Cani dominanti

È importante la gerarchia per i nostri compagni a quattro zampe. Ecco perché i nostri amici, a volte, prendono il comando... Per parlare di "dominanza” cominciamo col chiederci: il cane è un lupo? Biologicamente potemm ....
continua

L'olfatto del cane

Il cane ha un olfatto molto acuto che permette forme di comunicazione importantissime per questo animale… e irrimediabilmente precluse a noi umani. La comunicazione olfattiva usa messaggi che durano nel tempo e restano lungamen ....
continua

Vivere con un Border Collie

Dott.ssa FRANCESCA PAPI Dottore in Scienze delle Produzioni Animali Dottoranda del Dipartimento di Scienze Fisiologiche Facoltà di Medicina Veterinaria di Pisa GRUPPO ETOVET "Non solo Agility" Vivere con un Border Co ....
continua

Il ruolo del cane nell'America

Dott.ssa SILVIA DIODATI - Medico Veterinario Nei brevi percorsi di caccia come nelle più lunghe migrazioni, da millenni il cane segue l’uomo ovunque. Per questo non poteva mancare quando gli europei cominciarono il cammino ....
continua

Cani: Atleti di razza

A cura di ALDO VIOLET - Educatore e Rieducatore Cinofilo APNEC Atleti di Razza La maggior parte dei proprietari spesso dimentica che i loro cani hanno esigenze che vanno al di là di una ciotola piena, una cuccia comoda e tanto af ....
continua

Impariamo a viaggiare con i nostri pet

ANGELICA D’AGLIANO L’auto è accesa, le valigie sono fatte e ogni cosa è al suo posto prima del viaggio. Così saliamo in macchina e ecco che nello specchietto retrovisore vediamo il nostro amico semi sdraiato sul sedile dietro, c ....
continua

Problemi di comunicazione

Dott.ssa Ludovica Pierantoni dottoranda presso l'istituto di Fisiologia Veterinaria di Pisa Gruppo ETOVET. Diamoci del tu Problemi di comunicazione A NASO Il principale sistema di comunicazione del cane è quello olfattivo: i ....
continua

Cani da caccia a rischio

Angelica D'Agliano PIANETA CACCIA: Cani a rischio Ogni anno muoiono a migliaia, rimangono feriti o sono fonte di danno "per cose o persone”: l’attività venatoria per i nostri amici a quattro zampe è una pratica ch ....
continua

Etichetta: istruzioni per l'uso

ANGELICA D'AGLIANO Etichetta: istruzioni per l'uso Dalla A alla Z Prima cosa da chiedersi: questo mangime è completo? Se il prodotto che abbiamo preso in esame riporta la scritta "mangime completo”, allora vuol ....
continua

La paura dei tuoni

ANGELICA D'AGLIANO Se sospettiamo che il nostro beniamino soffra di fobia dei tuoni la cosa migliore da fare sarebbe quella di rivolgersi a un buon educatore cinofilo.Altra buona strada è quella di cercare di far associare al nostro c ....
continua

Adottiamo un trovatello

ANGELICA D'AGLIANO Li vediamo qualche volta in tv, ne leggiamo sui giornali se c’è qualche annuncio animalista, ce ne parlano i volontari che li conoscono bene e stanno con loro ogni giorno: sono gli ospiti dei canili, g ....
continua

Dogue de Bordeaux

ANGELICA D’AGLIANO Vigile e coraggioso, il Mastino Francese ama i bambini ma è anche un amico eccellente per gli adulti! Denominato anche "Mastino Francese”, il Dogue de Bordeaux è probabilmente una delle più antiche e p ....
continua

Yorkshire

Yorkshire A cura di Angelica D'Agliano UN PICCOLO AMICO CON UN GRANDE CUORE Vivace, attento e intelligentissimo, è il "terrier da compagnia” per eccellenza. Antonella Tomaselli ci parla dello yorkshire e d ....
continua

Tosa Inu

Foto a cura di Daniele Lissoni - dd. Stampa del Club Michele Curci Presidente Club Parmiciano Vincenzo Angelica D'Agliano Tenace e calmo, ma anche audace, il Tosa Inu è amato per il suo equilibrio, l’as ....
continua

