SUPERVEG PER PAPPAGALLI

È sempre bene ricordare un aspetto etologico importante per la vita dei nostri amici alati: i pappagalli in natura trascorrono la maggior parte della giornata (il 75% circa) alla ricerca del cibo.

A cura di pasquale quitadamo (CARGILL® Srl)

Il cibo dei Pappagalli

La Barbabietola rossa, un ortaggio a radice dal sapore dolce e terroso strettamente legato alla rapa, rutabaga o navone e barbabietola da zucchero, divenne popolare come alimento e medicina naturale in epoca romana. Era utilizzata per trattare vari disturbi tra cui costipazione, malattie digestive e del sangue, oltre che come afrodisiaco. Studi recenti identificano la barbabietola rossa come un super food, al pari di melograno e mirtillo blu

Questo ortaggio offre una delle fonti più ricche di antiossidanti e nitrati, che forniscono incredibili benefici per la salute. Il nitrato viene metabolizzato ad ossido nitrico con proprietà vasodilatatrici, cioè è in grado di allargare i vasi sanguigni e far passare più sangue. Questo migliora il flusso sanguigno in tutto il corpo, inclusi cervello, cuore e muscoli e abbassa la pressione sanguigna.


I nitrati contenuti in 1-2 barbabietole rosse cotte possono abbassare la pressione sanguigna in 24 ore e riducono la pressione alta se consumati quotidianamente.

La betacianina,

Il pigmento che dà alla barbabietola il suo caratteristico colore, è anche un potente antiossidante e insieme ai carotenoidi e flavonoidi contenuti nell’ortaggio, aiuta a ridurre l’ossidazione del colesterolo cattivo e previene il suo deposito nelle arterie.

La barbabietola rossa fornisce anche molti altri nutrienti essenziali tra cui buoni livelli di vitamine A, B6 e C, potassio, magnesio, zinco, proteine, carboidrati e livelli molto alti di acido folico, essenziali per la normale crescita dei tessuti. Contiene anche la silice minerale che aiuta l’organismo a utilizzare il calcio. L’unico aspetto negativo? Il potere di macchiare, attenti quindi ad utilizzare correttamente i benefici della barbabietola rossa!

Il sedano è un ottimo aiuto dietetico e del fegato per gli uccelli in sovrappeso che soffrono di malattie del fegato grasso (steatosi epatica). Sebbene il sedano sia composto per il 95% da acqua, è molto alcalino e aiuta a bilanciare i livelli di PH nel corpo. Inoltre, è ricco di fibre alimentari e cellulosa vegetale che dà una sensazione di pienezza e quindi aiuta a perdere peso. Il sedano ha anche poche calorie ed è incredibilmente idratante.

Gli indù hanno usato semi di sedano per secoli

Le proprietà antinfiammatorie dei semi di sedano, per curare il raffreddore e combattere le malattie del fegato e della milza. Le foglie di sedano sono ricche di vitamina A, flavonoidi, antiossidanti, zeaxantine, luteine e beta-carotene. Gli steli sono un’ottima fonte di vitamine B1, B2, B6, B9, K e C e sono densi di potassio, acido folico, calcio, magnesio, ferro, fosforo, sodio e aminoacidi essenziali.

Uno studio condotto alla Rutgers University del New Jersey ha sottolineato che il sedano contiene una serie di composti che aiutano a prevenire il diffondersi delle cellule tumorali. Contiene acidi acetilenico e fenolico che aiutano a prevenire la crescita delle cellule tumorali nel corpo. Bloccano l’azione di sostanze simili agli ormoni, le prostaglandine, che favoriscono la crescita delle cellule tumorali.

È sempre bene ricordare un aspetto etologico importante per la vita dei nostri amici alati: i pappagalli in natura trascorrono la maggior parte della giornata (il 75% circa) alla ricerca del cibo. Occorre quindi stimolare costantemente la curiosità del pappagallo in casa offrendo cibo differente in differenti modalità così da garantire la possibilità di poter scegliere, meglio se tra super food!

Freschi con pezzi di diverse forme e dimensioni, estratti, estrusi a freddo: offrite la barbabietola rossa e il sedano in modo divertente al vostro pappagallo e parrocchetto di casa!