Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 
SE FIDO NON È
 
 
PIÙ LO STESSO...

A cura della Dott.ssa Silvia Macelloni e del Dott. Marco Melosi - Medici Veterinari ANMVI

L’invecchiamento è un processo fisiologico che interessa tutti gli esseri viventi.

Anche i nostri cani dunque invecchiano e per fortuna ciò accade sempre piÚ spesso, visto il miglioramento delle loro condizioni di vita...


Come tutti gli organi e apparati, anche il sistema nervoso centrale invecchia; esso è particolarmente sensibile a questo processo perché i neuroni hanno scarse capacitĂ  rigenerative e riparative. Nell’animale anziano, inoltre, la produzione e il metabolismo dei neurotrasmettitori è modificato e ciò comporta variazioni dell’umore e delle capacitĂ  cognitive.


Una veritĂ  difficile

In realtĂ  umore e capacitĂ  cognitive sono molto influenzati anche da altri cambiamenti portati dall’invecchiamento, come ad esempio la variazione della concentrazione ematica degli ormoni tiroidei (T3 e T4), che tende a diminuire perché biosintesi e turnover subiscono rilevanti variazioni.

Non è facile arrendersi all’evidenza che il proprio amico a quattro zampe sta invecchiando; sappiamo che le patologie legate a invecchiamento cerebrale non sono arrestabili ma è importante coglierne i sintomi il prima possibile per poter ritardare la loro evoluzione.


Tanti disturbi, un unico male

Tutti questi aspetti vanno a costituire la Sindrome da Disfunzione Cognitiva del Cane Anziano (definizione anglosassone) che, secondo la scuola francese, comprende disturbi emozionali, cognitivi, dell’umore e delle condotte sociali. Per ogni tipo di disturbo, troveremo manifestazioni comportamentali diverse.


Umore instabile

La depressione da involuzione è una patologia legata a disturbi emozionali. È caratterizzata dalla presenza di una disfunzione affettivo-cognitiva per la quale il cane non riesce più a imparare ciò che gli si insegna e sembra aver disimparato anche comportamenti già appresi; varia la sua capacità di relazionarsi agli altri (aggressività o iperattaccamento sono spesso presenti) mentre l’umore è instabile. Può manifestarsi dopo i 7 anni di vita ma in genere compare negli animali molto avanti con gli anni.

 

Quando il sistema nervoso invecchia compaiono sintomi ben precisi: disorganizzazione dei comportamenti, alterazioni delle funzioni cognitive ed emozionali, aggravamento delle patologie comportamentali eventualmente in atto.


Se cambiare fa male

La depressione da involuzione spesso si palesa dopo un cambiamento delle abitudini: sospensione dell’attività, traslochi, cambio di proprietario o allontanamento di questo.

I sintomi spesso compaiono in modo subdolo, ma sono progressivi.

Il cane può cambiare le abitudini alimentari (aumento o diminuzione dell’appetito, appetito capriccioso); il sonno è disturbato (risvegli notturni con abbai, lamenti, deambulazione anche compulsiva, eliminazioni inappropriate); anche durante il giorno possono comparire eliminazioni inappropriate; possono essere presenti distruttività e altri sintomi dell’iperattacamento.

La terapia è farmacologica (psicofarmaci, integratori alimentari a base di fosfatidilserina), feromonale, comportamentale.

Si cercherĂ  di non far perdere le attivitĂ  sociali e di stimolare il cane a compiere giochi ed attivitĂ  interessanti.

Alzheimer... di Fido

La Sindrome Confusionale del Cane Anziano fa parte dei disturbi della sfera cognitiva ed è causata da lesioni cerebrali. È caratterizzata da disorientamento spazio-temporale e perdita degli apprendimenti.

È spesso comparata alla Malattia di Alzheimer dell’uomo. Il cane gioca di meno, fa meno le feste, non esegue piĂš i comandi appresi, si perde e si disorienta in luoghi conosciuti; talvolta ha momenti di fissitĂ , si blocca e guarda davanti a sé come perso; non trova piĂš la cuccia o la ciotola; chiede da mangiare quando giĂ  ha mangiato; fa i bisogni in auto, in casa, per strada; sembra non sentire. La terapia è anche qui farmacologica e comportamentale. Aumento del gioco e della cura del corpo, con la permanenza delle relazioni sociali, sono gli obiettivi principali.

 

La Distimia del Cane Anziano è un raro disturbo dell’umore spesso concomitante a Cushing o ipotiroidismo.


Bloccati

La Distimia del Cane Anziano è un raro disturbo dell’umore; il sintomo che spesso colpisce i proprietari è che il cane si blocca tra due sedie, o tra due poltrone, e non sa più come liberarsi; ringhia, geme, ma non riesce a tornare indietro e continua a incastrarsi. Può avere fasi di alterazioni comportamentali come insonnia, agitazione, aggressività incontrollata, alternate a periodi stabili o a periodi di depressione.

Il trattamento farmacologico si rende qui indispensabile e la prognosi è comunque infausta o riservata.

È necessario valutare la pericolosità del cane nelle fasi di aggressività prima di prendere ogni tipo di decisione.


AggressivitĂ  incontrollata

Come patologia delle condotte sociali troviamo l’Iperaggressività del cane Anziano.

Questa, come anche la precedente, è una patologia che crea una frattura potente tra cane e familiari.

Questi infatti si sentono spesso traditi dal proprio animale, che fino a quel momento è sempre stato loro fido compagno e che adesso li aggredisce in modo per loro inspiegabile.

Le aggressioni sono in genere non strutturate: il cane morde e poi ringhia, oppure ringhia mentre morde, ma in ogni caso aggredisce per motivi non prevedibili dal proprietario.


Precauzioni

Se questa malattia appare improvvisamente, si deve innanzi tutto sospettare una neoplasia cerebrale.

L’iperaggressività del cane Anziano può comparire in seguito a momenti di dolore e poi restare come aggressività di anticipazione (il cane ha paura che gli si faccia male e aggredisce appena ci si avvicina); possono esserci alla base disturbi di vista e udito che rendono l’animale impossibilitato a anticipare le azioni dei proprietari e che lo portano ad aggredire senza apparente motivo.

La prognosi dipende dalla causa e dalla gravitĂ  delle aggressioni. Va sempre attentamente valutata la pericolositĂ  del cane.

La terapia è farmacologica e comportamentale (precauzioni per evitare o anticipare le aggressioni).

Qualunque sia il problema, in ogni caso è sempre bene effettuare un’attenta visita clinica, seguita dagli esami necessari, e chiedere la valutazione comportamentale da parte di un Medico Veterinario Esperto in Comportamento. Solo l’esame del singolo caso, infatti, può assicurare una precisa diagnosi e una cura efficace!

 

La depressione da involuzione può essere causata da invecchiamento cerebrale, lesioni cerebrali, disendocrinie. Anche la presenza di uno stato ansioso precedente può predisporre alla comparsa della depressione da involuzione, come variazioni delle relazioni sociali o terapie farmacologiche.





Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!