IN PRIMO PIANO

Sos animali denunciare i maltrattamenti online

Sos animali denunciare i maltrattamenti via mail   Da oggi i maltrattamenti di animali si possono segnalare via mail È attiva da ieri mattina la casella di posta elettronica SOSanimali.viminale@interno.it, per raccogliere l ...
Continua..
Rassegna dalla parte degli animali con gli spettacoli de I Centouno ed Enzo Salvi

Nozioni di soccorso cinofilo con gli istruttori di BAU (Animal Urgency) A Le Terrazze Teatro Festival (Palazzo dei Congressi) il 19 e 20 luglio 2019 ore 21.30 Una kermesse dalla parte degli animali. Le Terrazze Teatro Festival, l’eve ...
Continua..
Con il progetto FoodStock tanto cibo donato ai pet meno fortunati

 ARCAPLANET: nel 2018 donate 160 tonnellate di cibo per pet. Cifra record quest’anno per FoodStock, il progetto nazionale di Arcaplanet che combatte lo spreco alimentare con donazioni di cibo a favore di associazioni benefiche. Arcaplan ...
Continua..
Cervia pet friendly e sociale

Cervia pet friendly e sociale Prosegue l’impegno della città e di tutti i soggetti coinvolti per rendere il territorio sempre più accogliente nei confronti degli amici a quattro zampe. Dopo gli interventi a favore del canile locale, il mi ...
Continua..
Prendersi cura di una cane è il primo passo in avanti verso uno stile di vita sano e sostenibile

Un approccio professionale per consolidare la relazione uomo - cane PRENDERSI CURA DI UN CANE TI CAMBIA LA VITA IN MEGLIO Ecco il "Team Building Pet Power 10” per stili di vita sani e sostenibili I cani renderanno gli uomini più buoni. Parola ...
Continua..
Incontrasino ed Airbnb per vivere esperienze uniche con gli asinelli del Rifugio

Incontrasino ed Airbnb per vivere esperienze uniche con gli asinelli del Rifugio Nell'anno che segna il decennale dell'apertura del centro ai visitatori, Il Rifugio degli Asinelli di Sala Biellese (BI), unica sede italiana dell'ente ...
Continua..

Pet owners sempre connessi, ma è il Veterinario il vero influencer

Proprietari più istruiti: pet più curati, cresce la domanda di competenza e professionalità. Il 91% dei proprietari ha un Veterinario di fiducia. Il 94% di loro dichiara di seguire fedelmente le prescrizioni del proprio Veterinario. I pet owners italiani sono prevalentemente possessori di cani e gatti (cani al 62%), hanno fra i 45 e i 65 anni e sono soprattutto donne lavoratrici.

Quarta indagine dell’ANMVI sulle tendenze dei proprietari italiani di cani e gatti. La ricerca "I proprietari e gli animali da compagnia"è stata presentata dal Direttore dell'Associazione, Antonio Manfredi,durante il convegno inaugurale del 18° Salone Zoomark International (BolognaFiere).

Con questa nuova indagine, l'ANMVI fotografa la socio-demografia dei proprietari e l'evoluzione del loro rapporto con il Veterinario e con le strutture di cura; la ricerca è suddivisa in cinque parti: 1.Profilo socio-demografico del pet owner; 2. Rapporto con il Veterinario; 3. Strutture di cura; 4. Rapporto con il mondo pet; 5.Internet e fonti di informazione.

"L’immagine percepita del proprio Veterinario di fiducia è quella di un professionista competente e serio - commenta il Presidente dell’ANMVIMarco Melosi- ma gli si riconoscono anche doti relazionali e valori sia nel rapporto con il proprietario, che con i suoi animali da compagnia. La fidelizzazione sviluppatasi negli anni tra i Veterinari italiani e i proprietari risiede nella professionalità. Nonostante un utilizzo massiccio dei canali Internet e dei social- osserva Melosi-, il Medico Veterinario non ha perso il suo ruolo di "influencer”.

Soprattutto cani, soprattutto donne - I pet owners italiani sono prevalentemente possessori di cani e gatti (cani al 62%), hanno una età compresa fra 45 e i 65 anni e sono soprattutto donne lavoratrici. Ai fini dell'indagine, le interviste telefoniche hanno considerato pet owner la persona della famiglia che si occupa stabilmente del pet, in grado quindi di rappresentare a tutto tondo il rapporto con il cane o il gatto di casa. Fra i proprietari italiani crescono sia il grado di istruzione che di occupazione, senza tuttavia scalfire il primato dei proprietari pensionati.

Proprietari più istruiti, pet più curati - A una crescita del grado di istruzione dei proprietari ha corrisposto, negli ultimi due anni, la crescita della cultura della prevenzione veterinaria: il 45% dei proprietari porta il proprio pet dal Veterinario più di due volte all'anno (+8% rispetto alle rilevazioni di due anni fa). In calo sensibile, ma sempre preoccupante, anche la percentuale di proprietari non vanno dal Veterinario perché convinti che il loro animale stia bene: questa fascia di pet owners è scesa al 67% (due anni fa era dell'(87%).

Il 44% dei proprietari si affida esclusivamente al pet food; la scelta delle sole preparazioni casalinghe è crollata al 7% (era al 18% dieci anni fa), in via di abbandono soprattutto fra i proprietari di gatti.

Il 91% dei proprietari ha un Veterinario di fiducia - Il 94% di loro dichiara di seguire fedelmente le prescrizioni del proprio Veterinario su salute, cure e benessere del loro pet e sempre più spesso (81%) per patologie alimentari che richiedono correzioni nutrizionali e una dieta veterinaria mirata.

Cresce la domanda di competenza e di professionalità - Il Veterinario si sceglie per competenza e professionalità. Il 93% dei proprietari fa attenzione alle qualifiche del professionista e alla qualità della struttura in cui opera, dando sempre più importanza sia ai titoli di formazione specialistica avanzata che alle certificazioni di qualità.

Al Veterinario di fiducia corrisponde una struttura di fiducia: un ambulatorio nel 78% dei casi, clinica veterinaria nel 21%. Negli ultimi dieci anni, le strutture complesse (cliniche/ospedali veterinari) si sono affermate come struttura di riferimento (lo erano all'8% nel 2009), con proiezioni fino al 40% nell'arco del prossimo decennio.

Qualità, professionalità e servizi giustificano la spesa veterinariaper il 56% dei proprietari; scende a quota 34% la percentuale dei proprietari che non si riconosce nel rapporto di valutazione "qualità-prezzo".

Pet owners sempre connessi - Il 76% dei pet owners italiani utilizzano Internet in percentuale superiore alla media nazionale per informarsi sul mondo dei pet e per scambiare esperienze, ma non per risolvere i problemi di salute del loro cane o gatto. Se il 45% ricorre al Web per problemi di salute del pet o per approfondire la diagnosi del Veterinario, il 51% di chi raccoglie informazioni via Web non si fida completamente e le condivide con il proprio Veterinario.

Non decollano le adozioni dai canili, microchip in lieve flessione - Cani e gatti sono stati per lo più (63%) acquistati o ricevuti in regalo; solo il 12% li ha adottati dal canile o da associazioni (4%). Nel 33% dei casi di adozione, si è trattato di un "trovatello", ovvero di un caso di adozione fortuita di pet "vagante". In lieve calo rispetto alle rilevazioni di due anni fa, l'obbligo di identificazione e di registrazione all'anagrafe canina: l'ha regolarmente osservato l'86% dei proprietari, un punto percentuale in meno del 2017.

Indagine integrale al sito www.anmvi.it



Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!