Bulldog Inglese

Il nome del Bulldog inglese è tutto un programma. Questi animali dall’aspetto particolare (c’è chi li ha definiti, paradossalmente, "bellissimi nella loro bruttezza”) sono stati battezzati "cani toro” poiché verso la ....
continua

Mastiff

A CURA DELLA SEZIONE MASTIFF, DEL CLUB ITALIANO DEL MOLOSSO Presidente Antonio Fracassi, con la collaborazione dei sig. Rosario Mancusi e Paola Berlettani Il guardiano dei castelli Orsi e Leoni Le prime tracce sull ....
continua

Cocker Spaniel

Il cacciatore delle paludi A cura di ANGELICA D’AGLIANO Docile, allegro e intelligente ti incanta subito coi suoi grandi occhi scuri: il Cocker Spaniel è un amico tutto pepe... Il Cocker Spaniel, che non a c ....
continua

Pastore del Caucaso

Il colosso dell'est Il Pastore del Caucaso A cura dell’Allevamento DELLA GROTTA AZZURRA - Firenze Forte, fiero, adatto alla guardia e alla difesa, per natura diffidente verso gli estranei ma straordinariamente dolce con i ....
continua

Boxer

ANGELICA D'AGLIANO Il Boxer è un molossoide nato abbastanza di recente, in Germania, dall’incrocio tra il Bullenbeisser e il Bulldog Inglese. Affettuoso, socievole e dolce, il Boxer è un perfetto compagno dei bambini, coi ....
continua

Bassotto

Un BASSOTTO... per amico A cura di CANDIDA PIALORSI FALSINA Presidente Onorario dell' A.B.C. Per tutti i gusti I Bassotti Tedeschi esistono in ben nove razze con tre diversi tipi di pelo - corto, lungo e ruvido - e con tr ....
continua

Hovawart

A cura di VERONESI SIMONA presidente Associazione Italiana Amatori Hovawart HOVAWART Compagno estremamente versatile, nato per fare la guardia a cascine e villaggi, (da qui la parola Hovawart che letteralmente significa Hova – co ....
continua

Carlino

Club Italiano Amanti del Carlino Il Cane MANDARINO IL CARLINO Buffon lo chiamava "Doghino”, Cornevin lo definì "la miniatura del Dogue de Bordeaux”. Reul lo considerò un Mastino ridotto alle minime proporzioni. Gli amant ....
continua

Pechinese

Il PECHINESE ANGELICA D'AGLIANO È vecchio di quattromila anni e deriva dall’incrocio tra un leone e una scimmia. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul cane degli dèi... Amici... sacri Le origini del Pechinese ....
continua

Alano Tedesco

Dott.ssa AMELIA MURANTE - Medico Veternario Presidente della Società Italiana Alani Giudice Internazionale Enci - Allevatore di Alani Ha origini antiche: partendo dai temibili molossi da guerra greci e romani, passando per ....
continua

Beagle

Il Beagle è forse uno dei cani più famosi al mondo. Chi non conosce Snoopy, il dolcissimo bracchetto protagonista della strisce a fumetti "Peanuts”? O la strampalata banda Bassotti, della Disney, chiamati non a caso in inglese Beagle Bo ....
continua

Bovaro del Bernese

CABBI (Club Amatoriale Bovero Bernese Italia) - Tel. 0445741347 - Cell. 3381613919 www.cabbi2000.it -cabbi2000@libero.it Quando il "Durrbachler” debuttò alla prima mostra, nessuno immaginava che questo semplice cane da lavoro si ....
continua

Rottweiler

Rottweiler A cura del Dott. MARIO BUONFRATE - Medico Veterinario, perfezionato in ortopedia e traumatologia, allevatore di Rottweiler, assistente giudice specialista di razza. CANI GLADIATORI Il Rottweiler deriva il pr ....
continua

West Highland White Terrier

La razza nasce in Scozia e più precisamente nella sua parte occidentale, le Highlands. I terreni di caccia offrono in queste zone un’ampia varietà di prede che dimorano in tane scavate nel terreno, da qui la necessità di avere ....
continua

Barbone

Il Barbone Il cacciatore che viene dalla Francia A cura du ANGELICA D'AGLIANO Le origini del Barbone risalgono al tardo Medioevo. Diverse fonti iconografiche, infatti, mostrano esemplari di Barboni che poi vennero identifica ....
continua

