Semi, erbe aromatiche e prative nella dieta dei fringillidi

Semi, erbe aromatiche e prative nella dieta dei fringillidi A cura di Pasquale Quitadamo (Cargill® Srl) I Fringillidi, coi loro becchi corti e massicci, sono granivori, quindi si nutrono principalmente di semi, ma possono cibarsi ....
continua

Uccelli selvatici come nutrirli

Nutrire gli Uccelli Selvatici Una bella tavola imbandita con pietanze succulente e profumate e la soddisfazione di poter far pranzare con voi i vostri cari e tutti gli amici che volete. A cura di Cargill® www.cargill.it ....
continua

La frutta nell'alimentazione dei Pappagalli

La frutta nell’alimentazione dei Pappagalli I pappagalli, primi tra gli uccelli, hanno circa 350 papille gustative rispetto alle 9000 negli esseri umani. Il sapore tuttavia influisce notevolmente sia sulla scelta del cibo sia su ....
continua

Come cambiare i gusti alimentari dei pappagalli

Il mio PAPPAGALLO non vuole MANGIARE A cura del Dott. GINO CONZO Medico Veterinario (Consigli per la conversione del pappagallo ad una nuova dieta) La transizione dalla vecchia alla nuova dieta dovrebbe avvenire gradualmente nel ....
continua

Uccelli: integrazioni alimentari

Le integrazioni alimentari Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare Poiché, come detto, la dieta dei Fringillidi in cattività è basata su miscele di semi secchi si rende necessario, generalmente, i ....
continua

Alimenti freschi per uccelli

L’alimentazione degli uccelli ornamentali è in gran parte basata su alimenti secchi, vuoi che si tratti di miscele di semi che di alimenti formulati (pellets o estrusi). È consigliabile integrare questo tipo di alimentazione con vegetal ....
continua

Una dieta bilanciata per i pappagalli

Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario Se si vuol far accettare una dieta casalinga bilanciata o una dieta in pellet a dei pappagalli abituati ad alimentarsi di soli semi si incontrano spesso serie difficoltà le ....
continua

L'alimentazione degli uccelli

Dott.ssa SABRINA DOMINIO - Medico Veterinario Quanti errori alimentari! Le cose si complicano se pensiamo che, a differenza di quello che succede nel cane e nel gatto, esistono pochi dati sugli effettivi fabbisogni nutrizionali deg ....
continua

Alimentazioni nei fringillidi

Alimentazione dei fringillidi Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare I FRINGILLIDI SONO UCCELLI GREGARI E SI NUTRONO DI VEGETALI, COMPLETANDO LA DIETA, A VOLTE, CON PICCOLI VERMI. SONO FA ....
continua

Integrazione alimentare degli uccelli. La Spirulina

Integrazione alimentare: la SPIRULINA A cura del Dott. GINO C0NZO - Medico Veterinario specialista in Patologia Aviare Cos'è? La Spirulina è un’alga planctonica blu-verde che cresce spontaneamente nelle acque calde ed ....
continua

Alimentazione dei passeriformi

Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare Nell’allevamento del canarino e di altri piccoli passeriformi è molto comune utilizzare pastoni per integrarne l’alimentazione. In commercio ne esistono di ....
continua

L'alimentazione dei pappagalli in cattività

Pancia mia fatti capanna! L’alimentazione deipappagalli "pet” A cura del Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario In natura, la maggior parte dei pappagalli si nutre di semi immaturi, frutti, noci, germogli, foglie, polline; a v ....
continua

1 

Pancia mia fatti capanna!

