Come preparare le Tartarughe al letargo

Come preparare le Tartarughe al Letargo Le tartarughe dei climi tropicali(es. le Geochelone) non hanno bisogno di andare in letargo e se lasciate al freddo morirebbero. A cura della Dott.ssa Marta Avanzi Medico Veterinario ....
continua

I parassiti nelle Tartarughe

I parassitinelle tartarughe I parassiti interni possono rappresentare un problema serio nelle tartarughe terrestri, sia che vivano liberein giardino chein un terrario.Vediamo perché. A cura dellaDott.ssa Marta Avanzi -Medico Vet ....
continua

False leggende sulle tartarughe

False leggende sulle tartarughe Le tartarughe, sia d’acqua sia di terra, sono tra i pet più amati. Ma siamo sicuri di conoscerle bene? Ecco alcuni "miti da sfatare” A cura della Dott.ssa Marta Avanzi - Medico Veterinario ....
continua

Tartarughine d'acqua un'adozione consapevole

Le tartarughine d'acqua Un’adozione consapevole Le piccole tartarughe d’acqua dolce sono i rettili più facilmente reperibili nei pet shop e, apparentemente, molto facili da allevare. A cura della Dott.ssa Marta Avanzi ....
continua

Primavera tempo risveglio per le tartarughe

Primavera, tempo di risveglio per le TARTARUGHE Le tartarughe terrestri, che in autunno si sono interrate per affrontare il letargo, con l’arrivo della primavera si svegliano ed escono all’aperto. Il sonno invernale ha per ....
continua

Le principali malattie delle Tartarughe

Le principali malattie delle tartarughe A cura della Dott.ssa Marta Avanzi - Medico Veterinario Associazione Animali Esotici Onlus - www.aaeonlus.org Se tenute in condizioni ideali, le tartarughe sono animali robusti e resiste ....
continua

Tutto quella che c'è da sapere prima di adottare una tartaruga

Tartarughe un mondo da scoprire Tutto quello che c’è da sapere prima di adottare un’amica... cura della Dott.ssa Marta Avanzi - Medico Veterinario Le tartarughe sono animali affascinanti e l’idea di ospitarle nel pr ....
continua

LA CORAZZA DELLE TARTARUGHE

TARTARUGHE, i rettili CORAZZATI A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI, Medico Veterinario AAE – Associazione Animali Esotici www.aaeonlus.org La corazza rappresenta per le tartarughe una formidabile difesa, tuttavia non si tratta ....
continua

Di cosa ha bisogno la mia nuova TARTARUGA ACQUATICA

Di cosa ha bisogno la mia nuova TARTARUGA ACQUATICA A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI, Medico Veterinario AAE – Associazione Animali Esotici www.aaeonlus.org La prima cosa da sapere (possibilmente prima dell’acquisto) ....
continua

Un amico dai mille volti il Camaleonte

Un amico dai mille volti Il CAMALEONTE A cura del Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario I camaleonti sono Sauri unici nel loro aspetto: il corpo è compresso lateralmente, gli occhi di forma conica si muovono indipendentemente l ....
continua

Curiosità sulle tartarughe

Amiche con la corazza A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario - www.aaeweb.net C'è una caratteristica delle tartarughe che permette di identificare questi rettili al primo sguardo: la corazza. Tutte le tartar ....
continua

Le uova delle tartarughe terrestri

LE UOVA DELLE TARTARUGHE TERRESTRI A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario Le tartarughe mediterranee (Testudo hermanni, la più comune, T. graeca e T. marginata) si riproducono facilmente nei nostri giardini ....
continua

Il commercio delle tartarughine acquatiche

UNA STRAGE SILENZIOSA Il commercio delle tartarughine acquatiche A cura del Dott. GINO CONZO Medico Veterinario Le ben conosciute tartarughine verdi giungono molto facilmente nelle nostre case dato che il loro costo è molto cont ....
continua

Tartarughe: quali scegliere

TARTARUGHE: quali scegliere A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI Medico Veterinario Le tartarughe sono rettili affascinanti e, tra i pet non tradizionali, sono probabilmente quelli più ricercati. Vi sono decine di specie, terrestr ....
continua

La casa delle tartarughe

La CASA delle TARTARUGHE A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario Le tartarughe mediterranee del genere Testudo (T. hermanni, T. graeca e T. marginata) sono rettili molto attivi e con specifiche esigenze di alle ....
continua

