Cane e gatto scelta dell’alimentazione corretta per loro

La scelta per cane e gatto dell’alimentazione corretta non è facile anche se, purtroppo, spesso risulta sottovalutata da parte dei proprietari. Soprattutto per quello che riguarda la prevenzione delle patologie che possono interessare i propri animali.

A cura del Dott. VALERIO GUIGGI Medico Veterinario Specialista in Ispezione degli Alimenti

Cane e gatto il quadro generale dell’alimentazione corretta per loro

Nella maggior parte dei casi selezioniamo da soli il pet food per il nostro amico a quattro senza il supporto di un Medico Veterinario. Teniamo presente, però, che i nostri pet hanno delle necessità fisiologiche e patologiche alle quali dobbiamo rispondere scegliendo la giusta dieta.

Il medico veterinario potrà facilmente aiutarci formulando un quadro generale sulle condizioni e sulle esigenze del nostro animale.


Dopo avere valutato ciò di cui il nostro amico ha bisogno, potremo recarci presso i negozi dove, troveremo un ampia gamma di soluzioni. Ricordiamoci sempre di leggere le etichette e le informazioni presenti sui prodotti.

Questo iter deve essere seguito, così, tanto nella scelta dell’alimentazione industriale, quanto nella scelta degli ingredienti dell’alimentazione casalinga. Ma quali sono i parametri fondamentali per capire come comporre la “ciotola su misura”?

Visita veterinaria e i fabbisogni dei pet

La visita veterinaria rappresenta, per l’animale, un’occasione per verificare lo stato di salute e la presenza di eventuali sintomi; tuttavia ha anche un secondo, importante, scopo, che è quello di individuare le caratteristiche dell’animale. I possibili rischi relativi alla salute ai quali va incontro, e permette con i consigli del medico di evitare le problematiche principali.

Prima cosa valutare la specie (cane e gatto hanno necessità diverse), e poi la razza, poiché alcune razze hanno predisposizioni ad alcuni tipi di patologie. Viene quindi valutata l’attività fisica, lo stile di vita dell’animale (vive in casa, o ha la possibilità di spostarsi all’aperto?). Gli eventuali rilievi della visita clinica tutto questo permette di stabilire quali siano le necessità e le accortezze da seguire per quell’animale relativamente allo stile di vita, all’attività fisica e, naturalmente, all’alimentazione che dovrà seguire.

Da lì, la scelta della soluzione migliore tra un’alimentazione industriale, casalinga o mista (cioè composta in parte da una componente industriale e in parte da una componente casalinga), in base sia alle necessità dell’animale, che a quelle del proprietario. L’alimentazione viene così valutata in diversi fattori, che andiamo ad approfondire.

La scelta degli ingredienti per un’alimentazione corretta nel cane e nela gatto

Gli ingredienti rappresentano la componente principale di ogni tipo di alimentazione: vengono valutati nella scelta sia per le alimentazioni industriali che per quelle casalinghe.

Si sceglie in base alla qualità dell’ingrediente (leggendo le etichette o scegliendo i prodotti più adatti), e poi in base alle specifiche necessità (per esempio, si evita il pollo ad un animale allergico al pollo), quindi in base ai gusti, fattore di importante valutazione soprattutto nell’alimentazione del gatto, particolarmente esigente nella scelta dell’alimento.

In presenza di specifiche patologie o predisposizioni, poi, è consigliabile evitare alcuni tipi di ingredienti preferendone altri. Un caso tipico è la presenza, anche in passato, di calcolosi vescicale, per cui l’alimentazione può avere sia uno scopo terapeutico; quando i calcoli sono ancora presenti, sia preventivo, quando questi non siano più nella vescica ma se ne voglia prevenire le recidive.

Molto importante è anche la variabilità degli ingredienti; salvo situazioni particolari, si cerca di non fornire un solo ingrediente, ma un gruppo di ingredienti diversi; (sia come varie possibilità nelle marche, sia come ingredienti vari nell’alimentazione casalinga), così da evitare l’insorgenza nel lungo periodo di allergie alimentari (favorite da un’alimentazione poco variata).