La moda per il cane

MODA a 4 zampe Dott.ssa FEDERICA MICANTI - Medico Veterinario Negli ultimi decenni, come ormai tutti sanno, per merito di mass-media, riviste più o meno specializzate, ecc, il benessere dei nostri amici a quattro zampe, sop ....
continua

Esposizioni canine

Belli si nasce... campioni si diventa Dott.ssa Francesca Papi - gruppo ETOVET - Dottoranda del Dipartimento di Anatomia, Biochimica e Fisiologia Veterinaria, Università di Pisa Contemporaneamente al nascere degli enti nazion ....
continua

Problemi alle ossa nel cane

Dott.ssa SABRINA DOMINIO - Medico Veterinario Problemi alle ossa? Aiutalocon ladieta Le patologie scheletriche sono sempre più diffuse fra i nostri amici cani;pensate che rappresentano il 25% delle cause delle visi ....
continua

Il cane anziano

L'età d'oro del cane Dott. MANUEL MENGOLI Medico Veterinario -dottorando presso il Dipartimentodi Scienze Fisiologiche di Pisa, gruppo ETOVET Alcuni studiosi li chiamano "golden years" perché sono simili all ....
continua

La leptospirosi nel cane

Dott. DIEGO MANCA - Medico Veterinario La Leptospirosi E’ frequente in primavera e in autunno, ed è causata da microrganismi chiamati Leptospire. Colpisce gli animali selvatici e domestici. E purtroppo può fare ....
continua

cani con difficoltà nel camminare

SILVIA DIODATI - Medico Veterinario A spasso ma... lentamente I CANI CHE COMINCIANO A CAMMINARE CON DIFFICOLTA’ O CHE ZOPPICANO DA SEMPRE POSSONO VENIRE AIUTATI DALLA CHIRURGIA Milo, i ....
continua

Il diabete del cane

Dott.ssa SABRINA DOMINIO - Medico Veterinario Il Diabete del Cane Il diabete mellito è uno squilibrio endocrino che, purtroppo, colpisce anche il nostro fedele amico, specie se incomincia ad essere avanti con gli anni. L ....
continua

La fitoterapia negli animali

Dott.ssa FEDERICA MICANTI - Medico Veterinario La fitoterapia Curarsiconle piante La fitoterapia trae origine dalla medicina popolare, cioè in poche parole dalla medicina empirica e tradizionale. Tuttavia al giorno d’oggi pu ....
continua

Prevenzione contro la filiariosi

Vermi La filariosi cardio-polmonare è una malattia che colpisce, portando anche alla morte, gli animali domestici e principalmente i cani che sono gli ospiti ideali e "serbatoio” del parassita denominato Dirofilaria immitis. Le larve ....
continua

Cinque consigli per curare l'artrosi del cane

A cura della Dott.ssa FEDERICA MICANTI Medico Veterinario L’artrosi è una malattia delle articolazioni che colpisce principalmente i cani, ma può capitare anche ai gatti. Negli animali di solito i ....
continua

SOS le convulsioni nel cane

Dott. DIEGO MANCA - Medico Veterinario Minaccia silenziosa Qualche mese fa ho visitato d’urgenza una cagnolina in lattazione che, a detta del proprietario, era in preda ad una violenta crisi epilettica. Dopo i primi istanti ....
continua

L'endoscopia digestiva nel cane e nel gatto

Dott. MARCO CHIERICHETTI - Medico Veterinario Vediamoci chiaro... L’endoscopia flessibile è uno strumento che, sfruttando le fibre ottiche (FIBROENDOSCOPIO) o una piccolissima videocamera digitale (VIDEOENDOSCOPIO), ....
continua

Il mal d'orecchi nei cani

IL MAL D'ORECCHI Si manifestano con arrossanebti, dolore e un prurito intenso: le otiti sono fra i disturbi che affliggono con più frequenza i nostri amici a quattro zampe. Dott. MAURO BIGLIATI - Medico Veterinario Gratta ....
continua

Displasia, conoscerla per evitarla

Per ANMVI Dott. MARCO MELOSI e Dott.ssa SILVIA MACELLONI - Medici Veterinari Nell’articolo precedente abbiamo introdotto il concetto di displasia ed abbiamo iniziato a tracciarne le caratteristiche. Abbiamo precisato che la displasi ....
continua

