cocorite tristi

Salve. Scrivo per chiedere un consiglio riguardo una delle mie cocorite che stata già curata da due veterinari, nessuno dei quali è riuscito ad eliminare il problema.

Si tratta di una cocorita femmina di 3 anni che da qualche mese ha preso a cigolare quando respira come se qualcosa le ostruisse le vie respiratorie. Inoltre è sempre gonfia ed arruffata, dorme continuamente e cerca calore accanto all altro pappagallino che è costretto a rimanere immobile ed in silenzio vicino a lei per tutto il giorno in un angolo.

Qualunque problema abbia non è contagioso dato che appena sposto il pappagallo malato l’altro inizia a fischiare e giocare. La cocorita in questione invece non emette un suono ed occasionalmente vomita. Le feci sono a volte nere e solide altre verdi e liquide. Seguendo la prescrizione del primo veterinario ho dato alla cocorita un antibiotico per via orale abbinato al cortisone.

La cura non ha funzionato anzi. Ho contattato un altro veterinario che ha prescritto un altro antibiotico stavolta per vie aeree abbinato ad un integratore.


Neanche questa cura ha funzionato. Il pappagallino sta male non è più quello di prima, è il fantasma di se stesso come se non ci fosse. Sono disperata, spero vivamente che riusciate a trovare una cura efficace. Grazie per l’attezione. Elisa

Le cocorite spesso vanno in carenza di vitamina A specialmente se alimentate solo con semi di girasole. Questa carenza può portare ad abbassamento difese e sensibilità a patologie gastroenteriche e respiratorie, sintomi che sembra avere la sua. Io direi quindi di somministrare in primis un mangime più completo e dare supporto di vitamina A e semmai anche
un polivitaminico in gocce nel beverino almeno per 2 mesi.

Ovvio che serve anche un supporto antibiotico che eliminerà i batteri subentrati, di solito sono ottimi i fluorochinoloni. Se sono virus andranno combattuti solo con vitamine e alimentazione corretta. La cocorita in questo momento sta anche soffrendo il freddo e quindi sarebbe molto utile l’uso di una lampada ad infrarossi posizionata verso la gabbia .

Dott.ssa Laura Caiazzo  Veterinario Vet in rete

© Riproduzione riservata