Cane con biscotto in bocca

I nutrienti

Non solo la tipologia, ma anche la quantità degli ingredienti risulta particolarmente importante: i rapporti tra macronutrienti (proteine, grassi, carboidrati). La scelta di un ingrediente che contenga più o meno di questi nutrienti (ad esempio, petto o coscia di pollo, decisamente più grassa). Così come la quantità dei micronutrienti che dipendono solitamente dallo stato di salute dell’animale, sono valutazioni importanti nella composizione del pasto.

L’attività sportiva, lo stile di vita, la tendenza all’ingrassamento o al dimagrimento, l’eventuale perdita di funzionalità intestinale (a causa generalmente di patologie); possono influire molto sulla scelta della tipologia di nutrienti, in questo senso.

La necessita di integrazioni

Non sempre l’alimentazione di base, i normali ingredienti sono in grado di garantire tutti i nutrienti di cui il cane o il gatto ha bisogno.

Pensiamo ad-esempio nel casalingo alle diete in cui non tutti i nutrienti sono presenti (per esempio, il calcio). Oppure nell’industriale per i vari nutrienti che non è legalmente obbligatorio inserire (fibre probiotiche, antiossidanti).

In queste situazioni, si possono aggiungere specifiche integrazioni all’alimentazione, che vanno a comporre la ciotola su misura per il cane o per il gatto specifico, e che chiaramente saranno diverse da quelle necessarie per gli altri animali, anche conviventi.

Tre ciotole con tre tipi di cibo diversi

La scelta degli snack per cane e gatto

Infine, una valutazione importante è legata agli snack per cani e gatti; spesso scelti senza una logica specifica, a tutti gli effetti possono rendere più o meno adatta la dieta alle necessità del singolo. Gli snack hanno per prima cosa una funzione specifica, che è la salvaguardia della salute dentale. (sarebbe più opportuno farla con lo spazzolino, ma molti animali rifiutano di farsi spazzolare i denti).

Per cui la scelta degli snack è fondamentale da questo punto di vista; fornire solo snack che non vengono masticati (biscotti molto piccoli) non contribuisce a migliorare la salute da questo punto di vista.

Non solo: gli snack hanno a loro volta degli ingredienti, che potrebbero integrarsi bene o mal integrarsi con le necessità della dieta di base. In questo senso, la scelta non deve essere casuale ma effettuata in base alle singole necessità dell’animale; scegliere biscotti contenenti riso, ad esempio, in un cane allergico può essere controproducente. Anzi, può arrivare a vanificare il percorso che parallelamente viene effettuato con un’attenta e specifica alimentazione di base.

Affetto tra cucciolo di cane e la proprietaria

Come comporre la ciotola su misura?

Come abbiamo visto, i parametri da considerare sono tanti, alcuni sono ben valutabili dal proprietario (come i gusti dell’animale) alcuni possono essere valutati con difficoltà.

La scelta di un tipo di alimentazione corretta per cane o gatto, casalinga o industriale, ad esempio, va valutata sia considerando le caratteristiche dell’alimentazione stessa; sia i rischi della stessa (ad esempio, la sicurezza alimentare, la necessità di una cottura idonea per il casalingo, oppure i rischi legati alla scelta di un’alimentazione povera di acqua quando si valuta se proseguire con i croccantini).

Ma per questo è necessario conoscere bene, di base, gli alimenti ancor prima che giungano alla bocca del cane o del gatto. Si tratta di informazioni reperite generalmente dal proprietario tramite internet, attraverso le informazioni messe a disposizione gratuitamente anche da medici veterinari; ma che richiede comunque un’integrazione con le necessità specifiche dell’animale.

Nella composizione risulta importante che il rapporto proprietario-veterinario sia solido, per poter chiedere consigli o informazioni quando si volesse eventualmente variare l’alimentazione del proprio animale.

In questo modo, infatti, saremo sempre sicuri di non commettere errori, e di garantire al meglio la salute del proprio animale. Con il supporto di un professionista che, dal punto di vista sanitario, lo conosce meglio di chiunque altro.

© Riproduzione riservata