario locale in prima linea contro il Coronavirus. A loro va tutta la nostra gratitudine. Il veloce scambio di battute con i medici di Ausl Romagna e dell’Ospedale di San Marino ci hanno fatto vivere momenti intensi e di commozione. Ancora una volta il volto umano di ciascuno di noi, unito alla professionalità, farà la differenza. Ringrazio anche tutti i nostri collaboratori che con grande spirito di responsabilità svolgono ogni giorno il proprio lavoro, nonostante le difficoltà che questa emergenza ha creato in ogni settore.

Insieme ce la faremo”.