L’alimentazione dei pappagalli "pet”

A cura del Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario


In natura, la maggior parte dei pappagalli si nutre di semi immaturi, frutti, noci, germogli, foglie, polline; a volte anche di larve e insetti. Spesso i pappagalli traggono dal suolo gli elementi minerali necessari al loro organismo.
I pappagalli in cattività hanno delle esigenze nutrizionali molto diverse da quelli selvatici e, comunque, non sarebbe possibile fornire loro gli stessi alimenti che troverebbero in natura. Nelle foreste tropicali, ad esempio, è possibile reperire una gran varietà di frutti, spesso notevolmente energetici e nutrienti, fondamentali per far fronte al dispendio energetico dei pappagalli allo stato libero.
Tale alimentazione risulterebbe, ovviamente, eccessivamente calorica per i pappagalli "pet” in cattività, generalmente piuttosto sedentari.
Diverse ditte produttrici d’alimenti per animali hanno, in tempi recenti, sviluppato alimenti bilanciati (in forma di estrusi o pellettati) dedicati alle diverse specie di pappagalli, analogamente a quanto è stato fatto in precedenza per cani e gatti.
Riteniamo che sia opportuno che circa una metà della dieta dei pappagalli sia basata su tali alimenti. Tuttavia, sia per il benessere fisico che psicologico dei pappagalli, è opportuno che una parte dell'alimentazione giornaliera includa la stessa tipologia d’alimenti per i quali essi si sono evoluti, come semi e vegetali freschi.
Molti tipi di frutta e verdura possono essere offerti ai pappagalli, in particolare quelli ricchi di carotenoidi come carota, papaia, zucca, melone, albicocche, peperoni rossi dolci e piccanti, broccoli siciliani, cime di rapa, rughetta, tarassaco (o dente di leone).
Molto indicati  sono anche banana, frutto della passione, mela, pera, fichi d'India, melograno, fichi, agrumi, ananas, mango, kiwi, frutti di bosco, uva, peperoni verdi dolci, patate (bollite e prive delle parti verdi e dei germogli), sedano, indivia, pomodori (solo quelli maturi e senza le foglie), cetrioli, zucchini, cicoria.

Da evitare i vegetali eccessivamente acquosi e poco nutrienti, come la lattuga ed il cocomero. Una valida soluzione alimentare è quella di offrire ai pappagalli legumi cotti, cibi che garantiscono un buon apporto di proteine a fronte di un ridotto contenuto di materie grasse. I cereali (frumento, farro, orzo, avena, miglio, ecc.) possono essere somministrati tanto crudi che cotti.

 

In breve, un'alimentazione sana dovrebbe includere giornalmente:
- Cibi formulati (estrusi o pellet) di buona qualità;
- Legumi cotti;
- Cereali (cotti o crudi);
- Frutta e verdure fresche, sbucciate o ben lavate.


Valido anche l’impiego di yogurt magro che contribuisce alla colonizzazione intestinale di lattobacilli.
Saltuariamente, come fonte di proteine animali, possono essere somministrati piccoli quantitativi di ricotta, formaggio magro stagionato e uovo sodo. Tali alimenti, unitamente a biscotti semplici (fette biscottate, gallette, ecc..) possono essere anche offerti come "premio” per dei comportamenti del pappagallo desiderati. Non è necessaria, invece, la somministrazione di carne il cui utilizzo è spesso controindicato.
Gli alimenti secchi, come gli estrusi, possono essere lasciati nelle mangiatoie per l’intera giornata a differenza di quelli umidi (semi cotti, frutta e verdura) che vanno mantenuti nelle mangiatoie per poche ore al fine di evitare, in particolare nei periodi più caldi, la formazione di pericolose muffe.
I vegetali freschi possono essere offerti ai pappagalli in forma di "macedonia”, anche in associazione con i legumi ed offerti in determinate ore della giornata.

L'acqua da bere deve essere sempre pulita, sostituita giornalmente o più volte al giorno se è sporca. Accade sovente, infatti, che i pappagalli immergano in acqua il cibo prima di ingerirlo.

Bisogna in ogni caso considerare che le esigenze nutrizionali dei pappagalli "pet” possono variare molto a livello individuale in considerazione della specie d’appartenenza, dell’età,  del loro stato fisiologico, dell’ambiente in cui vivono, delle loro condizioni di salute generale.
E’, quindi, compito del veterinario consigliare la dieta più appropriata e suggerire, a secondo del caso, le opportune correzioni o integrazioni alimentari.


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!