ULTIMA PETFOOD ADOTTA I RIFUGI ENPA NELLE REGIONI PIÙ COLPITE DA COVID-19

Una donazione di cibo per assicurare sostegno ai cani ospiti dei rifugi della Protezione Animali

I nostri amici a quattro zampe in questo momento sono ancora più preziosi: ci tengono compagnia e ci sostengono ora che l’abbraccio di un amico sembra un ricordo lontano. Non tutti gli animali, però, godono di un padrone sul quale contare, che provveda alle cure quotidiane e a fornire loro il cibo necessario. In questo momento di difficoltà, Ultima Petfood, che ha fatto del proprio claim “insieme per una vita migliore” una vera e propria mission, ha voluto sostenere alcune delle realtà dedicate agli animali domestici, che vivono grazie al supporto di volontari e donazioni e che oggi non possono fare affidamento sul normale flusso di adozioni e interventi singoli.

A fianco di ENPA, Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, Ultima ha voluto mostrare il suo impegno concreto, adottando una serie di realtà sui territori più colpiti dall’emergenza Covid-19 attraverso la donazione di pet food che consentirà di nutrire per un mese intero tutti i trovatelli ospiti delle sezioni di  Monza (MB), Como, San Genesio ed Uniti (PV), Voghera (PV), Montagna in Valtellina (SO), Arzignano (VI), Mira (VE), Ponzano (TV), Verona, Vicenza, Bedonia (PR), Reggio Emilia, Faenza (RA). In questo modo, inoltre, Ultima appoggia la campagna ENPA #GliAbbracciChePuoiDare e stringe in un abbraccio virtuale tutti i cani ospiti dei rifugi ENPA che si trovano in maggiore difficoltà. Un aiuto concreto a chi, costretto in canile, non ha nessun altro e ha già vissuto tanta sofferenza e potrà regalare al suo futuro padrone una vita migliore, fatta di compagnia, cure e affetto davvero unici.

Un contributo prezioso per supportare il duro lavoro che i volontari della Protezione Animali portano avanti ogni giorno, senza farsi fermare da nulla. “In questi giorni in cui tutto sembra surrealedichiara Marco Bravi Presidente del Consiglio ENPA e Responsabile Comunicazione e Sviluppo Iniziativeanche raggiungere i rifugi è diventato difficoltoso. Azioni normali come nutrire i nostri protetti, portarli a passeggio, coccolarli diventano imprese degne dei nostri #AltrEroiEnpa.

Le difficoltà sono infinite: i divieti da rispettare, un numero minore di volontari che possono operare per il rispetto della normativa vigente, minori risorse a cui attingere, drastico calo delle donazioni. Una strada che sembra tutta in salita, ma che grazie a iniziative solidali come queste si trasforma realmente in un abbraccio che dà forza e speranza. Un sentito grazie va per questo a Ultima Petfood che con estrema generosità ha accolto il nostro appello e che si è messa in gioco per garantire loro una vita migliore.”

© Riproduzione riservata