IN PRIMO PIANO

Un esercito di Bulldog inglesi e appasionati in arrivo da tutta Italia per il #BULLDOGDAY solidale del C.A.B.I.

Un esercito di Bulldog inglesi e appasionati in arrivo da tutta Italia per IL 19° #BULLDOGDAY SOLIDALE DEL C.A.B.I.   Un esercito di bulldog inglesi sta per invadere la Toscana in occasione del 19° #BulldogDay, il raduno nazionale de ...
Continua..
In arrivo la seconda edizione dell’ITALPET DOG RUN

I BASTIONI SI PREPARANO PER LA SECONDA EDIZIONE DELL’ITALPET DOG RUN: LA CORSA PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE! All’Ex Zoo, il 29 e il 30 settembre, due giorni di attività dedicate ai cani di tutte le taglie.   Dopo il successo d ...
Continua..
La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute

La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute Purina Institute mette la nutrizione al centro delle conversazioni sulla salute degli animali domestici   Purina annuncia il lancio del nuovo Purina Institute, un’orga ...
Continua..
Tartarughe beach

TARTARUGHE BEACH 2018  Cesena 22 e 23 settembre Anche quest’anno… La  più grande esposizione mondiale specializzata in tartarughe! Sempre nei padiglioni di Cesena Fiera  L’evento, organizzato dal Tarta Club Italia, ass ...
Continua..
Polpette avvelenate killer al parco Spina Verde di Rimini

Polpette avvelenate killer intervengono le Guardie Zoofile   Rimini - Dopo aver ricevuto una segnalazione del ritrovamento di una possibile esca avvelenata, le Guardie Ecozoofile, giunte immediatamente sul posto, hanno potuto constatare l ...
Continua..
L’alimentazione
della CAVIA

 

A cura del Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario


La cavia (Cavia aperea porcellus) è conosciuta anche come "porcellino d’India”, nome che sicuramente ha generato molta confusione circa l’origine di questo simpatico animaletto: esso, infatti, non ha nulla a che fare con l’India, ma è originario del Sud America dove è stato addomesticato dai popoli andini già da alcuni secoli ed ancora oggi viene allevato anche a scopo alimentare. 


La gestione di questo animaletto in ambiente casalingo è sicuramente meno impegnativa di quella di altri animali d’affezione come cani e gatti, tuttavia anche la cavia ha delle specifiche esigenze che vanno rispettate al fine di mantenerla nelle migliori condizioni di salute.

Cominciamo con il dire che è un animale che non ama la solitudine e quindi, se si decide di non tenerne più di una, occorrerà dedicarle molte attenzioni evitando di lasciarla sola per lunghi periodi; le cavie poi tendono ad essere molto abitudinarie e si stressano facilmente se sopraggiungono rapidi cambiamenti nella loro routine quotidiana.


Vegetali e vitamina C

La cavia è un erbivoro stretto ed il suo sistema digerente si è evoluto per assimilare vegetali.

In cattività l’alimentazione deve essere basata principalmente su fieno di buona qualità da integrare con erbe di campo, ortaggi (carota, cavolo, spinaci, cicoria, broccoli e bietole), piccole quantità di frutta ed eventualmente pellet specifico per cavie.

Questa alimentazione di base dovrà poi essere integrata giornalmente con vitamina C: come l’uomo e pochi altri animali, infatti, le cavie non sono in grado di sintetizzare questa vitamina che deve quindi essere fornita attraverso gli alimenti. La carenza di vitamina C determina nella cavia una patologia, detta "scorbuto”, che se trascurata può facilmente condurre a morte il simpatico roditore.

 

Alcuni appassionati hanno di recente dato vita all’Associazione Nazionale Allevatori Cavie (ANAC) con l’obiettivo di promuovere l’allevamento di questo roditore, di far conoscere le varie razze e di diffondere più informazioni possibili sul corretto mantenimento di questi animali.


Denti e fieno

Come avviene in altri roditori anche i denti della cavia sono a crescita continua e devono quindi essere consumati attraverso la masticazione di cibi fibrosi: il fieno serve appunto ad ottemperare a questa importante azione fisiologica.

Se i denti non venissero adeguatamente consumati continuerebbero a crescere a dismisura causando gravi disturbi all’animale fino a impedirne l’alimentazione.

Cibi vietati

Se vorrete mantenere in perfetta salute la vostra cavia sappiate che alcuni alimenti vanno assolutamente evitati: semi di girasole e altre granaglie, frutta secca, cereali come tali o in fiocchi, bastoncini di semi melassati venduti come "snack”, biscotti, pane, pasta, dolciumi, latte e derivati (ad eccezione dello yogurt) sono eccessivamente calorici per le cavie e rischiano di causare un aumento eccessivo di peso nei nostri pet.

Tali cibi contribuiscono inoltre a creare in questi animaletti scompensi gastroenterici.

Purtroppo, come spesso accade, i cibi più dannosi sono anche quelli più graditi: se facciamo l’errore di proporli inevitabilmente ridurremo l’assunzione del fieno e di altri alimenti più salutari.

È infine importante ricordare che la cioccolata è tossica per le cavie, così come sono tossici i germogli e le foglie di patate e pomodori.

 

Allevata in cattività la cavia si dimostra piuttosto docile e tranquilla e tende ad affezionarsi al proprietario: queste caratteristiche la rendono un buon animale da compagnia. La corretta alimentazione della cavia è cruciale per il suo benessere e, purtroppo, ancora oggi gli errori alimentari sono alla base di molte patologie tipiche di questa specie.