Veleno, se non lo conosci li uccide

ANGELICA D'AGLIANO Questa guida non dovrebbe mai essere usata. Questa guida, in una paese civile, non dovrebbe nemmeno esistere. Eppure noi la pubblichiamo, con la speranza che si riveli del tutto superflua, o che, nella peggior ....
continua

Il criptorchidismo del cane

Dott. DIEGO MANCA - Medico Veterinario Di solito capita per caso, in occasione della visita di controllo o alla prima vaccinazione: il veterinario esamina il cucciolo e si accorge della mancata presenza di uno o entrambi i testi ....
continua

La displasia del gomito

Per ANMVI - Dott. Marco Melosi - Dott..ssa Silvia Macelloni - Medici Veterinari Negli articoli precedenti abbiamo introdotto il concetto di displasia e abbiamo imparato come riconoscere, diagnosticare e prevenire quella d’a ....
continua

Displasia che fare?

Per ANMVI Dott. MARCO MELOSI e Dott.ssa SILVIA MACELLONI Medici Veterinari Fondamentale è la prevenzione, attraverso la selezione dei riproduttori e la diagnosi radiografica precoce. Un esame approfondito D ....
continua

I calcoli urinari nel cane

Dott.ssa FEDERICA MICANTI - Medico Veterinario Quei sassolini che fanno tanto male... I calcoli urinari Compaiono più facilmente in certe razze piuttosto che in altre, possono dare forti irritazioni e nei casi pi ....
continua

Leishmaniosi una malattia pericolosa

Recentemente si è assistito a un incremento della leishmaniosi canina a livello mondiale, legato a diversi fattori come i cambiamenti climatici. Infatti il riscaldamento globale del pianeta ha aumentato le aree in cui sono diffusi gli inse ....
continua

La torsione dello stomaco

La causa scatenante della torsione di stomaco quasi sempre è rappresentata da salti, rotolamenti e cadute dopo un’abbondante ingestione di acqua o cibo. Normalmente si assiste da prima, anche se non è una regola, alla dilatazione dello ....
continua

Fra omeopatia e medicina

LA MEDICINA OMOTOSSICOLOGICA È SPESSO CONSIDERATA COME L’EVOLUZIONE IN SENSO MODERNO E SCIENTIFICO DELL’OMEOPATIA CLASSICA, CON CUI SPESSO VIENE CONFUSA, POICHÉ UNISCE I PRINCIPI DEL PENSIERO OMEOPATICO CON LE CONOSCENZE IMMUNOL ....
continua

Chihuahua

Chihuahua A cura dell'Allevamento DEI REGAL DOGS - (FI) Origini e storia Il Chihuahua proviene dal Messico e con esattezza dalla città che è anche la capitale dell'omonimo stato messicano. Le sue origini sono ....
continua

La dieta del cane ammalato

La dietadell'ammalato Dott.ssa SABRINA DOMINIO - Medico Veterinario Quando un animale è gravemente malato, spesso i proprietari e gli stessi veterinari si concentrano sulla terapia farmacologica e chirurgica, dimenticando completamen ....
continua

Cioccolata: per i cani un veleno

Cioccolata: per loro un velenoA cura della Dott.ssa SILVIA DIODATI- Medico Veterinario DOLCISSIMA NEMICA: L’eccessiva e involontaria ingestione di cioccolata da parte del cane rappresenta uno delle 20 forme di avvelenamento ....
continua

1 2 3 4 5 6 
Cioccolata:

per loro un veleno

A cura della Dott.ssa SILVIA DIODATI- Medico Veterinario 

 

DOLCISSIMA NEMICA: L’eccessiva e involontaria ingestione di cioccolata da parte del cane rappresenta uno delle 20 forme di avvelenamento più frequenti di questa specie animale. Di solito questo tipo di avvelenamento è più frequente nei periodi di vacanza, quando, appunto, sembra che il consumo di cioccolata e di dolciumi aumenti. Pare che i cani che vivono in appartamento siano i più esposti a questo rischio e soprattutto i cani di piccola taglia, poiché la quantità di cioccolata che possono trovarsi a disposizione è molto più elevata rispetto al loro peso corporeo. Anche i cuccioli e i cani giovani, che già tendono facilmente ad ingerire qualsiasi cosa possono raggiungere, tendono con facilità ad ingerire elevate quantità di alimenti inusuali. Purtroppo rispetto ad altri animali, il cane è il più esposto al rischio di avvelenamento da cioccolata perché tende a consumare velocemente elevate quantità di cibi, anche sconosciuti. Inoltre la cioccolata è un alimento molto appetibile ed attraente e spesso si trova alla portata dell’animale in casa o in cucina.

