IN PRIMO PIANO

A Carvico due aziende internazionali adottano animali maltrattati ed abbandonati

CARVICO E JERSEY LOMELLINA IL WELFARE SI MISURA (ANCHE) CON L’AMORE VERSO GLI ANIMALI "La grandezza e il progresso morale di una nazione si possono giudicare dal modo in cui questa tratta gli animali.” Mahatma Gandhi A Carvico, in ...
Continua..
Nel Milanese parte un innovativo progetto

È in atto una rivoluzione nella secolare relazione tra uomo e cane Come i cani possono migliorare gli uomini   Parte dal cuore del Parco del Ticino la rivoluzione che esalta la secolare relazione che esiste tra uomo e cane. Il "Cent ...
Continua..
Una giornata a contatto con la natura per tutta la famiglia

Sabato 4 Maggio Agriturismo La Costa, Sariano di Gropparello (PC)  PIO BAU CLICK Cargill® col suo brand Raggio di Sole® è tra i promotori di questa speciale iniziativa dedicata ai bambini e al loro rapporto con gli animali e l ...
Continua..
Riapre la spiaggia per cani ecofriendly di Maccarese

Venerdì 19 aprile 2019 RiapreBAUBEACH® https://www.baubeach.net/ Il prossimo venerdi 19 aprile Baubeach®, la spiaggia per cani ecofriendly di Maccarese, riapre i suoi battenti, per dar modo ai Soci di festeggiare il ponte pasquale ...
Continua..
A tutta coda Carmagnola

A Tutta Coda   Carmagnola (TO) 13 e 14 aprile 2019 La Fiera dalla parte degli animali, dopo il successo della prima edizione a Carmagnola, torna in primavera, per un bellissimo WEEK END dove potersi divertire, anche con il proprio ...
Continua..
expopet fiera del mediterraneo

EXPOPET 2019 Fiera del Mediterraneo  Prima tappa 13 e 14 aprile, a  Palermo  Torna l'appuntamento con il salone dei prodotti e delle attrezzature del mondo animale.   Alzi la mano chi non possied ...
Continua..

Pappagalli in città

A cura del Dott. GINO CONZO - Medico veterinario Specialista in Patologie Aviarie


La maggior parte delle specie di pappagalli presenti in natura è distribuita prevalentemente in paesi tropicali dell’emisfero meridionale. Da alcuni decenni, tuttavia, alcune specie di Psittacidi hanno colonizzato nuove aree geografiche diffondendosi in paesi profondamente diversi da quelli d’origine ed andando ad aggiungersi all’elenco delle tante specie animali "alloctone”.


La presenza di pappagalli in vari paesi europei è così fre-quente che molte guide di "Birdwatching” annove-rano ormai alcune specie di Psittacidi tra quelle "indi-gene”.

 

I pappagalli che più fre-quentemente è dato osservare in Europa appartengono a due specie: il Parrocchetto dal Collare Indiano (Psittacula krameri manillensis) ed il Parrocchetto Monaco (Myopsitta monachus). Il primo è originario del sud est asiatico a differenza del Monaco che ha origini sudamericane. Meno frequentemente è segnalata la presenza dell’Amazzone a fronte blu (Amazona aestiva), pappagallo proveniente anch’esso dal Sud America.

Con ogni probabilità si trattava originariamente di pappagalli selvatici, prelevati in passato dal loro ambiente naturale ed importati in Europa per alimentare il mercato del "pet”, che successivamente sono fuggiti dalla cattività.

La loro origine selvatica, unitamente al comportamento sociale ed alla disponibilità di alimenti, ha permesso a questi pappagalli di adattarsi ad un ambiente per loro insolito ed a riprodursi.

Le suddette specie sono presenti, allo stato selvatico, anche nel nostro paese e, soprattutto per le prime due, ne è stata documentata la riproduzione allo stato libero in molte regioni. Sebbene mantengano preferibilmente contatto con parchi o zone verdi, questi pappagalli sono osservabili anche nelle grandi città. Gruppi stabili di Parrocchetti sono, ad esempio, presenti a Roma (parco della Caffarella e Giardini Vaticani), Napoli (Orto Botanico), Milano e Genova, analogamente a quanto si può osservare in altre città europee. Una folta colonia di Monaci è presente anche al parco Natura Viva di Pastrengo (VR) ed in tante altre località della nostra penisola.

