Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 


Le dermatosi sono tra le patologie più frequenti nei nostri animali; la pelle è l’unico organo che può essere visto, toccato e odorato, tuttavia le reazioni della cute alle diverse affezioni sono poche e quindi molte dermatosi hanno manifestazioni cliniche simili. Per questo è importante una diagnosi precisa, in quanto la stessa sintomatologia può essere provocata da cause completamente diverse tra loro, e quindi le terapie possono essere anche dannose, se non sono quelle giuste.


Molte cause, pochi sintomi

Si parla di dermatosi in riferimento a qualunque malattia a carico della cute, ma piĂš spesso, anche impropriamente, si sente parlare di dermatite, un termine molto generico che indica un qualunque processo infiammatorio che si manifesta a livello del derma.

I fattori che provocano una reazione cutanea possono essere molti: batteri, funghi (dermatofiti, lieviti), parassiti, virus, protozoi, malattie allergiche (allergie alimentari, al morso di pulce, fattori ambientali), squilibri del sistema immunitario (patologie autoimmuni), problemi circolatori (vasculiti, ischemie), patologie ormonali (a carico di ipofisi, tiroide, surrene, gonadi), malattie metaboliche o da carenze nutrizionali. Trattarle tutte sarebbe veramente complicato, però molte di queste malattie, seppur diverse tra loro, hanno sintomatologia simile, per cui è opportuno ricercarne la causa. Vediamo come.


La pelle è l’unico organo che può essere visto, toccato e odorato, tuttavia le reazioni della cute alle diverse affezioni sono poche, quindi molte dermatosi hanno manifestazioni cliniche simili.


Croste e ferite

Per prima cosa bisogna distinguere tra i vari tipi di lesioni e la loro localizzazione, poi bisogna indagare sul tempo di insorgenza della lesione stessa e la presenza o meno di prurito (in questo caso è importante valutare se eventuali croste o ferite sono causate da auto traumatismo).

Anche la razza e l’etĂ  dell’animale sono importanti, perché alcune razze presentano tipiche patologie cutanee (come ad esempio l’adenite sebacea nell’Akita Inu) e inoltre alcune patologie sono piĂš frequenti nell'animale giovane rispetto a quello anziano.


Prurito maledetto

Tramite l’esame del pelo e un eventuale raschiato si dovranno poi escludere parassiti (pulci, zecche e pidocchi), micosi, presenza di acari (rogna sarcoptica e demodettica) che, se riscontrati, verranno trattati adeguatamente. Purtroppo, come giĂ  detto, tutte le patologie hanno un aspetto macroscopicamente simile, anche perché spesso ad un iniziale dermatite allergica si sovrappone un‘infezione batterica, dovuta alle lesioni da grattamento che si provoca l’animale, per cui la terapia, una volta accertata la diagnosi, prevederĂ  l’uso di antibiotici, da associare a cortisonici per calmare la causa del prurito oltre a eliminare, se possibile, la fonte dell’allergia.


Per capire la causa di una dermatosi (e curarla) è necessario distinguere tra i vari tipi di lesioni e la loro localizzazione.

 

Papule, pustole, croste e zone alopeciche sono tutte manifestazioni di reazioni cutanee e se si localizzano in alcune zone sono tipiche di patologie specifiche: ad esempio escoriazioni alla base della coda , nella parte terminale del tronco, sono tipiche della dermatite da pulce; aree alopeciche simmetriche, a livello dei fianchi possono far sospettare problemi endocrini; il leccamento degli spazi interdigitali, prurito e arrossamento diffuso possono essere indice di un’allergia alimentare.


Sotto controllo

Fondamentale è infine limitare le cause di dermatiti, per cui bisogna provvedere alla corretta profilassi antiparassitaria, fornire all’animale un’alimentazione corretta con pochi (meglio, anzi, nessuno!) extra e non lavare troppo spesso il cane, perché un eccessivo uso di detergenti porta a un essiccamento della cute, con sensibilitĂ  e irritabilitĂ  maggiore.

Non bisogna dimenticare che, spesso, le patologie della pelle sono la manifestazione di problemi piĂš gravi a carico di organi interni, patologie endocrine (Tiroide o Surrene) o malattie gravi (come la Leishmaniosi), quindi non bisogna mai trascurare una dermatosi, anche perché spesso la malattia cutanea tende a complicarsi e cronicizzare, diventando sempre piĂš difficile da tenere sotto controllo.

Una visita dal veterinario, quindi, è da farsi ogni qual volta si notino lesioni crostose, perdita di pelo, grattamento eccessivo, cute arrossata o pelo opaco, senza soffermarsi al problema esclusivamente estetico.




Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!