IN PRIMO PIANO

In arrivo la seconda edizione dell’ITALPET DOG RUN

I BASTIONI SI PREPARANO PER LA SECONDA EDIZIONE DELL’ITALPET DOG RUN: LA CORSA PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE! All’Ex Zoo, il 29 e il 30 settembre, due giorni di attività dedicate ai cani di tutte le taglie.   Dopo il successo d ...
Continua..
La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute

La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute Purina Institute mette la nutrizione al centro delle conversazioni sulla salute degli animali domestici   Purina annuncia il lancio del nuovo Purina Institute, un’orga ...
Continua..
Tartarughe beach

TARTARUGHE BEACH 2018  Cesena 22 e 23 settembre Anche quest’anno… La  più grande esposizione mondiale specializzata in tartarughe! Sempre nei padiglioni di Cesena Fiera  L’evento, organizzato dal Tarta Club Italia, ass ...
Continua..
Polpette avvelenate killer al parco Spina Verde di Rimini

Polpette avvelenate killer intervengono le Guardie Zoofile   Rimini - Dopo aver ricevuto una segnalazione del ritrovamento di una possibile esca avvelenata, le Guardie Ecozoofile, giunte immediatamente sul posto, hanno potuto constatare l ...
Continua..
Come rimanere in forma e in salute insieme a Fido

Domenica 26 Agosto: giornata internazionale del cane Gli esperti consigliano la compagnia di fido per rimanere in forma e in salute   Studi d’Oltreoceano dimostrano che tra i benefici di avere un cane, oltre ad aumentare la socialit ...
Continua..

Dott.ssa Federica Micanti - Medico Veterinario

 

Buonasera, le scrivo per chiederle un parere sulla mia gatta di circa 5/6 anni. È sempre stata in salute ma da circa 3 mesi soffre di stomatite che, a seguito di biopsia, è risultata essere di tipo plasma-cellulare. Le analisi hanno scongiurato l’ipotesi di FIV o FELV, dunque la micia è sana e i suoi valori risultano a posto, a parte una forte presenza di leucociti per l’infiammazione in bocca. Il veterinario mi ha prescritto due settimane di cortisone ad alti dosaggi ed un antibiotico. La terapia ha effettivamente migliorato la situazione in bocca ma una volta terminata, nel giro di 5 giorni, il dolore ha nuovamente impedito alla gatta di mangiare croccantini e cibi che non fossero in patè. A questo punto mi è stato detto di proseguire con il cortisone associando per 3 settimane l’antibiotico. La situazione è lievemente migliorata ma adesso il veterinario mi ha detto che non posso proseguire oltre con i farmaci per non intossicare la micia. Da 8 giorni, dunque, la gatta non sta prendendo nulla, ma ha dolore e mangia (spaventata) solo patè molto morbido. Non vorrei subito cedere all’estrazione dei denti, essendo questa una l’ultima strada. A questo proposito, cercando di documentarmi, ho letto che esistono alcuni rimedi naturali a base di ribes oppure prodotti omeopatici e volevo chiederle cosa ne pensa. Può essere una terapia valida o può peggiorare la situazione? Oppure può consigliarmi qualcos’altro? La ringrazio infinitamente per quanto potrà fare. In attesa di un Suo riscontro Le invio i migliori saluti.


Buonasera, in effetti le conviene provare una terapia con dei prodotti omeopatici, che può essere protratta anche per lunghi periodi.
Per far ciò deve consultare un Medico Veterinario che conosca l’omeopatia o l’omotossicologia (anche quest’ultima da ottimi risultati).
Inoltre gli integratori a base di ribes o antinfiammatori naturali sono buoni e può somministrarli da subito.