La visita veterinaria per la tartaruga

TARTARUGHE dal Veterinario Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario Come tanti altri animali da compagnia anche le tartarughe hanno bisogno talora delle cure veterinarie. È molto importante sapere, però, che gran parte delle p ....
continua

Alimentazione delle tartarughe terrestri

TURTLE CHEF L’alimentazione delle tartarughe terrestri A cura del Dott. GINO CONZO - Medico Veterinario Le Testuggini mediterranee (Testudo hermanni, Testudo graeca, Testudo marginata) sono le tartarughe terrestri più conosciute. ....
continua

Boa Constrictor

Il Boa constrictor constrictor è un serpente molto grande anche se le sue dimensioni non sono così eccezionali se paragonate a quelle di altri "giganti” costrittori come il Pitone reticolato e il Pitone burmese. Esso può raggiungere lu ....
continua

Tartarughe d'acqua

Le piccole tartarughe che compriamo sono neonati. Gli adulti raggiungono i 25-40 cm, secondo la sottospecie e il sesso, e crescono in fretta! Le piccole tartarughe d’acqua dolce sono i rettili più facilmente reperibili nei pet shop ....
continua

Il Pogona

Il Pogona Un drago (barbuto) in terrario Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario AAE Associazione Animali Esotici ONLUS www.aaeweb.net Se si desidera tenere un sauro in casa propria il pogona è una delle scelte migliori: di ....
continua

Il Pitone

Ogni erpetofilo dovrebbe essere sempre seguito da un veterinario esperto, capace di guidarlo nella scelta dell’alimentazione e in tutte le cure delle quali un serpente esotico ha bisogno. Nella mitologia greca Pitone era un drago ....
continua

Tartarughe dalle orecchie gialle

Tartarughe dalle orecchie gialle A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario Vengono importate dagli Stati Uniti a decine di migliaia ogni anno e la maggior parte muore ancora ....
continua

Tartarughe in natura

Tartarughe in natura A cura della Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario La Trachemys scripta elegans è una tartaruga d’acqua dolce che origina dal sud degli Stati Uniti (valle del Mississippi), dall’Illinois al Golfo ....
continua

Le tartaruge mediterranee

Per allevare in modo adeguato questi affascinanti animali è necessario disporre di uno spazio erboso ampio e soleggiato (di solito vengono tenuti in giardino). Queste tartarughe sono del tutto inadatte alla vita in terrario: esse sono molt ....
continua

Il risveglio dal letargo delle tartarughe terrestri

Marta Avanzi - Medico Veterinario Chi possiede delle tartarughe di terra alla fine dello scorso autunno le avrà viste interrarsi in giardino per iniziare il letargo invernale. Le tartarughe, infatti, come tutti i rettili dipendon ....
continua

Il letargo delle tartarughe

Il Grande sonno delle tartarughe In primavera abbiamo parlato di come prenderci cura delle tartarughe di terra al risveglio dal letargo, ora che ci avviciniamo all’autunno vediamo quali sono le precauzioni da prendere perch&eac ....
continua

La tartaruga di Hermann

Dott.ssa FEDERICA MICANTI - Medico Veterinario Le tartarughe di Hermann o Testudo hermanni sono forse le testuggini terrestri più conosciute e apprezzate, tanto che ormai possono essere annoverate tra i molti animali domestici " ....
continua

Tartarughe: vegetariane per passione

Dott.ssa MARTA AVANZI - Medico Veterinario Fibra e calcio Le tartarughe del genere Testudo sono rettili esclusivamente erbivori e come tali vanno nutriti. Per il buon funzionamento del loro apparato digerente richiedono elevati ....
continua

Quando la tartaruga non può andare in letargo

Le tartarughe malate o ferite non devono andare in letargo perché questo comporta un forte rallentamento di tutte le attività fisiologiche, compresi i fenomeni di guarigione e il sistema immunitario. Nelle zone molto fredde il l ....
continua

Dermatologia dei rettili

Dermatologia dei rettili I rettili hanno colonizzato nel corso di milioni di anni i più svariati ambienti della terra, dai mari alle acque interne, i deserti, le zone temperate umide e le foreste tropicali. Molte specie vivono in a ....
continua

La casa dei serpenti - 2° parte

ANGELICA D’AGLIANO Toc toc... Tutti i terrari devono poter essere aperti, per molti motivi: per igienizzare l’ambiente, per spostare o rimuovere esemplari, ma anche per fare fotografie o altro. Il terrario si apre in genere ....
continua

