Tutti i segreti del beauty pet

Biotina, zinco, omegatre. Ma anche perle alimentari, trattamenti antibatterici e spray cosmetici. Ecco le ultime novità per la cura e il benessere del pelo e della pelle dei nostri amici.

a cura di ANGELICA D’AGLIANO 

Per un pelo e un mantello stupendo

Che un animale con una bella pelliccia sia prima di tutto un animale in buona salute è ormai un fatto noto praticamente a tutti. Questa, certo, non è una massima infallibile, tuttavia sono sempre di più i padroni di animali domestici che dedicano tempo e cure alla bellezza del mantello (ma anche del piumaggio!) dei loro amici.

Per quanto riguarda il cane, oltre alle operazioni di toeletta quotidiana, da farsi con la spazzola o il cardatore, a seconda della lunghezza del pelo, esistono moltissimi trattamenti vitaminici e integratori pensati per esaltare il più possibile la naturale lucentezza e consistenza della pelliccia. Fra i costituenti che si trovano più spesso in questi prodotti ci sono gli acidi grassi omegatre, la biotina, ma anche gli oligoelementi e i complementi alimentari a base di fegato e di lievito di birra.

Naturalmente belli


Per chi ama i rimedi naturali oggi è possibile prendersi cura della salute del mantello e della cute dei nostri animali attraverso le erbe officinali. Miscele bilanciate, spesso arricchite di alghe e biotina, sono reperibili sotto forma di integratori alimentari e di tavolette snack.

Ma non ci sono solo trattamenti interni: la varietà di oli cosmetici e di lucidanti per il pelo esistenti in commercio è davvero grandissima. Da provare i flaconcini di lozione a base di noce, con tanto di dosatore, oppure i prodotti alle erbe, al tempo stesso ad azione cosmetica per il pelo e emolliente per la cute.

Per la prevenzione delle zecche, esistono poi le compresse a base di aglio. Completamente naturali, hanno azione preventiva nei confronti delle zecche e un effetto antibiotico ad ampio spettro.

Aggancia la zecca

Un mantello sano è prima di tutto un mantello privo di parassiti. Ecco allora che nasce lo speciale gancio per rimuovere le zecche. Adatto sia ai cani sia ai gatti, questo piccolo oggetto è capace di eliminare in maniera pulita, indolore e veloce tutte le zecche che possono annidarsi nel mantello dei nostri amici. Il gancio – ne esistono di
due dimensioni, uno per le zecche piccole e uno per quelle grosse – permette di estrarre i parassiti senza che restino frammenti nel sottocute, perché a differenza delle classiche pinze per zecche l’attrezzo non comprime il corpo del parassita. Questo riduce la trasmissione di alcune malattie legate alle zecche e permette di abbandonare una volta per tutte i metodi “classici”, come il ricorso all’olio o all’alcol.

Il mantello del gatto è per natura setoso e lucente.

Delle carenze alimentari, così come lo stress o certe malattie, possono opacizzarlo e renderlo sgradevole al tatto. Olio di pesce, lievito in perle, lecitina sono tra i più comuni costituenti degli integratori alimentari per la salute del pelo e della cute. Molto diffuse anche le paste a base di biotina e i mangimi industriali specifici, spesso arricchiti con vitamina A.

La biotina

Anche conosciuta come vitamina H, è una preziosa alleata per la salute dei nostri amici, così come per la bellezza della cute e del pelo. Le sue funzioni sono moltissime: svolge un ruolo importante nel metabolismo di sostanze quali gli aminoacidi e i carboidrati, concorre alla formazione degli acidi grassi,  aiuta a mantenere in perfetta efficienza il sistema nervoso, la pelle e il pelo.

Tra le virtù che vengono attribuite alla biotina (ma che non sono ancora state dimostrate) ci sarebbe la capacità di curare la calvizie nell’uomo e di risolvere alcune forme di dermatite. Se manca si osservano, sempre nell’uomo, disturbi alla pelle e perdita dei capelli.

Gli acidi grassi omegatre

Sono presenti in natura nei semi di lino, nell’olio di semi di lino e negli oli di pesce, hanno un ruolo importante nel mantenere il pelo e la cute sempre sani e belli. Contrastano i fenomeni di secchezza, desquamazione e forfora; sono ottimi adiuvanti nel trattamento dei fenomeni di seborrea, di cute maleodorante e dell’eccessiva untuosità del pelo.

Splendido splendente

La salute della pelle dei rettili dipende moltissimo dall’alimentazione.
Se a volte può essere difficile fornire ai nostri amici una dieta bilanciata e completa è altrettanto vero che esiste una vasta gamma di integratori adatti alla maggior parte degli animali esotici che popolano i nostri terrari.

Certi preparati multivitaminici sono addirittura in grado di rivitalizzare i colori della cute dei rettili, rendendoli brillanti e vivaci. Ma esistono anche tonici per nettaridi e fruttivori, prodotti ad ampio  spettro a base di aminoacidi e oligoelementi e last but not least – perfino gli spray emollienti da spruzzare sulla pelle.

Le Sabbiature

Tutte le volte che si parla di igiene ci viene in mente l’acqua e il sapone: che dire allora dei cincillà che si fanno il bagno con la sabbia? La cute di questi animali, infatti, è soggetta a una grandissima produzione di sebo (una specie di olio naturale che ricopre la pelle) e di conseguenza il loro mantello ha bisogno di essere periodicamente liberato dall’eccesso di grasso, che lo renderebbe untuoso e brutto a vedersi. Per questo ci vogliono i bagni con la sabbia per cincillà.

Di quarzo o di seppiolite, la sabbia per cincillà permette ai nostri amici
la toeletta quotidiana del mantello e regala loro una pelliccia pulita e
setosa. È adatta anche per criceti e gerbilli.

I Sali

Anche il piumaggio degli uccelli da gabbia ha bisogno di essere pulito e toilettato a dovere. A meno che l’operazione non sia sconsigliata dal
vostro veterinario, può essere molto utile un bagno o un’irrorazione una
o due volte alla settimana con prodotti come i sali da bagno, che
puliscono a fondo le penne, allontanano i parassiti e riducono il
rischio di malattie come il vaiolo. Molto apprezzati anche i gel
dermatologici, ottenuti miscelando oli vegetali e sostanze ad azione
antimicrobica. Una volta applicati donano elasticità alla cute,
leniscono eventuali infiammazioni e aiutano a risolvere i fenomeni di
ulcere e piaghe autotraumatiche.

© Riproduzione riservata