IN PRIMO PIANO

Prendersi cura di una cane è il primo passo in avanti verso uno stile di vita sano e sostenibile

Un approccio professionale per consolidare la relazione uomo - cane PRENDERSI CURA DI UN CANE TI CAMBIA LA VITA IN MEGLIO Ecco il "Team Building Pet Power 10” per stili di vita sani e sostenibili I cani renderanno gli uomini più buoni. Parola ...
Continua..
Incontrasino ed Airbnb per vivere esperienze uniche con gli asinelli del Rifugio

Incontrasino ed Airbnb per vivere esperienze uniche con gli asinelli del Rifugio Nell'anno che segna il decennale dell'apertura del centro ai visitatori, Il Rifugio degli Asinelli di Sala Biellese (BI), unica sede italiana dell'ente ...
Continua..
I dati mettono in luce che gli italiani sono sempre più amanti dei pet

 Italiani amanti degli animali: con loro in vacanza e anche in ufficio, purché si rispettino le regole! Cane e gatto ancora i preferiti, il 71% degli italiani è contrario agli animali esotici in appartamento. Gli italiani chiedono p ...
Continua..
GNV sviluppa servizi dedicati a chi viaggia con il proprio animale domestico

GNV E AGRAS PET FOOD UN’ESTATE DI SERVIZI PER GLI AMICI A 4 ZAMPE Dal 2008 la Compagnia sviluppa servizi dedicati a chi viaggia con il proprio animale domestico. Grazie alle partnership con Agras Pet Foods al via i prodotti e i servi ...
Continua..
Il cane-eroe Jecky ha ricevuto la decorazione dall'On. Brambilla

L’On. Brambilla consegna la decorazione al cane-eroe Jecky Una premiazione speciale per un cane speciale: Jecky, matricola militare 2262, in forza al nucleo Carabinieri Cinofili di Volpiano (TO), ha tre anni e con il suo fiuto ha scoperto ...
Continua..
Sta per iniziare l’Animalia Pet Week

Al via l’Animalia Pet Week Una settimana di eventi dedicati al benessere dei nostri amici a quattro zampe Quanto conosciamo i nostri animali domestici? Quali programmi e strumenti di prevenzione sono più opportuni per monitorare la loro ...
Continua..
Aiuto, ho trovato un animale
selvatico cosa fare?

In caso di ritrovamento di un animale selvatico in difficoltà, bisogna contattare tempestivamente le autorità di riferimento

A cura di ANGELICA D'AGLIANO
Sul ciglio di una strada, durante una passeggiata all’aria aperta, oppure semplicemente passando con la macchina in un luogo un po’ isolato può capitare di imbattersi in un animale selvatico, che magari ci sembra in difficoltà. Ma cos'è utile sapere in questi casi? Cosa è meglio fare e cosa è consigliabile evitare? Cerchiamo di scoprirlo insieme.
Habitat naturale
La prima cosa da sapere è che "la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato”. Questo vuol dire che se troviamo un animale selvatico, anche se in difficoltà, non è possibile tenerlo con noi, a meno che l’animale non sia in pericolo di vita, e comunque solo per il tempo strettamente necessario per metterlo in salvo. Oltre alle disposizioni di legge, dobbiamo sempre tenere a mente che gli animali selvatici sono molto diversi dai loro cugini domestici. Hanno quindi il bisogno, oltre che il diritto, di vivere la loro vita nel loro habitat naturale, dal quale non dovrebbero mai essere separati.
Al sicuro
Sarebbe quindi sbagliato pensare di poter portare a casa nostra un animale selvatico, solo perché magari ci siamo ritrovati a soccorrerlo in un momento di bisogno. Se l’animale che abbiamo trovato versa in una condizione di grave pericolo, possiamo metterlo al sicuro e contattare le autorità competenti, che potranno intervenire in caso di necessità. Per mettere al sicuro l'animale basterà usare una scatola di cartone, magari foderata con dei fogli di giornale, della misura giusta per contenere bene l’animale ma che allo stesso tempo non sia eccessivamente grande.

Gli animali selvatici sono molto diversi dai loro cugini domestici: hanno il bisogno, oltre che il diritto, di vivere la loro vita nel loro habitat naturale.

Cibo, no grazie!
Alla scatola dovranno essere praticati dei fori, in modo da garantire l’areazione. Tenendo l’animale il più possibile tranquillo e al buio gli risparmieremo una condizione di stress che potrebbe essere molto dannosa per la sua salute. Meglio non usare le gabbiette che ospitano comunemente uccellini, criceti o altri pet, perché in alcuni casi gli animali selvatici potrebbero ferirsi, nel tentativo di fuggire. Evitiamo anche di somministrare cibo all’animale, anche se magari sul momento potrebbe sembrarci naturale rifocillarlo: rischieremmo di fare dei danni. 
SOS
Una volta che l’animale è stato messo al sicuro, dovremo contattare tempestivamente le autorità di riferimento, che in questi casi sono la Polizia Provinciale competente per il territorio e il servizio veterinario ASL, se l’animale viene considerato pericoloso, oppure il Corpo forestale dello Stato al numero unico  1515. In caso di situazione di particolarmente complesse, è possibile rivolgersi ai Vigili del fuoco (numero nazionale 115) oppure alla Guardia Costiera (numero nazionale 1530).
Abbandonato a chi?
A volte il ritrovamento di un animale selvatico può farci pensare ad una situazione di difficoltà, anche se non sempre è così. È il caso, ad esempio, dei cuccioli di diverse specie, che a volte sembrano abbandonati, sebbene di fatto non lo siano. Può succedere che i piccoli di diverse specie selvatiche (per esempio il capriolo) vengano tenuti d’occhio da lontano dalla madre e che quindi, a un primo sguardo, possano erroneamente sembrare abbandonati o in difficoltà. Questo discorso è valido anche per diverse specie di uccelli, che si avventurano nel mondo esterno fin da piccoli, senza aver sviluppato ancora perfettamente la capacità di volare.

A volte il ritrovamento di un animale selvatico può farci pensare ad una situazione di difficoltà, anche se non sempre è così. È il caso, ad esempio, dei cuccioli di diverse specie selvatiche, che a volte sembrano abbandonati, sebbene di fatto non lo siano.

Guardare ma non toccare
Se ci troviamo di fronte a una situazione del genere dobbiamo essere molto prudenti, perché in questi casi c’è il rischio di fare danni, anche se magari si è in perfetta buona fede. In generale, se ci capita di trovare dei piccoli sani e che non corrono pericoli evidenti ed immediati, sarebbe buona norma lasciarli dove sono, avendo cura di non toccarli, in modo da non lasciare loro addosso il nostro odore.
Maltrattamenti
Purtroppo può anche succedere di vedere un animale vittima di maltrattamenti. Dobbiamo sempre tenere a mente che il maltrattamento di animali è un reato perseguibile per legge. Quindi, se dovessimo trovarci,  nostro malgrado, ad assistere ad episodi di maltrattamento di animali, la cosa da fare è cercare di raccogliere il maggior numero di prove possibile (ad esempio scattando foto, cercando testimonianze di altre persone che potrebbero aver assistito all’accaduto, riprendendo la scena con il cellulare) e denunciare la situazione alle autorità, quali le  Forze di Polizia (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza), ma anche le Polizie Municipali e Provinciali.

Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!