Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 

 

Dott. GINO CONZO Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare

 

È detta MOM, può provocare paralisi e fratture spontanee:

la malattia ossea metabolica nei rettili è una delle patologie piÚ frequenti legate a errori alimentari.


È provocata da uno squilibrio del rapporto tra calcio e fosforo (Ca:P)  nell’organismo, dovuto ad una dieta povera in calcio o troppo ricca in fosforo.
Il rapporto ideale tra i due minerali dovrebbe essere, infatti, a vantaggio del calcio (almeno 1,5:1), mentre molti alimenti offerti ai rettili possiedono un rapporto totalmente sbilanciato in favore del fosforo.
Anche la mancata esposizione dei rettili ai raggi UV (quelli naturali del sole o quelli generati dalle lampade nei terrari) può causare la MOM, perché ciò impedisce la sintesi di vitamina D3 da parte dell’organismo.
Vitamina che è essenziale per il giusto assorbimento di calcio.

 

Arti gonfi

La MOM è frequente nei soggetti giovani in accrescimento e in particolare nei sauri come iguane e camaleonti e nei cheloni (tartarughe).
Al contrario, è decisamente meno comune nei serpenti, dal momento che le prede intere di cui si nutrono questi animali posseggono spesso un buon rapporto calcio-fosforo.
I sintomi piÚ comuni nelle giovani iguane e negli altri sauri riguardano essenzialmente lo scheletro per cui si può osservare deviazione della colonna vertebrale (cifosi, lordosi o scoliosi), gonfiore della mandibola, della mascella e degli arti, fratture spontanee delle ossa lunghe, difficoltà nei movimenti ed inappetenza.

 

Guscio molle

Se la MOM insorge in soggetti adulti si osservano i sintomi tipici della ipocalcemia (bassi livelli di calcio nel sangue): paralisi, tremori muscolari, crisi epilettiformi.
Nelle tartarughe in crescita abbiamo gravi alterazioni del carapace che si può presentare deforme e molle; ci può essere anche un’eccessiva crescita del becco e delle unghie.
I movimenti delle tartarughe possono essere molto difficoltosi.
Molto rara, invece, è la malattia nelle tartarughe adulte.

 

Nuova dieta

La MOM può essere confermata agevolmente dall’esame radiologico.
La terapia richiede l’immediato intervento veterinario con somministrazione di calcio e vitamina D3, che spesso deve essere eseguita per iniezione dal momento che l’inappetenza è molto comune nei rettili affetti da MOM.
In questi casi può rendersi necessaria l’alimentazione forzata o la reidratazione per via sottocutanea.
Il veterinario potrĂ  anche ridurre le fratture ossee eventualmente presenti.
Ovviamente è poi necessario correggere la dieta del rettile.


./website/data/picture/img_art_0510/dieta%203.jpg

 

Insetti al calcio

La corretta alimentazione dei rettili è fondamentale per prevenire la MOM.
Nei rettili che si nutrono di vegetali e insetti è importante integrare la dieta con calcio carbonato, da porre direttamente nell’alimento. Gli insetti che fungono da cibo possono essere cosparsi dell’integratore di calcio in polvere prima di essere offerti ai rettili.
Per poter correttamente sintetizzare la vitamina D3 è fondamentale che i rettili siano esposti per parte della giornata ai raggi UV provenienti dalla luce diretta (non filtrata dal vetro) del sole o da lampade speciali da terrario.

 

Meglio il sole

Somministrare direttamente nel cibo integratori a base di vitamina D3 può presentare degli inconvenienti di sovradosaggio, che possono provocare gravi conseguenze.
Per questo motivo è consigliabile dare integratori con scarse o nulle quantità di vitamina D3.
Per quest’ultima, i rettili possono beneficiare di luce solare diretta o di terrari correttamente illuminati.

 




Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!