 


I primi segni riportati sono vomito e diarrea che iniziano circa 2-4 ore dopo l’ingestione. Inizialmente gli animali colpiti mostrano agitazione, un aumento dell’attività fisica e un aumento della quantità di urina prodotta (poliuria) dovuta probabilmente all’effetto di sostanze presenti direttamente nella cioccolata. Fra i segni più tardivi a comparire si ricordano la rigidità degli arti, eccitazione, un aumento dei riflessi fino addirittura a convulsioni. Alla visita il veterinario potrà riscontrare un aumento della temperatura, un aumento della velocità della respirazione, del battito cardiaco, rigidità muscolare e una diminuzione della pressione. I segni più tardivi sono riconducibili alla comparsa di una insufficienza cardiaca, debolezza, fino addirittura al coma e, nei casi gravissimi (rari per fortuna) fino alla morte.
Tutti questi segni sono riconducibili alla presenza nella cioccolata di una particolare sostanza, un così detto alcaloide metilxantinico che agisce a livello dei vasi determinando una diminuzione del loro diametro (vasocostrizione), l’aumento del battito cardiaco e una stimolazione diretta del sistema nervoso centrale.

Nella maggior parte dei casi di avvelenamento, ha una sua importanza il tipo di prodotto dolciario ingerito, perché a seconda del tipo di cioccolata può variare la quantità dell’alcaloide presente (teobromina nel caso della cioccolata). Ad esempio il seme di cacao contiene da 14 a 53 grammi di teobromina per chilo di prodotto, la cioccolata fondente 16 grammi, quella al latte 2 grammi, la cioccolata calda 0,4 grammi e la cioccolata bianca 0,035 grammi, sempre per chilogrammo di prodotto. La dose minima letale di teobromina per il cane oscilla intorno ai 100-200 milligrammi per chilo di peso corporeo dell’animale. Circa 10 grammi di cioccolato fondente o 60 grammi di cioccolato al latte per chilo di peso corporeo dell’animale possono rappresentare un dosaggio potenzialmente letale per i nostri amici a quattro zampe. Di conseguenza, ad esempio, 450 grammi di cioccolato al latte o 120 grammi di quello fondente possono risultare fortemente tossici per un cane che pesa circa 7 chili.


DIAGNOSI: Le modificazioni che si riscontrano nel corso di esami del sangue in soggetti con avvelenamento da cioccolato, purtroppo, non sono specifici per questo tipo di problema. In alcuni animali si può riscontrare una diminuzione della glicemia causata dalle contrazioni muscolari aumentate e l’effetto diuretico della metilxantina può alterare leggermente l’esame delle urine. Per questi motivi non esiste un antidoto specifico per questo tipo di avvelenamento.


LA CURA

Risulta molto importante un tempestivo ricorso al proprio medico veterinario soprattutto se siamo certi che il nostro cane ha ingerito una notevole quantità di cioccolata. Il medico cercherà di provocare il vomito con alcuni farmaci o praticherà una lavanda gastrica se l’ingestione è recente e non ci sono ancora segni gastroenterici o nervosi. In ogni caso si dovrà somministrare del carbone attivo per assorbire gli eventuali residui di metilxantine ancora presenti nel tratto gastro-intestinale. Inoltre, può essere necessaria una terapia reidratante per compensare gli squilibri elettrolitici causati dal vomito. Per tenere sotto controllo gli eventuali segni nervosi come le convulsioni o i tremori muscolari, il veterinario somministrerà il diazepam fino a quando questi segni non saranno tenuti sottocontrollo. Gli animali che ricevono il trattamento adeguato in un tempo ragionevole, di solito entro 2-4 ore dall’assunzione della cioccolata, si rimettono completamente. Nei casi che presentano già segni neurologici, invece, la prognosi resta riservata.


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!