IN PRIMO PIANO

Ricette bestiali

La Fnovi e Ordine Medici Veterinari di Roma e provincia replicano  al servizio di Striscia la notizia   La Fnovi rappresenta orgogliosamente la categoria dei medici veterinari italiani tra i quali rientrano tutti quell ...
Continua..
Uccisa illegalmente aquila di Bonelli

Una perdita enorme per la biodiversità italiana. Così si mettono a rischio i progetti internazionali di conservazione della natura In provincia di Agrigento venerdì 31 ottobre in aperta campagna, un ricercatore della squadra del ...
Continua..
A Bergamo apre il Bau Bar

    Nasce a Curno, alle porte di Bergamo, il Bau Bar Un'area dedicata ai cani e ai loro padroni unica nel suo genere in Italia: con attrezzature per l'agility e la ristorazione. Un moderno spazio dedicato alla ristorazi ...
Continua..
Avvistato in Italia il primo fungo dalla sindrome del naso bianco

 Avvistato in Italia il primo dalla sindrome del naso bianco così chiamato per la presenza di micelio bianco su varie parti del corpo dei pipistrelli colpiti Università degli Studi di Pavia: la Prof. Anna Maria Picco e la Dr.Laura Garzoli ...
Continua..
Riconosciuta la figura del toelettatore professionista

Riconosciuta la figura del toelettatore professionista Un grande traguardo per valorizzare la qualità professionale a vantaggio degli utenti. La Lombardia, prima in Italia, definisce il profilo del toelettatore di animali da compagni ...
Continua..
Tanti giochi donati agli ospiti del CRAE di Semproniano

GimDog Playstrong Così resistenti da essere a prova di… macachi di Giava All’interno del Centro di Recupero Animali Esotici di Semproniano (GR) gestito dalla LAV (Lega Italiana Antivivisezione), vengono ospitati moltis ...
Continua..
Instaurazione di un corretto
rapporto fra il cane e il padrone 
Crescere insieme


Nella pancia
Per instaurare un corretto rapporto con il cane, è importante seguirne lo sviluppo sin dalla nascita o, secondo alcuni ricercatori, addirittura da prima di essa. Si ritiene, infatti, che le esperienze vissute dalla madre e, indirettamente, dal piccolo che si trova ancora nel suo utero, possano influenzare il futuro carattere di quest’ultimo. Il feto circa venticinque giorni prima della nascita, possiede già una competenza tattile; se la madre è sottoposta ad uno stress, presenterà contrazioni intestinali e uterine alle quali esso reagisce con movimenti e rotazioni. E’ importante, quindi, che in questo periodo alla cagna gravida siano evitate situazioni stressanti, le quali potrebbero agire negativamente sul carattere del cucciolo.

A occhi chiusi
Il periodo neonatale comincia alla nascita e si conclude con l’apertura degli occhi, a circa due settimane di vita. Benché il cucciolo nasca in uno stadio di sviluppo relativamente prematuro e sia cieco e sordo, mette in atto comportamenti innati che gli permettono di nutrirsi e di ottenere le necessarie cure materne. Pur non riconoscendo ancora la madre, si orienta verso la fonte di calore che essa rappresenta. Se il cucciolo si allontana dal gruppo, emette degli uggiolii, le uniche emissioni vocali di questo periodo, che ne provocano l’immediato recupero da parte della cagna.

Imprinting
Il periodo di transizione è breve e importantissimo: corrisponde all’incirca alla terza settimana di vita. E’ la fase di trasformazione nella quale il neonato diventa cucciolo, e passa dalla completa dipendenza dalla madre a un certo livello di indipendenza. Apre gli occhi, comincia a distinguere la luce e il movimento, inizia a sentire e a sobbalzare ai rumori forti e improvvisi... e a reagire con ringhi e abbai.
In questa fase, detta ”impregnazione” o anche "imprinting”,  secondo il termine usato da  Konrad Lorenz e dai primi etologi, il cucciolo riconosce la sua specie di appartenenza – cosa estremamente importante per lo sviluppo dei futuri rapporti sociali e sessuali. 

 


Manipolati
La fase della socializzazione inizia con il pieno sviluppo delle capacità sensoriali del cane, intorno alla 4^ settimana di vita, e si conclude verso la 12^ settimana, anche se vi possono essere delle differenze individuali e di razza. Questo è il periodo più delicato, durante il quale le esperienze avute o mancate assumono un’importanza fondamentale per il comportamento che il cucciolo terrà una volta divenuto adulto  e che potranno essere causa di gravi problemi comportamentali. E’ bene quindi che il cucciolo si abitui alla presenza dell’uomo,  che sia manipolato frequentemente e che prenda confidenza con i rumori quotidiani prodotti dalle voci umane, dalla TV, dai piccoli elettrodomestici.
E’ questo il momento in cui inizia lo svezzamento. La madre, infatti, lascia solo il cucciolo per periodi sempre più lunghi, facendo sì che si riduca il suo accesso al latte e cominci a nutrirsi col cibo da essa rigurgitato.

Giochi di forza
Con il cambiamento dell’alimentazione, il cucciolo apprende il principio della gerarchia alimentare. L’accesso al latte non pone alcun sistema di gerarchia. Con lo svezzamento, invece, si deve  mangiare lo stesso cibo e nello stesso luogo dove mangiano gli altri cani e capire che l’accesso al nutrimento è caratterizzato da regole ben precise. La madre ha un ruolo determinante in questa fase. Come gli altri adulti, infatti, anch’essa ringhia e attacca il cucciolo se tenta di avvicinarsi mentre sta mangiando (senza tuttavia fargli del male!). Questo lo aiuterà a diventare un buon animale sociale e a trovare un suo ruolo preciso all’interno del branco.
In questa fase poi, attraverso il gioco il cucciolo impara a conoscere sé stesso e gli altri, a valutare la propria forza e i propri limiti.

Al posto giusto

Il periodo giovanile si estende dalla fine della 12^ settimana sino all’inizio della pubertà, che può giungere in tempi diversi: sei mesi, otto-nove mesi o dodici mesi, a secondo che il cane sia di taglia piccola, media o grande. Se non  si è ancora fatto, è necessario iniziare l’addestramento di base insegnando il richiamo e i comandi elementari.
In natura, in questo periodo, il cane perfeziona il suo inserimento nel branco, trovando la sua collocazione in relazione agli altri. Allo stesso modo, vivendo all’interno della famiglia, è necessario che capisca in modo chiaro il suo ruolo all’interno dell’ordinamento gerarchico vigente. Se ritiene che il leader non sia all’altezza della situazione, infatti, il cane tenterà di prenderne il posto proprio come farebbe nel suo branco naturale.
Nel branco misto, quindi, è necessario che il cane occupi l’ultimo gradino della scala gerarchica. Al vertice dovrà porsi il leader, ossia colui che l’animale reputa capace di gestire le iniziative sociali e che capisce e si preoccupa dei bisogni del singolo e del branco. 


Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!