IN PRIMO PIANO

primo Smart District d’Italia a misura di PET!

UPTOWN: il primo Smart District d’Italia a misura di PET!  A Milano c’è un quartiere pensato per la convivenza tra le persone e gli animali domestici: ad UpTown sorgono case a misura di pet, con assicurazione, veterinario e ...
Continua..
Great Place to Work

 Great Place to Work® 2019 ROYAL CANIN SI CONFERMA TRA I BEST WORKPLACES ™ ITALIA 2019 L’azienda, pioniera nel pet-friendly office, nella classifica che premia i luoghi di lavoro d’eccellenza in Italia, graz ...
Continua..
Premio ca la zampa puppy

Premio Ca' ZampaPuppy. SONO PIPPO, GEORGE E AXEL I CUCCIOLI VINCITORI DEL PRIMO PREMIO CA’ ZAMPA PUPPY In occasione della National Puppy Day, a Brugherio decine di cani si sono sfidati per aggiudicarsi il titolo di cucciolo ‘più somig ...
Continua..
Farm Company acquisisce la distribuzione esclusiva per l’Italia del marchio Lanco

Farm Company distributore esclusivo Lanco  A partire dal mese di marzo, Farm Company acquisisce la distribuzione esclusiva per l’Italia del marchio Lanco. La storica azienda spagnola, fondata nel 1952, è il più antico produttore europe ...
Continua..
Nel Milanese nasce il primo campus italiano per educatori cinofili

Centro Cinofilo della Viola A Marcallo con Casone un centro di eccellenza per chi ama gli animali Nel Milanese dal 18 al 24 marzo un intenso programma teorico e pratico  LaCittà Metropolitana di Milano si prepara ad accogliere educatori ...
Continua..
Milano Pet Week: a settembre una settimana per celebrare gli animali da compagnia

MILANO PET WEEK Per la prima volta nel capoluogo lombardo, dal 28 settembre al 5 ottobre, un evento ricco di appuntamenti per i nostri compagni non umani: 60 milioni gli animali domestici in Italia Nasce la Milano Pet Week, la ...
Continua..

./website/data/picture/img_art_0410/bovaro.jpg

CABBI (Club Amatoriale Bovero Bernese Italia) - Tel. 0445/741347 - Cell. 338/1613919
www.cabbi2000.it -cabbi2000@libero.it

Quando il "Durrbachler” debuttò alla prima mostra, nessuno immaginava che questo semplice cane da lavoro si sarebbe fatto strada in tutto il mondo…


Ciò che balza agli occhi del Bovaro del Bernese – grosso cane dal pelo lungo e ondulato – è il disegno simmetrico e delimitato dai tre colori di base: nero, bianco e bruno rossiccio, che lo rende più che mai attraente.
Il Bovaro del Bernese deve le sue origini ai cani da fattoria tipici del Cantone di Berna, di cui però si ignorano sia la provenienza sia l’età, anche se tutto lascia supporre che la razza sia molto vecchia e cresciuta sul territorio svizzero.


Da guardia… e da traino

È nella terra di Schwarzenburg, a sud di Berna, che questo buon cane si è a poco a poco sviluppato. Dapprincipio paesani di quella regione l’apprezzarono come cane da traino, da guardia e conduttore del bestiame. Nella stessa regione si trova il paese di Dürrbach, che donò il suo nome alla razza; il Bovaro del Bernese venne infatti chiamato Dürrbachler.


Nuovo nome…… e nuova fama

Nel 1907, nell’esposizione di Lucerna, il Bovaro del Bernese suscitò l’interesse del giudice Albert Heim, che pubblicò un articolo sulla rivista ufficiale della Società Cinologica Svizzera: lo stesso Heim propose di cambiare il nome Dürrbachler in Bovaro del Bernese per analogia con le altre razze: Bovaro dell’Appenzel, Bovaro dell’Entlebuch e il grande Bovaro Svizzero.

Il Bovaro del Bernese trovò nel dottor Heim un grande promotore della razza; è sua la frase che divenne famosa: "Il Bovaro del Bernese è senza dubbio uno dei cani più belli nella sua normalità”.


Cuore d’oro

Al giorno d’oggi, il Bovaro del Bernese è un cane agile anche se grosso. Dietro la sua apparenza e i modi rustici si nasconde una natura sensibile e affettuosa.
È intelligente, allegro, socievole, mai sazio di affetto e coccole. Si presenta tranquillo e pacato, forse memore delle fatiche dei tempi passati, ma in caso di necessità sa proteggere  il suo amico uomo e i suoi beni.


Cattivi per caso

Questa razza cerca uno stretto contatto con le persone e soffre la solitudine: tenere un Bovaro del Bernese al di fuori della famiglia non soddisfa i suoi bisogni. Se un Bovaro del Bernese deve passare la sua vita in un recinto o lontano dalla persona tutta la sua personalità ne risente ed è possibile che il cane sviluppi un’aggressività che esula dalla sua natura.


Dobbiamo portare fuori il cucciolo ogni due ore al massimo, sopratutto dopo aver mangiato e dormito, lodandolo con entusiasmo ogni volta che avrà sporcato nel posto corretto.


Il polso giusto

Nell’educazione non dobbiamo mai brutalizzare il cane. Urlare è inutile e disorienta il cane e dimostra, ai suoi occhi, la mancanza di polso del proprietario. Amore e autorità vanno sapientemente dosati come calma, pazienza e costanza:  i risultati arriveranno sicuramente.


Angolo fresco

Il Bovaro del Bernese è un cane adatto a molti ma, data la sua mole, non è per tutti. Per vivere con un Bernese bisogna disporre di una casa adeguata con un piccolo giardino che offra riparo dalla calura estiva, dato (soffre molto il caldo).


Qua la zampa

Mettiamoci bene in testa che è necessario concedere l’accesso in casa al nostro Bovaro del Bernese. Questo implica che non si deve essere maniaci dell’ordine e che si deve sopportare qualche ciuffo di pelo sul pavimento o qualche zampata sugli abiti (magari appena indossati), perché è nella sua natura richiedere la nostra attenzione dato che si sente un componente della famiglia. Per evitare di arrabbiarci impariamo a considerare tutto questo come una serie di dimostrazioni d’affetto.


Praticamente tutti i Bernesi sono buoni nella loro prima giovinezza. Un cambiamento in negativo è da ricollegare nella maggior parte dei casi a un trattamento non appropriato.



Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!