La casa dei serpenti - 1°parte

Angelica D'Agliano Parola d’ordine: VIVIBILITA’ Per definizione, il terrario è il luogo (il contenitore) in cui viene ospitato un animale in cattività. I serpenti sono gli inquilini più conosciuti, tuttavia nei terrari ....
continua

Iguana

ANGELICA D'AGLIANO Può superare il metro e mezzo di lunghezza, è vegetariana ma se viene disturbata dà del filo da torcere a chiunque: l’iguana è un sauro di tutto rispetto. E anche uno dei rettili più venduti in assoluto ....
continua

Patologie legate ad errori alimentari nei rettili

Dott. GINO CONZO Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare È detta MOM, può provocare paralisi e fratture spontanee: la malattia ossea metabolica nei rettili è una delle patologie più frequenti legate a errori alimentari ....
continua

1 

 

Dott. GINO CONZO Medico Veterinario Specialista in Patologia Aviare

 

È detta MOM, può provocare paralisi e fratture spontanee:

la malattia ossea metabolica nei rettili è una delle patologie più frequenti legate a errori alimentari.


È provocata da uno squilibrio del rapporto tra calcio e fosforo (Ca:P)  nell’organismo, dovuto ad una dieta povera in calcio o troppo ricca in fosforo.
Il rapporto ideale tra i due minerali dovrebbe essere, infatti, a vantaggio del calcio (almeno 1,5:1), mentre molti alimenti offerti ai rettili possiedono un rapporto totalmente sbilanciato in favore del fosforo.
Anche la mancata esposizione dei rettili ai raggi UV (quelli naturali del sole o quelli generati dalle lampade nei terrari) può causare la MOM, perché ciò impedisce la sintesi di vitamina D3 da parte dell’organismo.
Vitamina che è essenziale per il giusto assorbimento di calcio.

 

Arti gonfi

La MOM è frequente nei soggetti giovani in accrescimento e in particolare nei sauri come iguane e camaleonti e nei cheloni (tartarughe).
Al contrario, è decisamente meno comune nei serpenti, dal momento che le prede intere di cui si nutrono questi animali posseggono spesso un buon rapporto calcio-fosforo.
I sintomi più comuni nelle giovani iguane e negli altri sauri riguardano essenzialmente lo scheletro per cui si può osservare deviazione della colonna vertebrale (cifosi, lordosi o scoliosi), gonfiore della mandibola, della mascella e degli arti, fratture spontanee delle ossa lunghe, difficoltà nei movimenti ed inappetenza.

 

Guscio molle

Se la MOM insorge in soggetti adulti si osservano i sintomi tipici della ipocalcemia (bassi livelli di calcio nel sangue): paralisi, tremori muscolari, crisi epilettiformi.
Nelle tartarughe in crescita abbiamo gravi alterazioni del carapace che si può presentare deforme e molle; ci può essere anche un’eccessiva crescita del becco e delle unghie.
I movimenti delle tartarughe possono essere molto difficoltosi.
Molto rara, invece, è la malattia nelle tartarughe adulte.

 

Nuova dieta

La MOM può essere confermata agevolmente dall’esame radiologico.
La terapia richiede l’immediato intervento veterinario con somministrazione di calcio e vitamina D3, che spesso deve essere eseguita per iniezione dal momento che l’inappetenza è molto comune nei rettili affetti da MOM.
In questi casi può rendersi necessaria l’alimentazione forzata o la reidratazione per via sottocutanea.
Il veterinario potrà anche ridurre le fratture ossee eventualmente presenti.
Ovviamente è poi necessario correggere la dieta del rettile.


./website/data/picture/img_art_0510/dieta%203.jpg

 

Insetti al calcio

La corretta alimentazione dei rettili è fondamentale per prevenire la MOM.
Nei rettili che si nutrono di vegetali e insetti è importante integrare la dieta con calcio carbonato, da porre direttamente nell’alimento. Gli insetti che fungono da cibo possono essere cosparsi dell’integratore di calcio in polvere prima di essere offerti ai rettili.
Per poter correttamente sintetizzare la vitamina D3 è fondamentale che i rettili siano esposti per parte della giornata ai raggi UV provenienti dalla luce diretta (non filtrata dal vetro) del sole o da lampade speciali da terrario.

 

Meglio il sole

Somministrare direttamente nel cibo integratori a base di vitamina D3 può presentare degli inconvenienti di sovradosaggio, che possono provocare gravi conseguenze.
Per questo motivo è consigliabile dare integratori con scarse o nulle quantità di vitamina D3.
Per quest’ultima, i rettili possono beneficiare di luce solare diretta o di terrari correttamente illuminati.

 


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!