Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 

La Pet Therapy

 

Negli ultimi tempi si sente parlare moltissimo di Pet Therapy, sia sulla stampa che in televisione, dove spesso vengono mandati in onda servizi che ne tessono le lodi. Non tutti sanno per che cosa sia veramente la Pet Therapy. In primo luogo  necessario fare un po,’ di chiarezza sulla terminologia. Ormai la parola Pet Therapy  infatti considerata obsoleta e sarebbe pi corretto parlare di IAA, ossia di Interventi Assistiti con gli Animali, che possono essere di tipo ludico, educativo oppure terapeutico.

 

Le attivitĂ  ludiche, svolte con la preziosa collaborazione degli animali, hanno lo scopo di migliorare la qualitĂ  della vita e il benessere in particolare delle persone con qualche patologia, gli anziani o le persone affette da handicap (come per esempio i non-vedenti, oppure individui costretti su una sedia a rotelle).


Giochi interattivi
In realtà queste attività possono essere rivolte anche a persone "normo-dotate”, come bambini e ragazzi in età scolare. In questo caso si tratta di un intervento a carattere ludico e ricreativo. Le attività che possono essere svolte sono numerose, come per esempio i giochi interattivi con gli animali. Non è necessario che gli incontri tra l’animale e la persona avvengano in un luogo particolare, può andar bene un giardino, una scuola oppure una casa privata.

 

Ormai la parola Pet Therapy  obsoleta, meglio parlare di IAA (Interventi Assistiti con gli Animali.

 

Conoscere l'altro (per rispettarlo)
I progetti educativi, come dice la parola stessa, sono svolti in ambienti adibiti all’educazione come tutti i cicli di scuola, dalla materna alla secondaria superiore, ma anche fattorie didattiche, centri diurni per minori o disabili. Spesso si tratta di veri e propri laboratori dove possono essere svolti incontri per insegnare agli utenti il corretto avvicinamento all’animale, per spiegare le caratteristiche ed il comportamento di quella determinata specie. Attraverso la conoscenza del mondo e della realtĂ  animale, che sono comunque diverse da quelle dell’uomo, è possibile  insegnare alle persone a riconoscere, rispettare ed accettare l’altro, uomo o animale che sia.

 

 

PiĂš vicini a noi
Grazie alla sua diversità, l’animale rappresenta ciò che è sconosciuto (spesso fragile), ma che non deve essere per questo evitato o rifiutato. Attraverso la conoscenza e l’avvicinamento all’animale i bambini e i ragazzi imparano ad accogliere e comprendere meglio l’altro e spesso anche ad interagire con i loro coetanei. È per questi motivi che i progetti educativi svolti con l’ausilio di animali possono avere una grande valenza sociale.

 

L’ animale può simbolicamente rappresentare un compagno di classe straniero oppure disabile, che va comunque accolto e non ignorato.

 

Co-terapie
I progetti terapeutici sono delle co-terapie che possono affiancarsi alla medicina tradizionale. II loro fine non è solo quello di migliorare la qualità della vita di un paziente, ma anche di far sÏ che egli possa trovare un qualche giovamento circa le proprie condizioni di salute, sia fisiche che psicologiche. Progetti di questo tipo possono rivelarsi molto utili anche per alleggerire in qualche modo la presenza di una diagnosi infausta, come per esempio in pazienti oncologici gravi. Se si decide di effettuare dei percorsi di Pet Therapy, sarebbe consigliabile affidarsi a professionisti seri e competenti.

 

 

 

Un percorso complesso
È utile anche fare un po' di chiarezza su un altro aspetto: nelle strutture dove effettuo i progetti con la mia associazione (ASD "Gli amici di Tina”), parlando con le persone che hanno figli con qualche disabilità mi sento spesso riferire che sono stati consigliati, anche da varie tipologie di professionisti, di adottare un cane per fare la Pet Therapy. Niente di più sbagliato. Adottare un cane non vuol dire fare Pet Therapy. I cani, così come tutti gli altri animali che fanno Pet Therapy hanno una preparazione di diversi anni. Hanno effettuato un percorso molto lungo e complesso e alla fine hanno conseguito l’idoneità, sia dal punto di vista comportamentale che sanitario. Non tutti i soggetti che hanno intrapreso questo percorso alla fine risultano idonei. In alcune regioni d’Italia, come la Toscana, prima di iniziare a fare Pet Therapy i cani devono essere certificati da un Medico Veterinario Esperto in comportamento.

 

In alcune regioni d’Italia prima di iniziare a fare Pet Therapy i cani devono essere certificati da un Medico Veterinario Esperto in comportamento.

 

Una grande responsabilitĂ 

Se invece una persona sceglie adottare un cane, dovrĂ  ponderare a lungo la decisione perché un cucciolo è una grossa responsabilitĂ  e un enorme impegno, oltre che un onere dal punto di vista economico. In particolare la scelta di un cucciolo, ancora di piĂš se sono presenti dei bambini o ragazzi con delle problematiche, va eseguita con l’ausilio di un esperto (Medico veterinario Esperto in Comportamento e in Pet Therapy). Questo per non incorrere in problemi seri in seguito. Ovviamente poi il cane dovrĂ  seguire un percorso educativo idoneo, per un periodo sufficientemente lungo della sua vita.

 

Dott.ssa FEDERICA MICANTI
Medico Veterinario esperto in Pet Therapy
mica.fede@libero.it




Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!