Il gatto dalle 

ORECCHIE PIEGATE 

VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLO SCOTTISH FOLD

 

Nel periodo di muta gli Scottish Fold richiedono spazzolature quotidiane, soprattutto per rimuovere il pelo morto.


Sono docili e affettuosi, e hanno un musetto tondo che sembra quasi che sorrida quando guarda il mondo che ha di fronte.

Ma la cosa più curiosa, e bella, sono le orecchie: due delicate lingue di pelo ripiegate in avanti.

Non stiamo parlando di una creatura delle favole ma di un gatto in carne e ossa, nato piuttosto di recente grazie alla passione e all’amore di una coppia di Tayside: si tratta dello Scottish Fold.


Scozzesi

Il nome della razza dà alcune informazioni importanti su questi gatti.

Scottish, infatti, vuol dire scozzese, mentre Fold in inglese significa piegato. Ciò vuol dire che gli Scottish Fold sono nati in Scozia e portano nel loro patrimonio genetico la caratteristica di avere le orecchie piegate.

 

 

Quando si sceglie un gattino Scottish Fold è bene fare attenzione che non abbia problemi di salute e in particolare alle articolazioni. La coda deve essere flessibile: per verificarlo la si può far scorrere dolcemente nell’incavo della mano, come nel gesto di una carezza, stando bene attenti che la manovra non metta a disagio il gattino.


Mamma Susie

Come detto, lo Scottish Fold è una razza nata piuttosto di recente, e si potrebbe dire quasi per caso. In una fattoria accadde infatti la nascita piuttosto insolita di una gattina, Susie, che aveva delle simpatiche orecchie ripiegate.

Si trattava di una particolarità piuttosto vistosa, che venne notata quasi immediatamente dai coniugi William e Mary Ross, entrambi appassionati catofili. Quando Susie partorì i suoi primi cuccioli, William riuscì ad adottare un gattino che presentava, come la madre, la caratteristica di avere le orecchie piegate.


Orecchie... dominanti

Quel piccolo cucciolo si chiamava Snooks, e di fatto fu il primo passo verso la nascita della razza degli Scottish Fold. Snooks fu incrociato da William con un British Shorthair e si scoprì in quel modo che le orecchie ripiegate erano un carattere che si trasmetteva dai genitori ai figli.

Si intuì che con ogni probabilità l’orecchio ripiegato era un carattere geneticamente dominante.


Non tutti i figli di uno Scottish Fold nascono con le orecchie ripiegate. I figli di Scottish Fold con orecchie dritte vengono chiamati "Straights”, e sono usati comunque nei programmi di selezione.


Incrociati

In un primo momento la selezione non andò bene. Il gene dell’orecchio piegato, infatti, era associato a problemi fisici e alle articolazioni. Per questi motivi, Mary Ross, che non era donna da arrendersi tanto facilmente, negli anni Settanta (per la precisione era il 1971) inviò qualche micio "Fold” al genetista Neil Todd, in Massachusetts. Todd pensò di continuare la selezione procedendo con degli incroci, in particolare con British Shorthair, Exotic Shorthair e Shorthair americani.


Rinascimento di razza

L’impegno di Todd fu ampiamente ripagato e la razza tornò ad essere vigorosa e a unire l’aspetto delle orecchie ripiegate a un’ottima salute. Per questo i Fold ebbero un riconoscimento ufficiale e nel giro di pochi anni diventarono una razza ufficialmente riconosciuta dalla Tica e dalla Cfa.

 

Gli Scottish Fold devono essere sempre accoppiati con gatti dalle orecchie dritte: ciò consente alla razza di mantenersi forte e sana. Oggi sono autorizzati accoppiamenti con British Shorthair e American Shorthair.


Occhi grandi

Oggi lo Scottish Fold è un gatto dall’aspetto solido e armonioso. Questi splendidi gattoni hanno un’ossatura forte e buona muscolatura. Gli occhi grandi e le caratteristiche orecchie, ripiegate in avanti, accentuano la rotondità del muso, che ha un’espressione dolce ed intelligente.


 

Mansueti

Per quanto riguarda il carattere, i Fold sono tra i mici più dolci e mansueti che esistano. Amanti delle comodità si abituano facilmente a vivere in appartamento, purché abbiano modo di fare una quotidiana attività fisica (caccia, esplorazione e altro). All’interno della famiglia i Fold sanno trovare il loro posto entrando in sintonia perfetta con grandi e piccini. Spesso può capitare che si affezionino con particolare devozione a un membro della casa e lo riconoscano come punto di riferimento.

 

A partire dalle quattro settimane di vita si può capire se un cucciolo avrà o meno le orecchie ripiegate dei "Fold”. È un gatto mite e di compagnia. Non di rado riesce ad accettare la presenza in casa anche di altri animali.

Da trattare con cura

A meno che non presentino problemi congeniti (cosa rara al giorno d’oggi), gli Scottish Fold sono animali tendenzialmente sani e che quindi richiedono poche semplici cure.

Chi adotta uno Scottish Fold dovrà avere cura delle sue orecchie straordinarie, che devono essere pulite con metodo e delicatezza praticamente ogni giorno.

Un’alimentazione completa e bilanciata, preferibilmente con un mangime industriale di alta qualità, e delle regolari visite di controllo dal medico veterinario permetteranno infine di avere con noi un micio forte e sano.


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!