 

Parrocchetti dal collare ed Amazzoni nidificano nel cavo degli alberi; meno frequentemente in cavità artificiali. Molto più tipica è la nidificazione dei Monaci che li differenzia da tutte le altre specie di Psittacidi. Essi, infatti, usano costruire un grosso nido comunitario, con diverse camere d’incubazione, abitato dall’intera colonia. Allo scopo usano rami di vario calibro che trasportano alacremente su di un albero ritenuto sicuro per edificare l’abitazione della colonia. Alcuni nidi possono raggiungere dimensioni ragguardevoli (anche alcuni metri di diametro), rappresentando un serio problema nel momento in cui i rami dell’albero non dovessero più essere in grado di reggerne il notevole peso. 

 

Decisamente più rare le segnalazioni di nidificazione dell’Amazzone fronte blu; una significativa popolazione di questa specie sembra essere presente solo a Genova. Questo pappagallo, inoltre, passa spesso inosservato a causa delle abitudini piuttosto elusive.

Altre specie di pappagalli vengono talora osservate in città, ma si tratta, con ogni probabilità, di singoli soggetti sfuggiti alla cattività.

Il comportamento spiccatamente sociale dei pappagalli li porta a frequentare luoghi di riposo notturno comuni, facendoli spostare da un luogo all’altro della città in gruppi più o meno consistenti.

La loro presenza viene tradita dai tipici versi emessi in volo o quando sono intenti ad intrattenere rapporti sociali sui rami degli alberi.

Le fonti alimentari di questi pappagalli possono essere varie e comprendere una grande varietà di semi e frutti, da quelli di Magnolia e Cipresso a quelli degli Agrumi ornamentali dei giardini.

Come per altre specie esotiche anche per i pappagalli ci si domanda, non senza una certa preoccupazione, del ruolo che essi potrebbero svolgere nei confronti dell’ambiente da loro colonizzato. In tanti casi, infatti, l’introduzione, accidentale o voluta, di specie animali ha avuto ripercussioni negative sull’ambiente ed in particolare nella competizione con le specie autoctone.

 

 

Al momento la presenza di questi pappagalli nel nostro paese non sembra causare particolari problemi né all’avifauna né alle coltivazioni. La loro lenta ma continua diffusione non va però trascurata e gli ornitologi stanno monitorando il fenomeno con attenzione. Non è escluso, infatti, che un aumento numerico dei pappagalli cittadini possa condurre a competizione insostenibile per i nostri volatili selvatici, piccoli passeriformi in particolare, o rappresentare un possibile veicolo di nuove patologie.

Anche se alcuni possono ritenere piacevole osservare pappagalli liberi in ambiente cittadino è, quindi, sicuramente da evitare, per i motivi sopra esposti, la liberazione di uccelli esotici, anche se questi potrebbero adattarsi a vivere liberi in città.


Il Parrocchetto dal Collare è lungo circa 40 cm, e deve il suo nome alla presenza, nel maschio, di un evidente collare rosa-nero, che si estende dalla gola alla nuca. Nella femmina, al contrario, questo collare è molto meno marcato ed è di colore verde pallido. La specie si riconosce con facilità dalla precedente per le maggiori dimensioni, la lunga coda, ben visibile quando l’animale è in volo, il piumaggio verde brillante, con sfumature blu sulle timoniere, e il vistoso becco rosso.


Il Parrocchetto Monaco è lungo circa 35 cm, comprendendo la lunga ed appuntita coda. Il colore predominante è verde con gola e petto grigi. Non esiste dimorfismo sessuale.


Di dimensioni maggiori e di forma più tozza è l’Amazzone fronte blu che presenta coda corta e larga, livrea verde ed aree gialle sulla testa, oltre ad un’ampia macchia blu alla regione frontale.



Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!