Balinese

Il gatto che "danza”

a cura di Angelica D'Agliano

 

Il Balinese mantiene molte delle caratteristiche del Siamese, sia per quanto riguarda l’aspetto fisico sia per l’espressione intensa e intelligente, tanto è vero che può praticamente essere considerato la variante a pelo semi-lungo del Siamese

Il suo nome potrebbe far pensare a una razza esotica, invece il Balinese proviene dagli Stati Uniti. La storia di questo splendido gatto ha inizio negli anni Cinquanta, quando si decise di tentare una ibridazione tra gatti Siamesi e a pelo lungo, detti anche d’Angora. Con grande sorpresa, una cucciolata vide nascere un micetto a pelo lungo. Si trattava di una mutazione genetica, ma a quei tempi non era ancora noto che la caratteristica del pelo lungo, nel Siamese, fosse un carattere recessivo.

Aggraziato

Inizialmente considerati come semplici animali da compagnia, dopo il secondo conflitto mondiale cominciarono ad essere selezionati con l’intento di creare una vera e propria razza. Questa importante opera di selezione si deve ad alcuni allevatori californiani e il riconoscimento ufficiale della razza risale al 1961. Curiosa l’origine del nome che, come detto, non rimanda alla provenienza geografica del nostro micio, quanto piuttosto alla sua particolare andatura e alle proporzioni armoniose, che ricordano, appunto, quelle delle magnifiche danzatrici dei templi balinesi.

Occhi magnetici

Il Balinese mantiene molte delle caratteristiche del Siamese, sia per quanto riguarda l’aspetto fisico sia per l’espressione intensa e intelligente, tanto è vero che può praticamente essere considerato la variante a pelo semi-lungo del Siamese. Si tratta di un gatto di taglia media, il cui peso oscilla tra i 2,5 kg e i 5 kg, dal fisico snello e asciutto e l’ossatura sottile. Il suo sguardo magnetico ricorda appunto quello del Siamese, complici anche gli occhi di forma orientale e di colore blu intenso. Rispetto a quest’ultimo, la sua voce è meno intensa, ma conserva comunque un timbro melodioso, che si intona molto bene al suo portamento distinto e aristocratico. Il mantello è una delle caratteristiche salienti della razza. Esso si presenta semi-lungo, più lungo e sontuoso sul collo le spalle e la coda, praticamente in tutte le colorazioni del Colorpoint Shorthair e del Siamense.

Il Balinese ha una voce dolce dal timbro melodioso, che si intona molto bene col suo portamento distinto e aristocratico; vive bene in casa ma ha anche bisogno di muoversi molto, sia per tenersi sempre attivo, sia per rendere giustizia alla sua innata curiosità

Dolce ed estroverso

Il carattere del Balinese lo rende molto adatto alla vita in famiglia. Si tratta infatti di un micio estremamente dolce ed estroverso, che non ha problemi a fare amicizia e giocare con i bambini, purché venga loro insegnato come comportarsi e a non mancargli di rispetto. Benché voglia molto bene a tutta la sua famiglia umana, il Balinese tende ad affezionarsi in particolare a una sola persona, un po’ come fanno talvolta i cani. Non è comunque un gatto che possa essere lasciato da solo.

 

Freddo? No grazie

Se volete fare felice un Balinese cercate di non sottovalutare le sue esigenze. Questo splendido gatto infatti vive bene in casa ma ha anche bisogno di muoversi molto, sia per tenersi sempre attivo, sia per rendere giustizia alla sua innata curiosità. Una cosa da non dimenticare è che il Balinese non ama i cambi troppo bruschi di temperatura e odia il freddo, per questo sarà necessario fornirgli un rifugio caldo e sicuro dove poter trascorrere i suoi momenti di riposo e di relax, soprattutto quando giugne la brutta stagione.

Il Balinese è un gatto di taglia media, il cui peso oscilla tra i 2,5 e i 5 kg, dalla corporatura snella e l'ossatura sottile

Spazzolati e felici

Essendo un micio dal manto semi-lungo, è necessario dedicare qualche attenzione in più alla cura del mantello, soprattutto nel delicato periodo della muta. Sarà sufficiente garantire una bella spazzolatura giornaliera (in commercio esistono spazzole adatte alle specifiche esigenze dei gatti con mantello lungo e semi-lungo), avendo cura di rimuovere i nodi che si sono eventualmente andati a creare. La dieta ideale del Balinese è costituita dall’alternanza di cibo secco e umido, di ottima qualità. La somministrazione di una dieta fai-da-te presenta qualche difficoltà aggiuntiva, dato che non sempre è facile creare in casa un menu completo e bilanciato. Per questo è bene, in tal caso, essere seguiti da un medico veterinario.



Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!