Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 
  
Amici fidati

Nel caso siano previste vacanze di pochi giorni o vacanze itineranti, è vivamente consigliabile rinunciare a condurre con sé il volatile. Meglio cercare di affidarlo ad una persona di cui si abbia piena fiducia. In caso di assenze di pochi giorni è anzi preferibile che il volatile rimanga nell’abitazione del proprietario, se la persona che ne avrĂ  cura potrĂ  giornalmente accudirlo. Per gli uccelli, infatti, le variazioni dell’ambiente in cui vivono, cosĂŹ come i trasporti frequenti, possono risultare molto stressanti.

 

Abbandonati

Nel caso di pappagalli che hanno sviluppato un rapporto molto stretto con l’essere umano, il distacco a volte può essere particolarmente traumatico: il volatile, infatti, potrebbe sentirsi abbandonato. SarĂ  quindi consigliabile che il pappagallo familiarizzi con la persona che dovrĂ  accudirlo (cerchiamo di "stabilire un contatto” fra i due giĂ  alcuni giorni prima della partenza). In tal modo si darĂ  a questa persona anche l’occasione di informarsi al meglio circa le abitudini e necessitĂ  del pappagallo. Qualora, invece, si pianifichi di trascorrere un periodo di vacanza medio lungo in un unico posto, può senz’altro convenire portare con sé i volatili.

 

Viaggiare comodi

Per il trasporto di uccelli di piccola taglia è sufficiente utilizzare una gabbia di piccole dimensioni. Diverso il discorso per i pappagalli di taglia medio-grande, per i quali si potrà utilizzare un trasportino per gatti, meglio se costituito da sbarre di metallo (quelle in plastica possono essere facilmente distrutte dalle specie munite di un robusto becco). All’interno del trasportino può essere applicato un posatoio in posizione trasversale, in modo che il pappagallo possa viaggiare più comodamente e in maggiore tranquillità.

 

Mele... da bere

Alla faccia interna della porta in griglia del trasportino può essere applicata una mangiatoia, mentre il fabbisogno d’acqua potrà essere soddisfatto da un pezzo di mela o altro frutto. È probabile, infatti, che l’acqua contenuta in un abbeveratoio possa essere versata durante il viaggio. Nel caso di percorsi particolarmente lunghi si potrà offrire dell’acqua al volatile durante le soste.

 

Caldo assassino

A meno che non si debbano percorrere distanze molto lunghe, si preferisce generalmente far viaggiare i volatili in auto. Nei viaggi in automobile bisogna far attenzione alle condizioni climatiche dell’abitacolo durante il viaggio. Senz’altro è sconsigliato l’utilizzo dell’aria condizionata ad elevati livelli, ma soprattutto è importante controllare che i volatili non siano direttamente esposti al flusso d’aria fredda. Attenzione anche a non esporre gli uccelli al caldo eccessivo; evitiamo che i raggi solari colpiscano direttamente il volatile e facciamo attenzione a non lasciarlo, durante le soste, nell’auto chiusa parcheggiata al sole. Un colpo di calore potrebbe essere fatale.

 

Stiva, no grazie

Nel caso fosse necessario viaggiare in aereo è opportuno contattare con un certo anticipo la compagnia aerea informando della propria volontà di viaggiare con un volatile. I regolamenti delle varie compagnie contemplano, infatti, la possibilità che il volo ospiti in cabina solo uno o due "pet”, contenuti nell’apposito trasportino, in modo che possano viaggiare accanto al padrone. Da evitare, assolutamente, di far viaggiare gli uccelli nella stiva.

 




Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!