Randagismo, Innovet premia Gaia. Quasi 4000 pasti a cani e gatti di rifugio

Randagismo, Innovet premia Gaia. Quasi 4000 pasti a cani e gatti di rifugio

On. Brambilla: “Rispondere al randagismo con adozioni”

 

 


Presso il Rifugio Baratieri di Arzago
d’Adda (Bg) Innovet, azienda italiana di veterinary innovation, ha
consegnato ai volontari di Gaia Animali & Ambiente un assegno
equivalente a 3928 buoni-pasto da 1 euro: frutto della collaborazione
per l’iniziativa “Calendario dell’Avvento Innovet 2016”.


Ben 3928 persone, con il semplice gesto
di scoprire, giorno dopo giorno, le 25 finestrelle del Calendario
dell’Avvento online 2016 di Innovet e Gaia, hanno permesso di
donare altrettanti buoni pasto per il sostentamento di cani e gatti
accuditi in rifugio da Gaia, Diamoci La Zampa e Mondo Gatto. L’azione
di solidarietà ha anche portato all’adozione di 13 animali.


“L’iniziativa di solidarietà
Calendario dell’Avvento ha coinvolto 6382 utenti per un totale di
121.090 finestrelle aperte nel periodo a ridosso del Natale”, ha
spiegato il Ceo di Innovet Renato della Valle, “ha riscosso 18.000
tra condivisioni e “Mi piace” su Facebook, ha registrato 130.000
accessi al sito dedicato all’iniziativa”.

 

 

“Grazie a questa iniziativa”, ha
detto il presidente di Gaia Edgar Meyer, “hanno anche trovato amore
e famiglia 7 cani e 6 gatti. Possiamo così ricordare con il sorriso
le storie a lieto fine di Kelby e Tea, salvati rispettivamente dalle
“perreras” spagnole e dal vagabondaggio sardo; di Zeus e Ricky,
abbandonati per l’arrivo di un neonato e la morte del proprietario;
di Pluto e Lisa scartati dagli allevatori perché non più
“produttivi”; e del grande Eros, sopravvissuto ad incredibili
traversie nella speranza di trovare anche lui un pizzico di fortuna.
E sono anche le storie di Zoe, Bianca & Bernie, Leo, Figaro e
Ciro, gattini dolcissimi e coccolosi che, grazie al Calendario
Innovet, possono ora giocare e fare le fusa circondati dal calore di
una casa e di una famiglia”, ha concluso Meyer.


Alla consegna dell’assegno era
presente anche l’on. Michela Vittoria Brambilla. “Il randagismo è
una piaga intollerabile, l’adozione la risposta migliore che
possiamo dare”, ha ricordato l’on Brambilla. “Aprire la porta
di casa ad un amico a quattro zampe”, ha sottolineato l’on.
Brambilla, “è una decisione importante, che comporta un’assunzione
di responsabilità. Ma sarà ancora più bella e significativa se
restituirà il calore dell’affetto ad un animale che l’ha perduto
o lo donerà ad un animale che non l’ha mai conosciuto. E’ sempre
meglio andare in un rifugio, dove tanti cani o gatti sfortunati
aspettano la loro chance e farsi “scegliere” dal nuovo compagno
di vita, invece di acquistare un cucciolo, magari a prezzo elevato e
in alcuni casi senza reali garanzie sulla sua provenienza e la sua
salute”.


L’ex ministro ha anche ringraziato i
responsabili della Fondazione Baratieri (che ospita i trovatelli di
Gaia e Diamoci La Zampa in attesa di adozione) per l’elevatissimo
tasso di adozioni e il livello dei servizi offerti agli animali del
rifugio, una struttura immersa nel verde, dove lavorano volontari
motivati e qualificati: “Una vera e propria eccellenza italiana”,
ha concluso l’on. Brambilla, “un esempio da imitare”.

© Riproduzione riservata