Spazio Geco Fab Lab presenta Planty Cover

Spazio Geco Fab Lab presenta Planty
Cover!

La prima soluzione che protegge le piante indoor

 

 


Lo Spazio Geco (Giovane Ecofficina Fab Lab Coworking) di Pavia ha avviato la prima campagna di
crowdfunding sulla piattaforma Kickstarter per la diffusione e
promozione dell'ultimo dei vari progetti innovativi ideati al suo
interno, Planty Cover.

Planty Cover è il primo prodotto dal
design tessile che protegge le piante d'appartamento dagli “attacchi
felini”. Il prodotto si contraddistingue per avere al suo
interno un dispositivo IoT (Internet of Things) che se, sollecitato
dalla zampa dell'animale, emette ultrasuoni (del tutto innocui per la
sua salute) con lo scopo di allontanare e, allo stesso tempo,
addomesticare il gatto a non danneggiare il vaso e il terriccio.

 

 

Il progetto nasce dall'idea di un team
di ingegneri, designer ed artigiani digitali (i cosiddetti makers)
che intrecciando le proprie competenze hanno voluto creare un sistema
di protezione semplice e innovativo con l'obiettivo di dimostrare che
una buona idea può diventare un progetto di crowdfunding di
successo.

Il prodotto è al 100% Made In Italy.
Inoltre ha un design innovativo e flessibile che si adatta a vasi di
diverse dimensioni (small, medium, large, extra large, extra/extra
large) e mette a disposizione una gamma di 12 colori POP da scegliere
a seconda del proprio gusto e tipo di arredamento.

 

 

L'idea dei giovani progettisti è
quella di lavorare ad altri prodotti innovativi di semplice utilizzo
per il mondo pets, per migliorare sempre più la qualità della vita
di tutti gli amanti degli animali domestici.

Superato lo scoglio dello spesso
difficile rapporto tra piante indoor e felini indisciplinati, altri
esperimenti IoT sono in cantiere e verranno elaborati in prototipi
all'interno del fablab pavese.

Il progetto è disponibile sulla
piattaforma Kickstarter ed è raggiungibile al seguente link:https://www.kickstarter.com/projects/1853915202/planty-cover-a-new-way-to-cat-proof-your-pot-plant

 


© Riproduzione riservata